La mitzvah segreta di Lucio Burke

Steven Hayward

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: M. Bosonetto
Editore: Instar Libri
Collana: I Dirigibili
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 7 marzo 2005
Pagine: 344 p., Brossura
  • EAN: 9788846100733
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 8,64

€ 16,00

Punti Premium: 16

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È l'estate del 1933. Hitler è da poco cancelliere della Germania e la Grande Depressione riempie di disoccupati le strade delle metropoli occidentali. Neppure quella che potrebbe sembrare una semplice storia d'amore fra due vicini di casa, Ruthie Nodelman e Lucio Burke, nella britannicissima ed educata Toronto, riesce a sottrarsi alle travagliate vicende della storia mondiale. E neppure il baseball resta al riparo dalla politica; durante la finale del campionato cittadino juniores, dei ragazzi srotolano un'enorme bandiera con la svastica, innescando gravi disordini. D'altro canto a Toronto non mancano spiagge e campi da golf vietati agli ebrei, confinati, come gli italiani e altri immigrati recenti, nel quartiere di Ward.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    KljmAtTaC

    08/02/2007 12:56:32

    Un romanzo magistrale che porta alla luce un argomento poco conosciuto e trattato da noi: i riflessi dell'ideologia nazista oltreoceaono sul quotidiano. E l'allineamento, si scopre, non fu così dissimile dal nostro. Anche se le strade intraprese, poi furono diverse. Il libro si scioglie in bocca, per la capacità di scrittura dell'autore. Tratteggia i personaggi con calore umano profondo e come per lui, anche per voi sarà difficile il distacco. Ancor più, quando al termine ci troviamo di fronte ai ricordi pulsanti, concreti, laceranti della nonna di Steven Hayward. E lì gli occhi si illuminano, le carte si scoprono. Chi ha letto Fante, conosce certamente alcuni aspetti divertenti della/e comunità italiana/e in nord-america e non mancherà di ritrovarli/e qui. Con un respiro che tocca la letteratura yiddish. Storie di ebrei e goy, italiani e San Bonorio. Ma anzitutto di Dubie, Lucio, Asher, Francesca, Bloomberg e tanti altri personaggi che si affacciano nella narrazione insieme a Emma Goldman e Nicola Sacco, affacciatisi alla storia. E poi lei, Ruthie la comunista, "luogo" in cui si cristallizza un'intera vita, prima e dopo i suoi vent'anni e poco più. Se ne innamorerà anche l'autore. Me ne sono innamorato io.

| Vedi di più >
Note legali