Le monde d'hier - CD Audio di Edward Elgar,Charles Gounod,Jules Massenet,Herbert Howells,Gabriel Pierné,Martina Lussi

Le monde d'hier

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Martina Lussi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Atma Classique
Data di pubblicazione: 10 gennaio 2020
  • EAN: 0722056277822

€ 25,50

Punti Premium: 26

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

As a soloist, Mathieu Lussier has energetically and passionately promoted the modern and baroque bassoon as solo instruments for more than two decades throughout North America and Europe.
Francis Perron’s wide experience as chamber musician, accompanist and vocal coach have made him a much sought-after collaborator.
Disco 1
1
Lent Et Sombre
2
Mouvement De Sicilienne
3
Romance op.62
4
Troisieme Solo De Concert
5
Lyric Suite op.96. I. Allegretto amabile
6
Lyric Suite op.96. II. Allegro molto giocoso
7
Lyric Suite op.96. III. Andante con moto, grazioso
8
Lyric Suite op.96. IV. Intermezzo alla gavotta. Animato
9
Lyric Suite op.96. V. Vivace, capriccioso assai
10
Premier Solo De Concert
11
Minuet. Grace For A Fresh Egg
12
Sonate Pour Basson Et Piano op.168. I. Allegro moderato
13
Sonate Pour Basson Et Piano op.168: II. Allegro scherzando
14
Sonate Pour Basson Et Piano op.168. III. Molto adagio - Allegro moderato
15
Sonate Pour Basson En Fa Majeur. I. Vivace
16
Sonate Pour Basson En Fa Majeur. II. Ballade. Moderato, ma sempre a piacere
17
Sonate Pour Basson En Fa Majeur. III. Allegretto
18
Sonate Pour Basson En Fa Majeur. IV. Moderato
19
Solo De Concert op.35
20
Deuxieme Solo De Concert
21
Marche Funebre D'une Marionnette
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Edward Elgar Cover

    Compositore inglese. Studiò dapprima col padre, organista e commerciante di articoli di musica, completando in seguito la propria formazione da autodidatta. Dopo aver svolto attività orchestrale, come strumentista e direttore, succedette nel 1885 al padre come organista nella chiesa di Saint George di Worcester. Dal 1889 si dedicò interamente alla composizione. Si affermò con l'oratorio Lux Christi (1896), ma la sua fama crebbe rapidamente dopo le esecuzioni, al festival di Birmingham del 1899 e 1900, rispettivamente delle Variazioni sinfoniche op. 36 (14 Variations on an Original Theme: «Enigma»), e dell'oratorio The Dream of Gerontius. La sua abbondante produzione comprende: altri 2 oratori, The Apostles (1903) e The Kingdom (1906); 6 cantate, una quarantina di cori profani a cappella, 4... Approfondisci
  • Charles Gounod Cover

    Compositore francese. Intraprese gli studi musicali con A. Reicha, iscrivendosi in seguito al conservatorio di Parigi, dove ebbe come maestri J.F. Halévy, J.F. Lesueur e F. Paer. Dal 1840 al '43 soggiornò a Roma come vincitore del Prix de Rome. Qui conobbe le opere di Palestrina e della grande tradizione polifonica romana, scoprendo in se stesso quella disposizione mistica che caratterizzerà, a tratti, la sua vita. Scrisse in quegli anni alcune messe, un Requiem (1842) e altre composizioni sacre. Per incitamento della cantante Pauline Viardot si volse in seguito al teatro, scrivendo per lei Sapho (1851) cui seguirono La nonne sanglante (1854) e Le médecin malgré lui (1858). Ma il grande successo gli venne dal Faust (1859), opera in cui la materia universale del poema di Goethe viene adattata... Approfondisci
  • Jules Massenet Cover

    Compositore francese. Iniziò gli studi musicali sotto la guida della madre; a nove anni fu ammesso al conservatorio di Parigi, dove fu allievo di Laurent (pianoforte), Reber (armonia) e A. Thomas (composizione). Premiato diverse volte durante i saggi finali di conservatorio, nel 1863 vinse il Prix de Rome con la cantata David Rizzio. Durante il soggiorno a Villa Medici compose una raccolta di liriche, Poème d'avril, un Requiem e diversa musica sinfonica, tra cui le Scènes pittoresques e le Scènes napolitaines. Nel 1867 compose un'opera comica in un atto, La grand'tante, che rivelò il suo spiccato talento per il teatro unito a una facile, spontanea vena melodica. Da allora l'attività compositiva di M. divenne intensa non solo nell'opera, ma anche nella musica sinfonica, da camera e sacra. Nel... Approfondisci
Note legali