Il mistero di Mangiabarche

Massimo Carlotto

Editore: E/O
Collana: Tascabili e/o
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 maggio 2012
Pagine: 223 p., Brossura
  • EAN: 9788876419713
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13
Descrizione

Seconda puntata delle avventure dell'Alligatore, ovvero Marco Buratti, investigatore non violento che ama il blues e beve Calvados. La sua sfiducia nella giustizia italiana (è stato condannato ingiustamente a sette anni di carcere) fa sì che preferisca farsi aiutare da un malavitoso di vecchio stampo come il suo amico Beniamino Rossini, piuttosto che ricorrere a giudici e poliziotti. Stavolta la vicenda si svolge tra la Sardegna e la Corsica: l'Alligatore ha ricevuto un incarico assai delicato, ovvero "rognoso", che lo porterà a uno scontro senza esclusione di colpi con una banda criminale di eterogenea composizione - ex agenti dei servizi segreti italiani e francesi, trafficanti di droga e avvocati corrotti assoldati per stroncare l'indipendentismo corso.

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Chiara

    25/02/2016 15:42:09

    Prova decisamente sottotono rispetto al brillante esordio de "La verità dell'Alligatore". Premetto che la vicenda non mi ha appassionato fin dalle prime pagine, perché le tematiche affrontate non incontrano il mio gusto personale. Ad ogni modo, la trama è convulsa, la maggior parte dei personaggi sono solo comparse e sembrano buttati lì per confondere ancora di più il lettore. Anche l'Alligatore viene stereotipato con il binomio blues / calvados e sembra subire passivamente le decisioni del fedele Rossini. Manca coinvolgimento e suspense, a tratti sembra di leggere stralci di cronaca locale. Ho fatto davvero fatica ad arrivare in fondo. Per il momento, non penso di proseguire con la serie.

Scrivi una recensione