Traduttore: A. Rusconi
Editore: TEA
Collana: TEA mistery
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 marzo 2015
Pagine: 522 p., Brossura
  • EAN: 9788850238606
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    cantarstorie

    10/10/2016 12:21:36

    Come detto in altre precedenti recensioni, difficilmente i romanzi di Rankin deludono, specie se incentrati sull'affascinante, carismatica, intensa figura dell'ispettore John Rebus. Ed anche qui, la vicenda narrata è in realtà solamente uno "sfondo", sulla quale si delinea la psicologia del protagonista, i meandri polverosi della sua esistenza, e una familiarità che - al lettore - si rivela "in crescendo", libro dopo libro.

  • User Icon

    Laura

    22/07/2011 10:29:40

    Come si può non amare un uomo che si definisce "da qualche parte a nord dell'inferno"? L'ispettore Rebus nella sua fragilità di essere umano che affoga i suoi fallimenti e i suoi incubi nella bottiglia, che è ossessionato da vecchie indagini e dall'idea di non poter dare un po' di giustizia alle vittime, dimenticate più in fretta di chi le ha uccise, è un ritratto amaro e veritiero di un antieroe ammaccato ma non sconfitto. In questa indagine complessa in cui si intrecciano più casi, alcuni vecchi nel tempo, che riaprono vecchie ferite e ossessioni che faticano a morire, riesce con la sola ostinazione, andando contro tutte le regole, pestando piedi e finendo pestato più di una volta, a dipanare una intricatissima indagine. L'aspetto psicologico e lo sguardo d'insieme sulla società scozzese lo rendono una lettura densa ed estremamente interessante al di là dell'intreccio giallo, comunque ben riuscito. Occorre, comunque, superare le prime cento pagine e non perdersi in nomi e richiami che rischiano di portare fuori strada.

  • User Icon

    Ceia

    29/09/2005 23:19:44

    Rankin è un ottimo narratore: prosa diretta, senza tante smancerie... e per quel che riguarda la trama, c’è un bel cambiamento rispetto al primo della serie: Cerchi e Croci. C’è un enorme cambiamento perché qui la storia è davvero complessa. Pare si tratti della classica indagine su un serial killer che ne copia un altro (a proposito, nel romanzo si parla di Bible John un serial killer veramente esistito e che non è mai stato arrestato, Rankin ne parla nella bellissima postfazione) e invece vengono sviluppate in parallelo tre storie, in un continuo andare e tornare tra città, viaggi in elicottero, aereo, incursioni in mare dove si estrae il petrolio e poi pub, stazioni di polizia, insomma. Rankin ti tiene incollato alle sue pagine senza lasciarti tregua e regalandoti, per tutta la durata del libro, una vera e propria colonna sonora. Non so quanti brani vengano citati… ma è una cosa che mi è piaciuta un sacco. Inoltre ci sono molti personaggi (all’inizio è anche un po’ complicato ricordarne i nomi) e situazioni adrenaliniche che… ecco, in un paio di occasioni leggevo con le palpitazioni accelerate! Rebus assomiglia molto al Bosch uscito dalla penna di Micheal Connelly, a volte gli assomiglia tanto da diventare imbarazzante… Rankin e Connelly che partoriscono questi gemelli a chilometri di distanza, chissà se influenzandosi a vincenda o no, quel che è certo è che le date di pubblicazione sono vicine: non credo neppure che si siano letti (chissà! Sarebbe interessante saperlo). Ci sono davvero tante caratteristiche che li accomunano, anche certe “scene” – bellissimo l’interrogatorio subito da Rebus per conto di Ancram che mi ha fatto tornare in mente quello MEMORABILE che Bosch subì… ne L’ombra del Coyote. Nonostante questa “somiglianza” con il Bosch di Connelly, il libro è davvero godibile, Rebus un personaggio che approfondirò ancora, non dimenticandomi MAI che purtroppo la casa editrice ha saltato numerosi libri della saga, rovinando la lettura dei fans italiani in modo irreparabile. :-(

  • User Icon

    Albys

    01/09/2005 22:33:58

    Buon libro. Rankin è un solido narratore, capace di elaborare trame complesse e ambiziose senza che vi siano cadute di tono. Morte grezza è un mastodontico thriller che vola via bene dopo le prime 150 pagine di "ambientamento" nella società scozzese, senza pagare troppo il fatto – al di là, appunto, di questo tempo d’ambientamento dovuto soprattutto ai parecchi nomi che vi si incontrano – che questo romanzo sia già molto avanti nella cronologia della saga dell’isp. Rebus, qui all'ottavo appuntamento con i suoi lettori britannici ma soltanto al secondo per noi bistrattati italiani, schiavi di case editrici miopi e poco professionali. Il libro decolla con la trasferta di Rebus all’interno del mondo del settore petrolifero: è da qui che esce alla grande il personaggio, cupo e pieno di vizi ma anche sarcastico e dotato di spiccata personalità quando messo alle strette. Molto buoni gli interrogatori in cui è coinvolto, assolutamente all’altezza di quelli, leggendari, de L’ombra del coyote di Connelly. Ecco, appunto... Connelly. Ian Rankin non è l’Ellroy scozzese, come recita stoltamente la copertina italiana, ma è quasi la copia del famoso Michael Connelly di losangelina memoria.l’impressione è che Rankin abbia più talento puro, mentre Connelly è, soprattutto quando scrive dell’ispettore Bosch, una perfetta macchina simulativa che quasi mai riesci a cogliere in fallo. Ad esempio, sulle scene d’azione Connelly è un maestro, non esagera mai, i suoi personaggi si tolgono dagli impicci in modi verosimili (Rankin qui invece ne ha fatta una grossa...). Diciamo che se piace Connelly piacerà anche Rankin, e viceversa. Non mi è molto piaciuto il finale. Ho condiviso la scelta di base dello scrittore, ma è indubbio che il tutto sia un po’ moscio: qualcosa sulle identità dei colpevoli si sapeva già da metà libro, le altre rivelazionio non sono granchè. Tutto scivola via in modo realistico ma fin troppo scialbo. In una saga che continua ci sta, ma come romanzo a sè stante potrebbe lasciare delusi. Leggete prima Cerchi e Croci.

  • User Icon

    maurizio crispi

    16/02/2005 21:24:56

    Il romanzo presenta un indagine di John Rebus, un detective della polizia di Edimburgo, piuttosto discusso per i suoi metodi poco ortodossi: questa vicenda si situa temporalmente prima di quella narrata in "Anime morte", ma è successiva a quella di "Cerchi e croci". Il romanzo, in modo non banale, racconta di due indagini che si intersecano, quella relativa al misterioso "suicidio" di un lavoratore di una piattaforma petrolifera e quella su di un "serial killer" chiamato Johnny Bible, perchè ritenuto emulo - in base al modus operandi e alla tipologia delle vittime - di un altro killer, detto Bible john sul quale, a suo tempo, Rebus aveva indagato spinto da una forte ossessione. In contemporanea, si sviluppa la vicenda interiore di Rebus, in pieno deragliamento esistenziale e lavorativo, impigliato in una seria dipendenza dall'alcool. La storia, ispirata ad un caso vero (il serial killer denominato "Bible John") come illustra lo stesso Rankin in una postfazione breve ma densa, si sviluppa con numerosi colpi di scena e con diversi spostamenti d'ambientazione. John Rebus, passo dopo passo riesce a risalire la china del suo coinvolgimento con l'alcool e,in parallelo, riesce a mettere assiemne le tessere del puzzle sino alla soluzione finale che riabiliterà anche la caparbietà con cui ha condotto indagini non autorizzate, alcune in direzioni politicamente pericolose. I "gialli" di Ian Rankin, mai banali per la caratterizzazione e l'approfondimento psicologico dei personaggi sono un ottimo esempio di come la narrativa d'intrattenimento possa avere valenze profondamente culturali per la sua capacità di consentire uno sguardo documentato su temi scottanti (l'ecologia e l'inquinamento dell'ambiente con il petrolio e le piattaforme dismesse; il deragliamento della socità inglese post-thachteriana) e di permettere un'osservazione approfondita, per così dire dall'interno, di una realtà geografica, sociale ed economica diversa, risultando - da questo punto di vista - ben più efficace di un saggio documentatissimo.

  • User Icon

    roby

    15/06/2002 20:09:18

    E' un discreto libro... forse impressionerebbe di più il lettore che per la prima volta conoscesse il personaggio di J. Rebus. La storia scorre abastanza veloce e hai comunque voglia di finirlo in fretta... Forse aver letto nell'ordine Anime Morte e poi questo lavoro è un pò come fare un passo indietro; ma non desidero toglie comunque i meriti ad un personaggio capace di stuzzicare l'interesse del lettore.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione