Il mondo che vorrei

Artisti: Vasco Rossi
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Capitol
Data di pubblicazione: 31 dicembre 2012
  • EAN: 5099920765026
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,90

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Disco 1
  • 1 Il Mondo Che Vorrei
  • 2 Vieni Qui
  • 3 Gioca Con Me
  • 4 E Adesso Che Tocca A Me
  • 5 Dimmelo Te
  • 6 Cosa Importa A Me
  • 7 Non Vivo Senza Te
  • 8 Qui Si Fa La Storia
  • 9 Colpa Del Whisky
  • 10 Non Sopporto
  • 11 Ho Bisogno Di Te
  • 12 Basta Poco

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ac

    04/05/2015 07:48:47

    Ho amato alla follia(e lo amo tutt'ora) questo cd e ho amato i due concerti fatti a bologna per promuoverlo! Le mie canzoni preferite sono il mondo che vorrei vieni qui e gioca con me che dal vivo sono una bomba...comunque tutte le canzoni sono di alto livello forse la piu' debole del disco e' ho bisogno di te...comunque nel complesso insieme a vivere o niente uno deschi piu' riusciti ed emozionanti di vasco!...almeno secondo il mio modesto parere.

  • User Icon

    lpb

    08/03/2012 18:12:44

    ormai è assodato che 12 brani sono eccessivi per un album di inediti di Vasco. Ottimi Il mondo che vorrei e Basta poco,inascoltabili Cosa importa a me e Ho bisogno di te, modesti e ripetitivi i testi in generale. Poteva limitarsi a 8 brani come ai bei tempi e impegnarsi di più su quelli

  • User Icon

    gmb

    02/12/2009 11:40:15

    I testi sono di una banalità assoluta pieni di Oh Eh Me Te Boh quasi quasi sono più profondi quelli che usa Checco Zalone quando lo imita! La maggior parte dei pezzi stanno lì solo a far numero, altri sono roba già sentita insomma un disco fatto solo x vendere tanto per i fans del Signor Vasco Rossi sarebbe un Dio anche se cantasse l'elenco telefonico...che almeno avrebbe un senso a differenza dei brani presenti in questo CD.

  • User Icon

    t-jack

    23/07/2009 16:01:09

    Questo disco mi ha totalmente deluso. Da un Vasco prossimo alle 60 primavere mi aspettavo, o quantomeno, mi immaginavo una maggiore profondità dei testi (a parte "il mondo che vorrei", sembrano quelli dei Finley!). E invece...grandi arrangiamenti, grandi musicisti...ma le idee?? Finite?? ..e allora perchè fare un disco del genere??...boh

  • User Icon

    Peppone84

    18/05/2009 15:07:42

    PESSSSIMO!!!Credevo che l'ultimo lavoro di Vasco fosse entusiasmante,mi sono ricreduto dopo il primo ascolto(penso sarà anche l'ultimo)è un elogio alle parole ME,TE,SE BOOOOHHHH!!!???!!!Ripetitivo fino alla nausea,a tratti sembra addirittura irritante,frasi senza senso e banali,salverei solo due o tre canzoni,ma dov'è andato a finire il vero Blasco???Se qualcuno lo sa è pregato di farmelo sapere!

  • User Icon

    anto

    17/11/2008 18:47:46

    Bisogna essere obiettivi nel giudicare un disco senza farsi influenzare dal fatto che è stato prodotto da un personaggio come vasco rossi che per gli italiani è ormai un'istituzione. Però sinceramente mi sembra che siamo di fronte a un disco veramente mediocre, le canzoni sono stanchi riciclaggi del suo passato ("e adesso che tocca a me" è uguale a "ogni volta", "gioca con me" è uguale a "delusa") e i testi sono francamente imbarazzanti qualsiasi persona li avrebbe potuti scrivere meglio. La mia critica tenta di aprire gli occhi alla gente che continua ad enfatizzare qualsiasi cosa faccia questo artista ormai al tramonto. Vasco ha emozionato molte persone in passato (me compreso) ma ormai fa dischi solo per vendere e prendere in giro la gente. E' questa la verità!

  • User Icon

    Riccardo88

    29/07/2008 17:27:37

    Ma come si fa ad apprezzare un disco di frasette gettate lì senza nè capo nè coda? Gli ho dato due punti solo per la forza interpretativa di Vasco che forse è l'unica cosa che a distanza di decenni non tracolla... ma musicalmente non è un disco che merita. non ascoltate solo la vostra emotività per favore. Aspettiamoci di meglio da Vasco... anche se ormai è costretto ogni 3 anni a pubblicare cose che servono solo a riempire scaffali. un vero peccato!

  • User Icon

    michele

    23/06/2008 17:06:18

    Dico solo che Vasco come ogni uomo ha un percorso... oggi vive quello certo per uno che fa sempre 10 quando fa 7 sembra poco, ma non lo è! Poi è chiaro che da lui ci si aspetti sempre il massimo... E comunque fidatevi dal vivo il disco risulta ancora più bello... questo live è fantastico

  • User Icon

    Fabio

    31/05/2008 11:54:24

    Ormai è oltre un mese che è uscito, questo nuovo cd di Vasco ed ad ogni ascolto, mi sembra più bello.... è qualcosa di magico.... una cosa dico a chi critica, ditemi chi a 56 anni è riuscito mai a fare un disco cosi bello, e non sto parlando solo in Italia, ma anche all'estero!!!! ... senza contare i dischi di oggi, chi dei nuovi artisti si può paragonare anche lontanamente a Vasco... chi è mai riuscito nella storia a riempire 12 volte consecutive San Siro.. la risposta è semplice nessuno, e nessuno mai ce la farà più!!! Vasco è ormai nella storia e il mondo che vorrei entra di diritto nell'Olimpo della discografia italiana... ascoltare i cd di vasco dal 1978 al 2008 è come fare un viaggio nella storia, nei sentimenti nelle paure nell'angosce di ognuno di noi.... Vasco è noi e noi siamo Vasco!!!

  • User Icon

    luigi

    16/05/2008 17:25:24

    mamma mia,ormai è come ascoltare Julio Iglesias. Ma dov'è il sound di "Deviazioni" ? o di "Fegato spappolato" ?per non parlare di "Bollicine",ecc ecc?Qui ormai abbiamo una Vasco Rossi s.p.a. che magari i pezzi se li fa scrivere da uno staff di 800 persone.Voi comunque fate come volete,io rimango al 1983 con l'album "Bollicine".Tutto il resto,come canta Califano,è noia.

  • User Icon

    antonio rossi

    03/05/2008 16:13:45

    il miglior album di vasco dal lontano e irraggiungibile GLI SPARI SOPRA (1993)...i fans moderni di vasco hanno cominciato a conoscere e ad amare(purtroppo)la sua musica nel 1998,quando è uscito il celeberrimo e sopravvalutato CANZONI PER ME...soprattutto grazie alla pessima e snaturata REWIND. Finalmente con IL MONDO CHE VORREI torna a farsi sentire il rock puro e crudo (memorabile il sound della fantastica QUI SI FA LA STORIA),ma è la title track il vero capolavoro del disco..IL MONDO CHE VORREI è una meravigliosa ballata intrisa di cupo pessimismo e totale rassegnazione..il finale lungo e avvolgente è la parte migliore della canzone! Gli altri pezzi,se pur inferiori,sono tutti ascoltabili. Fa piacere constatare da parte di un irriducibile fan che,seppur non trattandosi del grande vasco di un tempo,ci si sia allontanati da quelle schifezze immonde di STUPIDO HOTEL (2001) e BUONI O CATTIVI (2004) L'album meriterebbe 3 stelline su 5,ma grazie alla title track il tutto quadra alla perfezione.

  • User Icon

    teofrasto

    03/05/2008 07:26:03

    E' inutile distinguere le fasi di Vasco, è vero che sono molto diverse ma è l'essenza dello stesso uomo che si evolve negli anni. A volte ci si perde nei giudizi astratti e intellettualistici e non si capisce che la semplicità apparente di questo grandissimo risiede nella sua espressività interpretativa. E' vero non sono tutti capolavori dentro questo disco, ma magari avessimo in Italia altri artisti come Vasco, c'è quasi una saggezza nella sua accettazione del mondo, e nella sua ironia. Immenso!

  • User Icon

    Neko

    01/05/2008 18:33:59

    Che dire. Un album rock! Questo è il Vasco che vorrei........... Non si può.......stare senza Vascooooooo

  • User Icon

    Tiberio

    01/05/2008 03:10:34

    Una carica di emozioni, accordi stupendi, ti fa ballare ,vibrare ,toccare le note,Vasco avra' poco da dire, ma la sua musica, le sue frasi rimangono scolpite nel cuore! Il mondo che vorrei... sicuramente con le canzoni di Vasco per accompagnare i momenti piu' belli ed intensi della mia vita!! Grazie per esistere!! Tra breve al concerto... Milano,Roma , Ancona!!

  • User Icon

    guido loreti

    30/04/2008 22:38:35

    Rispondo a luciano....altro che canne e birra, in questo ultimo lavoro vasco cambia molto la prospettiva rispetto al passato (ma già in buoni o cattivi si avvertiva il cambiamento). Di sicuro come in tutti gli album di vasco ci sono brani di "livello superiore" mentre qualcun altro è là a far numero (pochi!), ma questo non va ad influire sulla grandezza dell'autore. Anzi, personalmente lo considero un album pienamente in linea con i tempi che stiamo vivendo, caratterizzati da incertezza e precarietà non solo dal punto di vista economico ma anche da un punto di vista sociale, culturale ed esistenziale.

  • User Icon

    luciano

    14/04/2008 23:49:01

    la macchina da soldi ha ripreso il giro...solito disco uguale a tutti gli altri solito tour negli stadi uguale a tutti gli altri poi ci sara' il disco live uguale a tutti gli altri coi dvd uguali a tutti gli altri con la stessa voce di sempre...cioe' il nulla.....e con gli stessi messaggi di sempre:birra e canne...il mondo che vorrei sarebbe un mondo senza te caro vasco...

  • User Icon

    Nuno

    12/04/2008 03:46:46

    Come sempre ho comprato il cd appena uscito...appena ascoltato mi ha lasciato perplesso, non capivo dove fosse vasco;poi l'ho riascoltato attentamente e ho sentito la carica e il senso del blasco.è tornato più consapevole e sempre attuale, ma c'è di più,a parer mio, è un disco curato nei minimi particolari con arrangiamenti perfetti e con un sound che in italia è difficile sentire.sono canzoni da palco, da animali da palco.vasco dopo 30 anni è più maturo ma non smette di ironizzare(gioca con me), ma sa anche guardarsi dentro e in "adesso che tocca me" fa capire realmente quello che prova e quello che prima o poi provano tutti ma...se non c'è piu topo gigio cosa me ne faccio della Svizzera?!ironia sagggezza e passione fanno di Vasco un poeta del novecento e del nuovo millenio...infondo basta poco!!! grazie blasco

  • User Icon

    Luciano Frontera

    11/04/2008 00:15:43

    Il mondo che vorrei entra di diritto nella top ten delle canzoni più belle di Vasco.L'album ha bisogno di più ascolti per farsi apprezzare,più rock rispetto a Buoni o cattivi ma con meno pezzi che si distinguono.Da segnalare,oltre a "il mondo che vorrei","Ho bisogno di te" con un testo minimalista che ricorda la vecchia Toffee,ben cantata e ben suonata;"Basta poco",pezzo che si distingue dagli altri e lancia uno sguardo critico alla società di oggi;"E adesso che tocca a me" e "Dimmelo te".Per il resto i testi presentano i temi più volte trattati da Vasco con un senso di già sentito e poca fantasia nei titoli.Album discreto.

  • User Icon

    max

    08/04/2008 17:53:01

    per me e un disco che apre una nuova pagina nella carriera di vasco. E un grande album. ci sono pezzi che fanno venire i brividi ( il mondo che vorrei, vieni qui, adesso tocca a me, e sopratutto dimmelo te e colpa del whisky). non capisco i critici, quando fa qualcosa differente come canzoni per me, dicono che e non abbastanza rock e quando fa un album che e il piu bello dal 96, dicono che e finito. non capisco.... testi semplici e melodie struggente..... questo cd mi piace veramente molto, io che ero un po deluso da buoni o cattivi. in concerto credo che sara emozionante, visto che sara la prima volta per me....

  • User Icon

    apachekid

    07/04/2008 21:42:13

    Un disco inutile, un paio di pezzi sono discreti ma nel complesso mi sembra davvero che non avesse nulla da dire se non una scusa per ricominciare il tour. Trovo i pezzi piuttosto loffi, senza inventiva, cosa stranissima per vasco che in genere è sempre riuscito a far volare le idee...poi in tutti i dischi di vasco ci sono uno-due pezzi inutili, tirati via per far numero, qui però sembra di essere di fronte a pezzi scartati da altri.

Vedi tutte le 37 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione