Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La mischia - Valentina Maini - copertina

La mischia

Valentina Maini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Varianti
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 20 febbraio 2020
Pagine: 512 p., Brossura
  • EAN: 9788833932248
Salvato in 112 liste dei desideri

€ 17,58

€ 18,50
(-5%)

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

La mischia

Valentina Maini

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La mischia

Valentina Maini

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La mischia

Valentina Maini

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 17,57 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Può la libertà – fragile e illusoria conquista del nostro tempo – rivelarsi uno strumento di tortura che occulta gabbie che non avevamo previsto? Valentina Maini risponde con le pagine di questo esordio sorprendente – una rete di storie che coinvolgono famiglie borghesi, spacciatori, maniaci, scrittori, tagliatori di valigie, cartomanti e donne delle pulizie – e lo fa con la decisione di Roberto Bolaño e Mathias Énard: guardando il caos dritto negli occhi.

Siamo nel 2007 in una Bilbao psichedelica, sfinita dagli ultimi fendenti del terrorismo basco. Gorane e Jokin hanno venticinque anni, sono gemelli e figli di due militanti dell’ETA. Cresciuti senza regole, prendono direzioni opposte e complementari: del tutto accondiscendente e passivo, Jokin, batterista eroinomane, sembra ricalcare le orme dei genitori, mentre Gorane, ambigua e introversa, prova a scostarsi dal loro insegnamento rifugiandosi in un mondo astratto che prosegue dentro di sé. A unirli però c’è un sentimento viscerale, anarchico, incomprimibile. Quando Jokin – che non regge più alla pressione – fugge e i genitori vengono coinvolti in una tragica vicenda, Gorane è preda di strane allucinazioni che la costringono ad andare da uno psichiatra. A Parigi Jokin conosce Germana, una splendida ragazza italofrancese con bizzarre manie da piromane, e inizia a suonare in giro per locali con un gruppo drum’n’bass. Eppure, nonostante la distanza fisica, le vite dei gemelli sembrano destinate a non separarsi mai. Sarà infatti il romanzo di uno scrittore francese a ricongiungerli. La mischia è un’opera polifonica, un mondo che collega la realtà ai nostri sogni più reconditi, un mondo dove l’unica forza trainante sembra essere quella cieca della violenza. Può la libertà – fragile e illusoria conquista del nostro tempo – rivelarsi uno strumento di tortura che occulta gabbie che non avevamo previsto? Valentina Maini risponde con le pagine di questo esordio sorprendente – una rete di storie che coinvolgono famiglie borghesi, spacciatori, maniaci, scrittori, tagliatori di valigie, cartomanti e donne delle pulizie – e lo fa con la decisione di Roberto Bolaño e Mathias Énard: guardando il caos dritto negli occhi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 6
5
5
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    paola

    10/06/2020 12:14:29

    Entrare in questo libro significa addentrarsi in un labirinto fatto di specchi, significa scegliere di perdersi tra quei corridoi dove tutto cambia costantemente, dove ciò che vedi sembra una realtà e poi scopri che è un riflesso o addirittura un'altra cosa. Se ne esce cambiati e non se ne esce proprio del tutto. Ho provato un forte senso di empatia e fusione con i personaggi, un senso di devastazione interiore, un senso quasi materno di protezione. Le strade dove ci portano questi due gemelli, Gorane e Jokin, sono opposte e simili, strade che è bello percorrere con loro senza anticipazioni. Sono due esseri in lotta, assetati di amore, benché gli fosse stato insegnato a farne a meno, a fare a meno di tutto per essere persone libere, come se la sottrazione rendesse forti. Ma libere da cosa? Quale concetto di libertà è esatto? E quale concetto di amore lo rappresenta davvero? È inevitabile perdere il controllo tra le pagine di questo libro. Quello in cui noi crediamo viene scardinato. Il senso di libertà, di amore, gli ideali che cerchiamo di trasmettere, anche ai nostri figli, che prendiamo come verità assolute, possono essere tossiche se non mortali per chi ci sta a fianco, senza peraltro rendercene conto. Mi sono fatta più volte una domanda: io sto facendo giusto oppure sono portatrice delle mie ossessioni, paure, credenze e sto infettando altri esseri umani consegnandoli alla follia? Valentina ci fa perdere tutti i punti di riferimento attraverso esistenze in carne ed ossa, alle quali è impossibile non affezionarsi. Ci fa arrivare sul fondo strisciando, per poi farci risalire e arrivare alla fine con il fiato corto, occhi pieni di lacrime, il cuore a pezzi ma completamente rinnovati. Valentina è un esordiente, dicono, ma qui di esordio vedo poco, vedo una grande storia, narrata nella maniera più anticonformista e antiborghese che esista, una scrittura cangiante, commovente, attenta, precisa. Una di quelli voci che ad ascoltarle rimani a bocca aperta. Amatissimo!

  • User Icon

    Jezz87

    10/06/2020 09:45:25

    In questo libro profondo e originalissimo c'è tutto quello che un lettore può cercare e ogni elemento convive con il suo opposto come fosse la cosa più naturale (e necessaria) del mondo: suspence, flussi di coscienza, interrogatori e dimensione onirica, scrittura allucinata e brutale realtà, violenza e introspezione... c'è persino la famosa "linea comica"! Certamente impressionanti sono lo stile della scrittura e la struttura stessa del romanzo, la maestria con cui un'autrice esordiente gestisce la mescolanza dei toni e dei registri e la molteplicità dei generi che (ovviamente) si "mischiano" in queste pagine per dare vita a una polifonia potentissima. Certamente un libro complesso, nella più lodevole e positiva delle accezioni, dove niente è gratuito o banale.

  • User Icon

    ilaria

    17/05/2020 18:24:47

    Scrittura complessa farraginosa ogni frase va letta e interpretata allucinogena Mi spiace non ho gradito non sono riuscita a decifrare la trama a dare una collocazione al libro è l’ho abbandonato dopo alcuni capitoli Non mi ha minimamente incuriosito

  • User Icon

    vmerli

    11/04/2020 17:27:55

    Da questo romanzo d’esordio si direbbe che Valentina Maìni è un’autrice promettente, non banale, che sembra saper maneggiare senza paura molti stili diversi tra loro. “La mischia” è un romanzo che affascina, travolge e sorprende ad ogni pagina. Da non perdere assolutamente!

  • User Icon

    Valentina Diamante Tosti

    28/03/2020 17:35:40

    Questo libro racconta con profondità e raffinatezza, senza mai essere inutilmente erudito, una generazione, quella dei trentenni come me, di una generazione in cui disagio, emarginazione personale e paura sono sentimenti non sconosciuti. Un romanzo senza tempo, ma attualissimo, vi chiedo solo di conoscere il personaggio di Gorane e di riuscire a non notare emozioni che stiamo provando tutti in questo periodo. Un libro che ha tanto da dire e sono sicura lo dirà.

  • User Icon

    Irene 04

    28/03/2020 15:44:38

    Romanzo sconvolgente, un vero pugno nello stomaco. Impossibile pensare che sia un esordio italiano. Si distoglie completamente dai racconti contemporanei di amori traditi e interni borghesi. Lo consiglio a tutti, cinquecento pagine che già mi mancano. Da leggere e rileggere. Io lo farò.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

Da sempre il problema nella letteratura, che poi non è un vero problema ma un fatto, con le conseguenti complicazioni che ne scaturiscono in un romanzo degno di questo nome, è capire chi fugge da chi. Se la letteratura dalla vita o viceversa. Questo è valido per la letteratura di tutti i tempi e ancor più per quella contemporanea forse. Ce lo insegna Bolaño, la cui grandezza continua a generare una fornita schiera di epigoni che se non tracceranno le stesse rotte dei suoi Detective selvaggi quantomeno provano a seguirne la scia. Non è il caso di Valentina Maini, la quale avrà anche lei i suoi padri putativi, più o meno inconsapevoli o riconosciuti, magari proprio Bolaño o per stare ancora più sul contemporaneo Mathias Énard, oppure, per rimanere ancora sui più recenti, il Rodrigo Fresan de La parte inventata (Liberaria) (ne ho scritto qui). Tutto questo, anche se forse non è così importante, ce lo potrebbe dire solo Valentina Maini, l’autrice de La mischia (496 pagine, 18,50 euro) il romanzo uscito per Bollati Boringhieri lo scorso febbraio che dimostra un’originalità e una ricchezza strutturale, di stile e contenuti che ha del sorprendente per un’autrice all’esordio. Struttura (ne parleremo), stile e contenuti, non manca niente in un’opera che si presenta apparentemente (apparenza è una delle parole chiave da tenere a mente per una tentata decifrazione del romanzo) come una “semplice” storia familiare, come in un canonico romanzo borghese, per quanto questo stia a significare, per quanto esista qualcosa del genere in natura (letteraria).

La famiglia è l’alpha e omega anche nel romanzo della Maini (in questo video per LuciaLibri i suoi consigli di lettura). Per quanto se ne possa dire la famiglia rimane, pur nelle forme storicamente determinate e continuamente mutevoli, la cellula fondamentale della società, fin dai tempi preistorici. Ne La mischia c’è una famiglia all’inizio e ce n’è un’altra alla fine, la stessa, ma che si è trasformata, che la mischia e i gap generazionali e storici hanno stravolto, rendendola irriconoscibile sebbene ancora radicata nei suoi elementi e componenti fondamentali, per quanto ormai disgiunti. La famiglia quindi, banale no? Ma in mezzo c’è molto, molto altro, prima di tutto la struttura appunto.

Il romanzo è diviso in tre parti: prima, seconda e la terza che è un breve finale di ventitré pagine, breve se in relazione al totale delle 496 del romanzo, finale che ha il sapore di un’epifania e allo stesso tempo una spiazzante rimessa in discussione di tutto quello che abbiamo letto fino ad allora, perché La mischia è un romanzo con il doppio e il triplo fondo a livello strutturale, un modello quantistico applicato alla narrativa.

La scrittura segue ed è seguita, affianca ed è affiancata dalla realtà, come due strade complanari che alcune volte collidono, si intersecano, si contaminano a vicenda e in altre si allontanano l’una dall’altra. Il plot del romanzo, perché ce ne è uno, ed è bello e denso, scaturisce da un romanzo scritto da Dominique Luque, un autore della borghesia parigina la cui figlia è stata ricoverata in ospedale a seguito dell’incendio a un teatro da lei stessa appiccato. Il romanzo nel romanzo dal titolo Entanglement «parla di persone che rimarranno legate per sempre» ha risposto Germana sorridendo «É un fenomeno che ti spiegherò, roba di particelle». Entanglement è un fenomeno quantistico. Il romanzo è per buona parte la narrazione “reale” di fatti accaduti, per un’altra è la stessa di Entanglement, il romanzo fantasma. É la storia di Gorane, una ragazza che per la sua patologia dissociativa, le sue visioni e la sua (significativa) scrittura a specchio, che la porta tra l’altro a scrivere sui volantini le stesse cose lì riportate, è in cura presso uno psichiatra danese (cosa ci fa un danese a Bilbao?), perché parte dell’ambientazione sono proprio i Paesi Baschi, Euskadi, quelle terre dilaniate per anni dal terrorismo. I genitori di Gorane e Jokin, il suo fratello gemello, sono membri dell’ETA, l’organizzazione indipendentista e separatista che ergendosi a paladina delle rivendicazioni del popolo basco, per oltre cinquant’anni ha insanguinato le terre di Spagna.

La narrazione dei fatti è collocata storicamente tra il 2007 e il 2008. Jokin è sparito, se ne è andato a Parigi abbandonando la sua famiglia in Euskadi. Jokin, del quale Gorane ci parla (è tramite il suo racconto che essenzialmente si forma la sua figura) e del quale va alla ricerca uscendo dal suo guscio è «Il suo fratello acqua. Il suo elemento è la fuga». La mischia è anche un romanzo sulla libertà, su uno scontro generazionale e pedagogico. La mischia è quella della vita, oltre che del materiale stilistico e letterario che caratterizzano il volume, un romanzo di sparizioni e fughe, dai Paesi Baschi a Parigi che ne diviene lo sfondo principale, la capitale francese espressione stessa della mischia della vita e della ricerca di Gorane del fratello, un batterista dipendente dall’eroina, proprio nella ville lumière, dove Jokin è fuggito trovando lavoro come “buttafuori” presso il Centro Pompidou, una Parigi in questo caso per niente scintillante, tra vagoni della metro nei quali i passeggeri fissano continuamente un punto nel vuoto, spacciatori, tagliatori di valigie. Gorane, la quale dirà: «L’unica mia dipendenza è Jokin, se lui non esistesse io non saprei cosa significa dipendere da qualcosa o da qualcuno», si getta nella mischia seguendo una pista letteraria, quindi inaffidabile, per ritrovarlo.

La mischia è anche un romanzo di disgiunzioni e separazioni. L’idea originale del titolo era infatti Separazione. É la separazione dei due gemelli, dei figli dai padri e dalle madri, nel caso di Gorane e Jokin due militanti di un’organizzazione terroristica, la cui stessa fatale sorte rimane nell’indeterminatezza (suicidio o omicidio per mano della stessa figlia?), quei genitori dei quali dirà Gorane: «volevano rimanere nella storia distruggendo la storia», quei genitori che diranno (nel terzo capitolo della prima parte sono loro a parlare):

    Poi abbiamo detto che la cosa più importante nella vita è imparare a non legarsi mai a niente. Dovete imparare che niente dura, così diventerete persone forti e ve la caverete nella vita

e ancora:

    Non abbiamo dato strumenti ai nostri figli ma solo spazi liberi in cui sbagliare. Non abbiamo aiutato il nostro paese ma abbiamo approfondito la sua ferita. Siamo stati pericolosi e mortali per chi ci è stato vicino. L’amore non ha contato niente.

Ma sarebbe riduttivo pensarlo come un romanzo su uno scontro generazionale e del resto di questi temi sono pieni gli scaffali delle librerie come lo sono di quei libri sulle cosiddette famiglie disfunzionali, benché quella di Gorane e Jokin possa essere definita tale. In questo caso è infatti il tema della libertà a entrare in gioco e a costituire uno degli assi portanti dell’intero romanzo. È la libertà di Gorane e Jokin, nati in un ambiente libertario e antagonista, con tutti gli effetti che ha avuto nel loro caso, dissipatore e disperato, è la libertà, o presunta tale, delle generazioni dei ventenni o dei trentenni di oggi, con tutti i possibili raffronti con quella delle generazioni precedenti. Il romanzo è quindi anche un interrogarsi sul senso della parola libertà, senza la necessità e la volontà dell’autrice di fornire delle risposte in merito, risposte che tantomeno i genitori dei due gemelli sanno fornire, cosa che trova un’espressione stilisticamente impeccabile in molti brani del capitolo a loro dedicato tramite l’espunzione della punteggiatura, dando alla loro voce un effetto quasi soprannaturale, lo stesso effetto fantasma che si può trovare in Dalle rovine di Luciano Funetta, assumendo la voce dei due militanti dell’ETA un aspetto ancora più strano, libero all’eccesso, senza una segnaletica interna precisa.

Gorane e Jokin sono due ferite, due enfants terribles che ricordano per certi versi i fratelli de Il giardino di cemento di Ian McEwan, due particelle quantiche, come quelle della terra basca che li ha generati, una terra divisa in due, con Gorane che si mette sulle tracce del fratello diventando persino spacciatrice di sostanze proibite per arrivare a lui. Dirà Gorane:

    L’unica persona che ho amato davvero, nella mia vita è stata mio fratello. Dopo che si è provato un tale amore per qualcuno, non si può amare nessun’altro

La Parte seconda è divisa in due movimenti, primo e secondo, come quelli nella musica classica di una sonata o di una sinfonia troncata a metà, interrotta. Circa questi due macrocapitoli vale ancora un accenno alla struttura e allo stile che sono le parti più interessanti del romanzo di Valentina Maini. È da qui in poi, rispetto alla narrazione “classica” che segue i diversi punti di vista dei personaggi della prima parte, che tutto si complica: lo stile diventa frattale, tra referti di ospedali, verbali di commissariati di polizia, registrazioni di conversazioni, brani di e mail, diari, resoconti di psichiatri, le tracce disseminate per Gorane alla ricerca del fratello, come in una caccia al tesoro, una scrittura che si nebulizza e si scioglie fra atmosfere bolaniane dietro lo specchio del gioco letterario:

    Guardi che è importante. È scomparsa una donna. La protagonista di un romanzo. Non si trova più la protagonista di un romanzo famoso.

Questo dirà Gorane mentre è alla ricerca di Germana, la figlia dello scrittore Dominique Luque, l’autore di Entanglement.

L’espediente meta letterario crea un avvolgente e aleatorio effetto phasing, straniante e allucinatorio. Dirà Gorane a proposito dello scrittore: «Ho lasciato fossati nel mio racconto che pare lui abbia riempito». Il codice, il percorso metanarrativo è tra gli elementi più affascinanti dell’esordio della Maini, Un libro che parla anche di come fare letteratura, del suo essere un lavoro artigianale, come lo stesso lavoro editoriale, bellissime ed esilaranti in tal senso sono le pagine con la sparata e il j’accuse dell’editore allo scrittore di Entanglement e per esteso a tutti gli scrittori, un meta letterario non fine a se stesso e una dilatazione dello spazio narrativo ben calibrato, che mantiene in piedi la struttura del romanzo per tutte le quasi cinquecento pagine, cosa non banale, fino all’epifania della Parte terza, quelle pagine che sembrano parlare di una qualche pacificazione e ricongiungimento, ma forse sono solo un grande rimescolamento di carte, l’ennesimo per questo romanzo senza punti fermi e certezze, sorprendente e bellissimo esordio di Valentina Maini al quale, rompendo forse il bon ton della recensione, mi sento di augurare le migliori fortune e lunga vita, al romanzo e ai personaggi nella mente (o altrove) dei lettori.

Recensione di Simone Bachechi

 
Note legali