La misura dell'uomo

Marco Malvaldi

Editore: Giunti Editore
Collana: Scrittori Giunti
Anno edizione: 2018
Pagine: 300 p., Rilegato
  • EAN: 9788809864481

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Gialli - Gialli storici

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Un taccuino segreto. Una morte inspiegabile. Un genio che a distanza di cinque secoli gioca con la nostra intelligenza e ci colma di stupore.

«Questa capacità rende l'uomo simile a Dio: quella di inventare cose che non esistevano prima, e dare loro significato. Ogni uomo può dar forma, nella sua testa, a oggetti che non esistono, e convincere gli altri che tali oggetti esistono, o esisteranno.»

Ottobre 1493. Firenze è ancora in lutto per la morte di Lorenzo il Magnifico. Le caravelle di Colombo hanno dischiuso gli orizzonti del Nuovo Mondo. Il sistema finanziario contemporaneo si sta consolidando grazie alla diffusione delle lettere di credito. E Milano è nel pieno del suo rinascimento sotto la guida di Ludovico il Moro. A chi si avventura nei cortili del Castello o lungo i Navigli capita di incontrare un uomo sulla quarantina, dalle lunghe vesti rosa, l’aria mite di chi è immerso nei propri pensieri. Vive nei locali attigui alla sua bottega con la madre e un giovinetto amatissimo ma dispettoso, non mangia carne, scrive al contrario e fatica a essere pagato da coloro cui offre i suoi servigi. È Leonardo da Vinci: la sua fama già supera le Alpi giungendo fino alla Francia di re Carlo VIII, che ha inviato a Milano due ambasciatori per chiedere aiuto nella guerra contro gli Aragonesi ma affidando loro anche una missione segreta che riguarda proprio lui. Tutti, infatti, sanno che Leonardo ha un taccuino su cui scrive i suoi progetti più arditi – forse addirittura quello di un invincibile automa guerriero – e che conserva sotto la tunica, vicino al cuore. Ma anche il Moro, spazientito per il ritardo con cui procede il grandioso progetto di statua equestre che gli ha commissionato, ha bisogno di Leonardo: un uomo è stato trovato senza vita in una corte del Castello, sul corpo non appaiono segni di violenza, eppure la sua morte desta gravi sospetti... Bisogna allontanare le ombre della peste e della superstizione, in fretta: e Leonardo non è nelle condizioni di negare aiuto al suo Signore. A cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, Marco Malvaldi gioca con la lingua, la scienza, la storia, il crimine e gli ridà vita tra le pagine immaginando la sua multiforme intelligenza alle prese con le fragilità e la grandezza dei destini umani. Un romanzo straordinario, ricco di felicità inventiva, di saperi e perfino di ironia, un’indagine sull’uomo che più di ogni altro ha investigato ogni campo della creatività, un viaggio alla scoperta di qual è – oggi come allora – la misura di ognuno di noi.

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 18,50 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Sergio

    14/01/2019 16:13:49

    Divertente, come al solito. Molto "toscano", molto forte e cinico, ironico e intelligente. Bravo Malvaldi, prosegui così!

  • User Icon

    Alessandro La Spada

    12/01/2019 14:12:47

    Non conoscevo Malvaldi prima d'ora ma da come scrive devo dire che non é il mio genere. Nonostante la trama sia ben studiata, la lettura piacevole e capace di trasportarti con la mente nell'Italia di fine 400, sono presenti molte frasi scurili non tanto nei dialoghi dei personaggi quanto nelle descrizioni al solo scopo di rendere il tutto ironico e satirico ma a mio avviso é solo un modo (per nulla ben studiato) per costringere il lettore a farsi una risata. Consiglierei all'autore di dedicarsi di più al contesto storico e meno all'ironia

  • User Icon

    Hadar

    11/01/2019 10:33:59

    Piacevole, simpatico, scorrevole. Se volete passare qualche ora di lettura in relax, il libro è ottimo. Ma non è certo un capolavoro

  • User Icon

    Jes_PataLiLo

    10/01/2019 23:42:12

    L'ho trovato inizialmente molto confusionario, colpa anche dei troppi personaggi. In molte parti risaltano frasi scurrili, che sebbene possono far ridere alle prime battute poi risultano pesanti e fuori luogo. Il finale ha un po sollevato il mio giudizio. Questo va ad incrementare il mio pensiero secondo cui non bisogna mai giudicare un libro dalle prime pagine o dai giudizi altrui.

  • User Icon

    RossaMina

    02/01/2019 08:02:07

    Che dispiacere dare questo voto….. Malvaldi mi diverte tantissimo, ma questa parodia della storia ambientata a fine 1400 proprio non mi ha convinto, mi sono persa nei troppi personaggi un pò scurrili, perché così avrebbero dovuto far ridere, ma a me non hanno fatto questo effetto. A differenza di Odore di Chiuso che è sulla falsa riga e che per me è il miglior libro di Malvaldi.

  • User Icon

    Rosaria Alessia

    29/12/2018 13:22:40

    Tanti misteri e segreti tutti in unico libro pieno di suspence.

  • User Icon

    Alessio

    24/12/2018 10:01:09

    Marco malvaldi è sempre una garanzia. La sua penna ci ha regalato i sette volumi dedicati ai “vecchietti del BarLume”. Una delle saghe più belle della giallistica italiana. Qui si cimenta in un giallo a sfondo storico ambiantato nel 500, in pieno rinascimento. Il mistero si dipana coinvolgendo vari personaggi storici del periodo, tra cui spicca Leonardo da Vinci, impegnato in una indagine che è anche ben più di un semplice giallo. Con un bel colpo di scena finale. Mi è piaciuto tanto che dopo averlo letto ne ho acquistato altre 4 copie da regalare a Natale

  • User Icon

    angelo

    12/12/2018 12:58:22

    Ingredienti: la signoria sforzesca nell’autunno del 1493, un genio fiorentino nel ruolo di detective improvvisato, un delitto in una corte piena di amanti, spie e mercanti, un’indagine condotta tra lettere di credito, invenzioni, curiosità scientifiche ed opere d’arte. Consigliato: a chi vuole scoprire l’Alberto Angela dei romanzieri italiani, a chi vuole conoscere lati fantasiosi ma verosimili di Leonardo da Vinci.

  • User Icon

    Francesca

    11/12/2018 10:17:34

    Molto deludente. Libro assolutamente superfluo

  • User Icon

    stetoz

    09/12/2018 17:07:55

    Premetto che ho letto tutti i libri di Malvaldi. Sara' che da lui mi aspetto sempre il massimo ma questo mi sembra sinceramente uno dei peggiori. Niente ma proprio niente a che vedere con i vecchietti del BarLume o anche con gli altri libri da lui scritti

  • User Icon

    Beatrice

    07/12/2018 10:18:15

    Mmmmh preferisco il mal caldi del barlume!

  • User Icon

    Davide

    27/11/2018 16:22:46

    Al “l’uomo metro di tutte le cose” di Protagora ora c’è una nuova misura. “La misura dell’uomo” di Malvaldi

  • User Icon

    giulio

    27/11/2018 14:03:30

    Che delusione!!!! Sembra di leggere i delitti del BarLume, almeno i nostri vecchietti hanno l'attenuante dell'età e del voler prendere in giro il mondo. Una pessima prova, peccato, l' avevo comprato con tanto entusiasmo. Non fa neanche sorridere.

  • User Icon

    Giorgio g

    26/11/2018 18:28:45

    Malvaldi ci porta, con il suo stile scanzonato, in pieno Rinascimento, alla corte di Ludovico il Moro dove il sommo Leonardo passa i suoi guai per assecondarne i voleri. Un esempio del suo stile: “Il condottiero inglese, quando lo salutavano dicendogli «La pace sia con voi» rispondeva «Speriamo di no. Rimarrei senza lavoro». Leonardo è coinvolto, come investigatore, nell’omicidio di Rambaldo Chiti, già suo allievo di bottega e poi è coinvolto in un tentativo di furto di un suo quadernetto in cui segnava le idee che la sua mente geniale andava escogitando. Infine, si deve occupare di un caso di lettere di credito artefatte. Una lettura molto piacevole e dalla quale, nonostante il tono leggero, c’è molto da apprendere.

  • User Icon

    Charlie57

    24/11/2018 20:29:50

    Con questo libro l'autore Malvaldi ci fa conoscere Leonardo da Vinci "investigatore". Secondo il mio parere non è un romanzo storico ma un giallo ambientato in una Milano del 1493 con protagonisti realmente esistiti. Un libro che si legge gradevolmente e che non dispiace.

  • User Icon

    Raffaele

    21/11/2018 11:13:24

    Intrigante un Leonardo cosi. L'avevo sempre immaginato austero poco incline alla simpatia forse per la sua enorme intelligenza. Malvaldi mi ha fatto scoprire un lato che magari aveva, molto toscano, e come dargli torto?

  • User Icon

    GiuGiu

    16/11/2018 10:39:11

    Non delude mai Malvaldi, anche quando cambia un po' tono e registro. Sicuramente cambia ambientazione e personaggi ma anche quando si cimenta con la storia (non è la prima volta che lo fa, ricordate Odore di chiuso...?) la sua scrittura brillante fonziona sempre. Un Leonardo da Vinci che ricorda vagamente quello di Troisi e Benigni: l'umorismo toscano riemerge sempre.

  • User Icon

    Lettore di Bellinzona

    15/11/2018 17:30:37

    Non ci siamo, stavolta il romanzo è deludente sotto molti punti di vista: trama contorta e poco chiara, situazioni e metafore pseudo-umoristiche di poco effetto, continui cambi di scena alla fine di ogni paragrafo (alla Vitali) inefficaci. Potrei continuare ma mi fermo qui. Peccato, perché sono un grande ammiratore di Malvaldi e tutti i suoi romanzi precedenti li avevo trovati ben scritti e di piacevole lettura.

  • User Icon

    jlo89

    07/11/2018 20:53:10

    geniale romanzo storico con un protagonista d'eccezione! Avvincente e originale.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione