Il mondo della guerra fredda e l'Italia degli anni di piombo. Una regia internazionale per il terrorismo?

Valentine Lomellini

Anno edizione: 2017
In commercio dal: 1 gennaio 2017
Pagine: VIII-328 p.
  • EAN: 9788800747950

38° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Attivismo politico - Terrorismo, lotta armata

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Dagli anni Settanta sino ad oggi, l'esistenza di una pista internazionale del terrorismo italiano è spesso stata data per scontata. Ma l'eversione italiana fu davvero frutto di un volere o di un'azione esterna? E quali furono le politiche e le percezioni dell'Italia degli anni di piombo, da parte degli attori politici stranieri? In un'opera sistematica, questi aspetti della storia italiana (e non solo) vengono approfonditi utilizzando documenti provenienti dagli archivi americani, inglesi, francesi, tedeschi, russi, polacchi, cecoslovacchi e jugoslavi. Una riflessione composita, arricchita da nuove prospettive di ricerca, che si interroga, con l'utilizzo di inesplorati angoli visuali e fonti inedite, sull'esistenza di collegamenti internazionali del terrorismo italiano nel più ampio affresco della guerra fredda.

€ 19,55

€ 23,00

Risparmi € 3,45 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:

€ 12,42

€ 23,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 
Indice
Valentine Lomellini, La percezione internazionale del Terrorismo italiano. Una nuova sfida per la storiografia?; PERCORSI DI RICERCA DA ESPLORARE, TRA PROSPETTIVE LOCALI E PARTITICHE: Marc Lazar, Il terrorismo nell'Italia degli anni Settanta: riflessioni e piste di ricerche; Chiara Zampieri, Il Partito socialista italiano e padovano e l'inchiesta 7 aprile: peculiarità e ambivalenze di una linea garantista; Alba Lazzaretto, Il Senato accademico dell'Università di Padova negli "anni di piombo"; Giulia Simone, Violenza ed eversione negli anni Settanta: la risposta istituzionale della Facoltà di Scienze politiche di Padova; IL TERRORISMO ITALIANO VISTO DAGLI OSSERVATORI INTERNAZIONALI. L'EUROPA ORIENTALE: Sara Tavani, Lo sguardo di Mosca sul terrorismo italiano degli anni Settanta ricostruito attraverso la stampa accademica e governativa sovietica; Francesco Caccamo, La pista cecoslovacca del terrorismo italiano: tra speculazioni e nuovi interrogativi; Benedetto Zaccaria, Lo sguardo jugoslavo sul terrorismo italiano degli anni Settanta; Joanna Sondel-Cedarmas, La percezione del terrorismo italiano nella Polonia negli anni Settanta; IL TERRORISMO ITALIANO VISTO DAGLI OSSERVATORI INTERNAZIONALI. L'EUROPA OCCIDENTALE: Michele Marchi, L'Italia del terrorismo vista da Parigi: tra anti-modello e laboratorio della violenza politica; Giulia Bentivoglio, Violenza endemica o eterodiretta? Il terrorismo italiano degli anni Settanta e Ottanta visto da Londra; Filippo Triola, La diplomazia di Bonn e il terrorismo di sinistra in Italia durante gli anni Settanta; Giovanni Mario Ceci, Una trama del terrore? La CIA e i «foreign links» delle Brigate rosse; Guido Panvini, Ricezioni ed interpretazioni dell'operaismo italiano nel mondo culturale radicale anglosassone; Antonio Varsori, Postfazione; Indice dei nomi.