Missa Sapientiae / Magnificat - CD Audio di Johann Sebastian Bach,Antonio Lotti,Thomas Hengelbrock

Missa Sapientiae / Magnificat

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Thomas Hengelbrock
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Data di pubblicazione: 26 novembre 2003
  • EAN: 0054727753428

€ 106,00

€ 124,71
(-15%)

Punti Premium: 106

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
A.Lotti - Missa Sapientiae
2
Bach - Magnificat
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
  • Antonio Lotti Cover

    Compositore. Allievo di G. Legrenzi, fu dal 1689 cantore in San Marco, dove divenne primo organista nel 1704. Dal 1717 al '19 dimorò a Dresda; qui, a capo di una compagnia d'opera italiana, fece rappresentare alcuni lavori teatrali commissionatigli dal principe elettore Federico Augusto. Dopo il 1719, rientrato a Venezia, non scrisse più per il teatro e si dedicò alla musica sacra. Negli ultimi anni di vita svolse le attività di maestro della cappella di S. Marco e di insegnante al conservatorio degli Incurabili; fra i suoi allievi, B. Marcello e B. Galuppi. L. fu un musicista di vasta dottrina e di austere concezioni artistiche. In campo melodrammatico accettò innovazioni di A. Scarlatti (come la sinfonia d'apertura in tre sezioni e l'aria col da capo), ma si tenne lontano dallo stile semplificato... Approfondisci
Note legali