Categorie

Antonio Lobo Antunes

Traduttore: V. Martinetto
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2002
Pagine: 316 p.
  • EAN: 9788807016172

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    AdrianaT.

    19/01/2016 09.18.49

    Ha soddisfatto la mia voglia di far fatica, ha costretto la mia concentrazione ad uno sforzo continuo. Non è stata una lettura; è stata un'esperienza emotiva, linguistica, stilistica, musicale - piena. Testo difficile, ostico, contorto, impietoso, dalla struttura frammentata; un accavallarsi e un sovrapporsi continuo di voci, azioni, pensieri e piani temporali diversi, in un unico registro: la voce di Antonio Lobo Antunes, che attraversa e unisce il tutto, ricomponendo i frammenti e creando la finale unicità, dove tutti i cerchi si chiudono alla perfezione e il corpo della storia si ricompatta. Un testo cubista impossibile da descrivere, fuori dagli schemi, che sfugge alle definizioni, ma potentemente poetico, evocativo e suggestivo, in grado di stupire, disorientare, spaesare, scoraggiare, snervare, irritare o disgustare. Abbandono, solitudine, isolamento, dramma, cinismo, perdita, dolore, morte, amori negati, amori sfibrati, odio - non manca nulla di tutto ciò - e su tutto una passione, un'unica bruciante passione - i tanghi di Carlos Gardel: "Finché ci saranno una fisarmonica e un pianoforte e un violino e Carlos Gardel sul giradischi a cantare una milonga per noi, non ci manca niente, dico niente per ricominciare da zero e essere felici."

Scrivi una recensione