Mollo tutto! E faccio solo quello che mi pare

John Williams

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: C. Lionetti
Editore: De Agostini
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 337,77 KB
Pagine della versione a stampa: 309 p.
  • EAN: 9788841877807
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il capo pretende da voi l'impossibile ma lo stipendio è impalpabile? Sentite il bisogno di cambiare vita e dedicare tempo a ciò che davvero vi appassiona? Non è della gallina dalle uova d'oro che stiamo parlando, ma della possibilità di mettere a frutto interessi e competenze ricavandone un reddito. Di lavorare divertendosi. Di trovare gratificazioni e opportunità di crescita. Ecco allora in questo libro le strategie che vi aiuteranno a focalizzare l'obiettivo, a superare gli ostacoli e le paure, a pianificare il cambiamento senza pericolosi colpi di testa, trasformando il lavoro in un gioco a tempo pieno. Non serve a niente essere vivi, se bisogna annoiarsi. Leggete i consigli di chi ha dato una svolta.
  • John Williams Cover

    Propr. J. Towner W. Compositore statunitense. Studente di musica all'Università della California e alla Juilliard School di New York, nel 1956 viene assunto come pianista dalla Columbia Pictures e si innamora delle musiche da film. Debutta come autore di colonne sonore alla fine degli anni '50 e vince il primo Oscar nel 1971 per Il violinista sul tetto di N. Jewison. Compositore di fiducia di S. Spielberg, da Sugarland Express (1974) a La guerra dei mondi e Munich (entrambi del 2005), si aggiudica l'Oscar con le partiture di Lo squalo (1975), E.T. l'extra-terrestre (1982), e Schindler's List (1993). Famoso per la maestosità delle sue composizioni e l'uso di grandi orchestre, soprattutto la London Symphony, punta molto sull'utilizzo di leitmotiv, talmente caratterizzati da diventare indipendenti... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali