Categorie
Traduttore: P. Olivieri
Editore: Feltrinelli
Edizione: 4
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 254 p., Brossura
  • EAN: 9788807884672
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Bonpland

    21/03/2014 01.14.49

    Gauss e Humboldt sono due colossi tedeschi delle scienze di inizio XIX secolo, e ripercorrerne le vite si presenta affascinante; ma sono proprio loro di cui leggiamo? In effetti, l'autore sembra averne studiato molto dettagliatamente le biografie, ma gli servono quasi da pretesto per lanciarsi in una narrazione talvolta ai limiti del fantastico e dare luce a tutto quello che non ha mai raggiunto le cronache ufficiali... Questo approccio potrebbe far storcere il naso a qualcuno, ma bisogna saper guardare oltre e capire che non si tratta di un saggio scientifico, bensì che il popolare Gauss e il nobile Humboldt diventano i simboli di due poli (forse) opposti dell'animo e della ricerca umane. Le loro peripezie sono spumeggianti, non c'è un attimo di respiro fra scene esilaranti e momenti surreali e metafisici. La vecchiaia dei due scienziati si tinge di malinconia sullo sfondo di tirannie e movimenti liberali. Non bisogna sforzarsi di cercare sempre una trama, perché la vita non ne ha una, ma ci si deve talvolta lasciar trasportare dalle suggestioni. Questo è un libro che ne regala molte, oltre a spunti di riflessione sull'urgenza di fare e pensare che da sempre agita l'uomo. La lettura è scorrevolissima, il ritmo alto, alcuni personaggi indimenticabili, mai frivolo. Caldamente consigliato.

  • User Icon

    fabio j.

    22/02/2009 20.55.31

    Un romanzo che non mi ha coinvolto, pur essendo a tratti interessante ed ironico. Mi aspettavo decisamente di più.

  • User Icon

    luca

    23/09/2008 17.46.30

    Con tratto leggerissimo e divertente, Kehlmann ci regala il lato umano di due geni dell'Illuminismo tedesco: Von Humboldt e Gauss. Monomaniaco il primo, per cui "La misura del mondo" (e del suo contenuto) è letteralmente passione e scopo unico di vita (il sesso, le convenzioni sociali, che assurde perdite di tempo..!!). Più rancoroso Gauss, consapevole con dispetto che il suo genio matematico spianerà la strada al progresso ed al benessere delle generazioni future, ma non può salvarlo dalla rudezza della vita del suo tempo. Illuminanti alcune situazioni, come quella di Gauss col mal di denti e del barbiere che gli cava quello sbagliato. Oggi, è anche grazie a Gauss che andare dal dentista è più sicuro e meno doloroso... Consigliato a chi vuole sapere sulle spalle di quali umanissimi giganti siamo seduti oggi.

  • User Icon

    benedetta

    01/02/2008 17.28.20

    Garbato e godibile. L'ho letto molto volentieri. A tratti delizioso.

  • User Icon

    giancarlo

    27/12/2007 17.01.26

    Bello, scorrevole nella lettura. Un romanzo storico-scientifico per tutti.

  • User Icon

    rita mottino

    27/04/2007 14.06.45

    Ho letto in un fiato l'opera di Kehlmann. I mostri sacri scendono dal piedestallo e diventano umani, a volte simpatici a volte insopportabili o patetici (vedi l'inconttro di Gauss con Kant). Non so se il rigore storico-scientifico sia stato pienamente rispettato, ma il romanzo è piacevole.

  • User Icon

    Gabriella

    25/02/2007 12.24.12

    E' un ottimo libro, intelligente, appassionante e divertente. Da leggere. C'è da chiedersi come mai gli scrittori italiani trenta-quarantenni scrivano per lo più storie che non vanno mai oltre pochi centimetri dal proprio naso.

  • User Icon

    luca mazzei

    14/02/2007 13.56.15

    Da leggere

  • User Icon

    Loredana Sardu

    27/12/2006 16.03.28

    Due scienziati assolutamente diversi con un unico scopo: misurare il mondo e se stessi. Humboldt, ritenendo che ”quando si ha paura delle cose bisogna misurarle“, dedicò la sua esistenza a studiare la vita. Esaminò tutto: animali, piante, terra, vulcani, montagne, fiumi. Studiò su di sé gli effetti delle sperimentazioni, il dolore fisico e la sopportazione dello stesso. Quello che aveva non bastava mai, l'obiettivo era sempre e comunque accumulare materiale di ciò che riteneva interessante nelle sue scoperte. Gauss, un personaggio scontroso ed egocentrico, il cui fondamento di vita era il ragionamento senza pause. Il pensiero era vivo, fatto di numeri primi. Arrivare all'essenza del numero era qualcosa da realizzare. Non ammetteva le lentezze del pensiero, sufficientemente sopportate nel padre e odiate nel figlio. Non ammetteva l'ignoranza, nonostante la madre analfabeta, l'unica donna che amò ”smisuratamente“. Daniel Kehlmann narra con ritmo vivace le storie di questi due scienziati, alternando le loro vicende senza far perdere il filo al lettore. Due percorsi diversi il cui scopo finale è la misura. Due uomini di scienza diversi, ma che per un brevissimo momento sono solo uomini : Gauss ha nostalgia di Johanna, la sua prima moglie; Humboldt non riesce a dimenticare e a liberarsi del senso di colpa di aver perduto quel cane pulcioso e puzzolente che aveva raccolto e portato con sé nei suoi viaggi, ma non per i suoi esperimenti.

  • User Icon

    Marco

    20/12/2006 09.39.56

    Bellissimo. E c'è chi non l'ha capito...

  • User Icon

    m@rco

    13/12/2006 16.12.25

    Gustosissimo, anche se tradotto con i piedi!

  • User Icon

    cdescisciolo

    17/10/2006 10.58.59

    Libro interessante, piacevole da leggere, con cui viaggiare nel tempo e nello spazio attraverso un racconto dettagliato e ben scritto delle originali e stravaganti avventure dei due personaggi.

  • User Icon

    Isabella

    09/10/2006 16.40.55

    Interessante. Due belle biografie, romanzate bene, di due grandi scienziati.

  • User Icon

    Oscura

    06/10/2006 12.35.18

    Siamo d'accordo che la realtà e la quotidianità anche di grandi figure del passato, come ad esempio von Humboldt e Gauss, possa essere squallida e meschina, ma francamente questo libro distrugge anche la minima parvenza di dignità dei due. Sicuramente è tutto documentato e storico, ma preferisco rimanere nell'ignoranza e continuare idealizzare ed a porre i miei miti scientifici in un empireo di fulgida bellezza ed incorruttibilità.

  • User Icon

    Simone

    14/09/2006 08.03.30

    Brutto... confusionario... si fa fatica a finirlo... Io spesso mi perdevo nella narrazione perchè si passa da un argomento all'altro, da uno spazio all'altro e da un tempo all'altro, senza connessione di causa. Sconsigliato

  • User Icon

    Filippo W2M

    11/09/2006 12.39.58

    Un viaggio agli albori di quell'irrefrenabile accelerazione cognitiva che - negli ultimi due secoli - ha fatto fare impressionanti balzi avanti al genere umano: la scienza. Kehlmann ripercorre le vite di due grandi menti teutoniche vissute nell'Ottocento - Alexander von Humbolt e Friedrich Gauss - due uomini antitetici tra loro eppure del tutto simili, quasi una sola cosa. Ricco rampollo di una famiglia nobile, misogino, instancabile viaggiatore, socievole, ossessionato dalla misurazione di ogni centimetro delle terre che andrà a calpestare con le proprie suole il primo; di famiglia umile, con un forte debole per il gentil sesso, refrattario agli spostamenti ed ai rapporti umani, dotato di un'intelligenza intuitiva ed universale il secondo. L'unica cosa che li accomuna è la necessità di togliere il velo del mistero che ancora copre il mondo, la natura, l'universo. Un excursus molto piacevole, interessante, a tratti divertente che ci riporta indietro di duecento anni, facendoci capire come invece da allora ne sembrino passati duemila: le scoperte, le intuizioni, le teorie che questi due illuministi tedeschi hanno regalato al mondo hanno aperto le porte ad un progresso scientifico che ha finito - nel giro di poco più di un secolo - per portare l'uomo sulla Luna. Ma accanto al lato scientifico de La misura del mondo, spicca - ed è il maggior pregio del romanzo di Kehlmenn, edito Feltrinelli - la descrizione dei due protagonisti, dei loro caratteri così diversi, delle loro fisime, delle loro paranoie e fissazioni, dei loro incontri e scontri, dell'apparente impossibilità di andare d'accordo che invece sfocia nella fine del romanzo in una vicinanza tanto intima da far credere alla possibilità di comunicare telepaticamnte tra i due... Questo aspetto del libro finisce per regalarci un affresco se non veritiero, per lo meno molto realistico degli uomini che si nascondevano dietro all'immagine giunta fino a noi, quella dei pionieri, degli innovatori, dei geni della scienza moderna. Affascinante.

  • User Icon

    Daniela

    20/07/2006 15.53.48

    Un modo originale e simpatico per presentare la biografia di due grandi. Dal punto di vista storico, non ci sono inesattezze e gli aneddoti che imperlano la loro vita fanno sentire ancora più vicini i due personaggi. Il testo è scorrevole, anche se dà l’idea di una narrazione senza pause, quasi di un fiume in piena che fatica a mantenersi negli argini, tanto che anche il discorso diretto non esiste: è una specie di discorso diretto, nella forma indiretta ma senza virgolette. La lettura è stata molto coinvolgente e mi ha permesso sia di scoprire cose che non conoscevo, sia di ritrovare aneddoti e episodi, che invece mi erano noti. Consiglierei la lettura a quanti amano il mondo scientifico e soprattutto a coloro che se ne sentono attratti ma al tempo stesso respinti: il libro è leggero e poco impegnativo (nel senso positivo dei termini), perciò alla portata di tutti.

  • User Icon

    Michela

    14/07/2006 17.51.51

    Secondo me è un libro decisamente sopravvalutato, spesso leggendolo mi sono annoiata e chiesta che senso avesse la narrazione... mi sono sforzata di finirlo, sperando che si riscattasse prima o poi, invece il finale mi ha deluso. Insomma, non un brutto libro, ma un po' sconclusionato. A chi piace la divulgazione scientifica ed è interessato alle problamatiche ddei grandi matematici consiglierei piuttosto libri come "L'enigma dei numeri primi" o "La sezione aurea": non sono romanzi ma sono certo più appassionanti del libro di Kehelmann...

  • User Icon

    antonio

    27/06/2006 17.18.32

    Precedente libro "La porta di Tolomeo", libro successivo "Il cacciatore di aquiloni". Faccio questa premessa perché il percorso fatto e da fare mi sembra importante. Premetto che si tratta di un libro ricevuto in regalo, che io non avrei comprato. Comunque, l'autore è un fuoriclasse ma io non amo i libri che non possiedono una storia vera e propria (anche se la trama cerca di essere avvincente). Sconsigliato agli amanti dei romanzi.

  • User Icon

    Busillis

    19/06/2006 17.20.57

    Un testo notevole, brillante, in fondo sorprendente per un autore così giovane, risultando godibilissimo soprattutto per chi non sia inesperto nel valutare i limiti di ogni sistema di pensiero. Questa è difatti la trama meno palese del romanzo, pur agevolmente smascherabile nelle frequenti illuminanti situazioni ironiche in cui vengono a trovarsi i due principali personaggi, figli della Germania del primo '800; l'uno, A. von Humboldt, viaggiatore instancabile e schiavo inconsapevole di quel razionalismo classificatore tipico del naturalismo tedesco che fece nascere in molti l'illusione di poter racchiudere tutta l'esistenza e il mondo in annotazioni e descrizioni di ogni specie di essere vivente (o anche morto ...), minerale o forza vitale misurati o sperimentati; l'altro, Gauss, giovane genio della matematica che studia la realtà del mondo senza muoversi dalla sua terra, rinunciando ben presto a cercare oltre quanto egli creda possibile, e adattandosi alle situazioni che la vita gli offre. Alcune scene, oltre a suscitare momenti di scioccante ilarità, resteranno memorabili per il lettore attento; il riso svela difatti meglio di ogni discorso la vuota erroneità di qualsiasi idea (o sistema filosofico) che non sia aperto ad accettare la propria stessa provvisorietà, alla luce delle modifiche che le esperienze, portate dal tempo o dallo spazio, possono rendere evidenti. Ma - si sa - considerare vera ed intangibile la propria visione del mondo è molto più rassicurante. Libro rivelatore in ogni pagina (che può anche esser solo letta come un semplice romanzo storico o d'avventure), anche nel finale, ove l'autore indica quale sarebbe stata, per i posteri, la terra della nuova "misura del mondo".

Vedi tutte le 23 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione