Mondiali. Dal 1930 a oggi. La coppa del mondo e i suoi oggetti di culto - Gino Cervi,Antonio Gurrado - copertina

Mondiali. Dal 1930 a oggi. La coppa del mondo e i suoi oggetti di culto

Gino Cervi,Antonio Gurrado

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Bolis
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 6 marzo 2013
Pagine: 160 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788878271876

€ 15,00

Venduto e spedito da WONDERFUL COLLECTION

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un libro che racconta la storia della Coppa del Mondo di calcio non soltanto, com'è consuetudine, attaverso cronache, risultati, formazioni, foto delle squadre schierate in campo e delle azioni da gol, ma facendo parlare i memorabilia, gli oggetti di culto: i palloni, le maglie, le scarpe, i biglietti delle partite e gli annulli postali, le réclames pubblicitarie, i gagliardetti, le cartoline autografate. Cose quotidiane che hanno il colore e il sapore del vissuto, il fascino di essere appartenute ai protagonisti di un evento sportivo che ha scandito quasi un secolo di storia contemporanea; oggetti che di quell'evento trattengono ancora, come magicamente, l'aura dell'impresa, della sfida. Affidandosi alla suggestione dei memorabilia, questo libro si legge come un "romanzo per immagini" delle diciotto edizioni dei campionati mondiali, da Uruguay 1930 a Germania 2006.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Gino Cervi Cover

    "Attore italiano. Figlio di un critico teatrale che lo scoraggia nel suo desiderio di diventare attore, inizia la carriera in teatro alla morte del padre, facendosi le ossa in piccole parti nella compagnia di A. Borrelli. In seguito ottiene ruoli sempre più importanti fino al successo in alcune opere shakespeariane, quali Otello e Falstaff. Nel frattempo esordisce nel cinema, con un'apparizione in L'armata azzurra (1932) di G. Righelli. Successivamente ottiene un ruolo di rilievo in Aldebaran (1935) di A. Blasetti ed è protagonista di Ettore Fieramosca (1937), sempre di Blasetti. Di temperamento versatile, è capace di passare da un personaggio all'altro con straordinaria immedesimazione, come in La peccatrice (1940), in cui interpreta la parte di un piccolo burocrate pignolo e indisponente.... Approfondisci
Note legali