Categorie

Eddy Cattaneo

Editore: Feltrinelli
Collana: Varia
Anno edizione: 2011
Pagine: 450 p. , Brossura
  • EAN: 9788807491047

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuel

    26/08/2015 22.59.11

    Me l'hanno regalato, ero sempre stato restio ai diari. Beh ci ho messo un anno, ho centellinato ogni parola, ho odiato e amato quest'uomo, per il suo modo di viaggiare, di vedere il mondo, di scrivere. Per il coraggio di fare quello che ha fatto, per la forza psichica e fisica che ci ha messo. Io credevo di aver viaggiato "zaino in spalla" ma lui batte tutti. Un libro che mi ha dato moltissimo, al punto da osare a dire che non è Terzani, però..

  • User Icon

    gabriele

    22/07/2015 15.24.59

    Libro orrendo ! Scritto in un modo con cui non ci si capisce niente, il libro sembra un manuale di elettromeccanica. Senza emozioni, alla ricerca di una scrittura originale che non c'è, si fatica a leggerlo. Sconsigliatissimo ! Meglio Vagamondo di Carlo Taglia. Almeno lì ci si capisce qualcosa !

  • User Icon

    marilena

    04/11/2013 11.48.10

    Questo libro che sto leggendo con molto piacere lo dedico e lo consiglio a chi, come me, ama viaggiare senza limiti di tempo e di viaggi organizzati. Ma, riuscire a fare ciò che ha fatto Cattaneo è, per me, impossibile per svariati motivi. Mi sembra, attraverso i racconti, di vivere l'esperienza con lui. Racconti scritti con leggerezza e con una buona dose d'ironia.

  • User Icon

    Jacopo

    01/09/2013 23.47.00

    Signori, tuffatevi dentro l'asfalto del mondo al ritmo di musica. La musica è quella delle parole, legate come i petali di un fiore. Lasciatevi trasportare dalla fame di esistere che trasuda dalle pagine di questa piccola grande epopea. A tratti poesia pura. Un inno al viaggio, alla scoperta, alla vita.

  • User Icon

    Dave

    16/02/2012 17.44.08

    MONDOVIATERRA potrebbe sembrare l'ennesimo diario di un viaggio intorno al mondo. E forse lo è, con la differenza che in questo viaggio l'autore ha deciso di non utilizzare alcun aereo ma di affrontare il giro del globo "via terra" (e acqua). La cosa però che rende questo libro molto piacevole è l'assoluta limpidezza del racconto di Cattaneo dettata dall'emozione e dall'entusiasmo dell'autore. Ovviamente non è un capolavoro di letteratura; è scritto in modo semplice ma non banale e, pregio principale, non contiene alcun briciolo di snobismo che spesso trapela in questo genere di racconti. No, Cattaneo "non se la mena" per niente, anzi, sembra invitarci a intraprendere, anche in maniera ridotta e senza abbandonare il posto di lavoro (sic!) piccole esperienze analoghe per conoscere il mondo ed aprire la propria mente. Interessante il capitolo dall'Uzbekistan, divertente quello sul Laos. Non solo è un libro da leggere, ma da rileggere, da consigliare e da regalare chi ama viaggiare.

  • User Icon

    bix

    01/12/2011 17.06.04

    Una delusione. 467 giorni in giro per il mondo e pochissime emozioni, quasi un resoconto da ragioniere. Pazzesco. Con l'impressione che abbia affrontato il mondo con uno sguardo quasi da snob, da chi ha già provato tutto e niente lo smuove più. Leggetevi i dépliant turistici dei luoghi che ha visitato Cattaneo, vi divertirete di più. Pessimo, soprattutto pensando a cosa poteva davvero scrivere con le esperienze che ha accumulato. Un manuale d'elettromeccanica vi darà più brividi di questo fallimentare reportage.

  • User Icon

    cristiano

    26/08/2011 14.08.17

    Premessa: leggo almeno una cinquantina di libri all'anno, non ho mai inviato una recensione, viaggio senza appoggiarmi ad agenzie, villaggi ecc, insomma sono turista fai da me da oltre 15 anni sempre alla ricerca delle persone, del diverso e dello spendere il meno possibile. Ho deciso di scrivere questa recensione perchè è la prima volta che non riesco a finire un libro! Nessuna emozione, nessun particolare utile per i prossimi viaggi. Dei paesi che sono citati io ho visitato per un mese la Thailandia e mi sembra un paese diverso, certo io stato più a nord nel triangolo d'oro, tra templi, meditazioni e piantagioni di coca, ma anche a Puket e a Phi-Phi... molto meglio i libri di TEd SImon, o il giro del mondo in barca stop o quelli di Terzani ecc; quelli sono soldi ben spesi. Poi due domande mi sono sorte, quanto è costato questo viaggio? Perchè è stata evitata CUBA, l'unico paese che in questi periodi sta attraversando un cambiamento epocale? Dice bene la ragazza nella prima recensione, forse il libro va bene per chi non viaggia in libertà. Comunque, come diceva O.W. non esistono libri belli o brutti, ma libri scritti bene o scritti male e io aggiungo, che vale la pena regalare! Questo è per me uno di quei pochi libri che NON regalerò a nessuno. Parere personale.

  • User Icon

    Roberto

    22/07/2011 17.09.04

    Che invidia! Ti fa venire la voglia di piantare tutto e fare come lui. Un libro bellissimo. Ma se non avete il coraggio, il tempo e la possibilità di viaggiare, leggete questo libro. Almeno viaggerete con i sogni.

  • User Icon

    alex

    22/04/2011 23.00.48

    Libro piacevole scritto in maniera simpatica e mai pedante,un resoconto molto diretto di un'avventura umana che in molti sognano ma in pochi realizzano. Aggiungo a questo la mia ammirazione per Eddy perche', per portare a termine un'impresa del genere,credo ci voglia anche una buona dose di coraggio...e di incoscienza!(?). Belli alcuni passi del libro pieni di poesia. Mi chiedo solo come sia possibile che tu,Eddy,non ti sia mai ammalato (a parte nell'ultima parte di viaggio in Africa). Incredibile davvero,e non sono ironico!

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione