La morte e la fanciulla - CD Audio di Franz Schubert,Pavel Haas Quartet

La morte e la fanciulla

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Franz Schubert
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Supraphon
Data di pubblicazione: 28 aprile 2014
  • EAN: 0099925411022
Salvato in 1 lista dei desideri
Dopo il conferimento nel 2011 del prestigiosissimo Gramophone Award of the Year per il loro straordinario disco dedicato alla produzione cameristica di Antonín Dvorák alcuni commentatori ventilarono l’ipotesi che il giovane Pavel Haas Quartet avesse ormai raggiunto il culmine della propria carriera e che corresse il rischio di non porsi più traguardi ambiziosi come era avvenuto fino a quel momento. Per fortuna, i quattro componenti della formazione ceca continuano a prestare più attenzione alla musica che ai riconoscimenti della critica internazionale. Considerati tra le maggiori pietre miliari della letteratura cameristica di tutti i tempi, i due capolavori dell’estrema maturità creativa di Franz Schubert rivestono un ruolo di primissimo piano nella loro esperienza di musicisti. Il Quartetto in re minore è legato a una storia dai toni estremamente cupi. Il celebre titolo La Morte e la fanciulla si riferisce al fatto che per il secondo movimento Schubert utilizzò il tema dell’omonimo Lied. Il tema della morte viene ulteriormente rafforzato da altre citazioni e dalla scelta di utilizzare la tonalità di re minore, che in quegli anni veniva considerata come una sorta di espressione musicale di una «spietata figura femminile malinconica e terrorizzante». Schubert portò a termine il suo Quintetto in do maggiore per l’insolita formazione composta da due violini, viola e due violoncelli appena due mesi prima di morire. Questo organico riesce a creare un suono dai connotati quasi orchestrali, con il violoncello che viene spesso chiamato a eseguire i temi principali. Per questo disco i quattro componenti del Pavel Haas Quartet hanno deciso di invitare uno dei loro migliori amici, l’eccezionale violoncellista tedesco-giapponese Danjulo Ishizaka, il cui grandissimo talento è stato descritto da Mstislav Rostropovich con questo lapidario giudizio: «Fenomenale nella sua padronanza tecnica e perfetto nel suo approccio musicale».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Franz Schubert Cover

    Compositore austriaco.Gli anni di formazione e i primi lavori. Figlio di un maestro originario della Slesia, trascorse tutta la sua esistenza, tranne qualche giro turistico e due brevi periodi di insegnamento in Ungheria, a Vienna e nei suoi immediati dintorni. Nel 1808, grazie al suo talento musicale, poté entrare a far parte del coro della cappella della corte imperiale. Come fanciullo cantore frequentò anche il seminario imperiale, dove ricevette una buona istruzione. Nel 1813, respinta l'offerta di un'altra borsa di studio, lasciò la scuola per far pratica come insegnante, studiando nel frattempo la composizione con Antonio Salieri, che già aveva notato il suo talento. Durante i tre anni successivi S. visse con la famiglia e insegnò nella scuola del padre, componendo intanto i suoi primi... Approfondisci
Note legali