Categorie

Hans Tuzzi

Collana: Varianti
Anno edizione: 2009
Pagine: 309 p. , Brossura
  • EAN: 9788833919720
Usato su Libraccio.it € 9,45

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo F.

    29/09/2016 08.59.29

    Versione "intellettuale" delle crime story alla milanese stile Scerbanenco. Indubbiamente una concezione decisamente "alta" del romanzo thriller. Forse troppo alta: il filo conduttore - pure interessante - è a mio avviso eccessivamente spezzettato (continui cambi di focus narrativo) e le digressioni e gli approfondimenti sono in buona parte ridondanti e sembrano puntare soprattutto all'autocompiacimento dell'autore e sulla noia del lettore. Comunque interessante e da leggere (ma anche no).

  • User Icon

    barbagianni39

    02/06/2014 22.30.20

    La trama è interessante e l'ambientazione, per un milanese, abbastanza intrigante, ma molte pagine sono prolisse e non aggiungono nulla all'economia del racconto.

  • User Icon

    Sara Orioli

    14/03/2011 07.43.53

    Ringrazio Alberto Genovese, lettore che ha trovato tempo di consigliarmi questo romanzo, perchè concordo con tutti i giudizi positivi espressi qui su IBS. Un ottimo romanzo italiano, fra i (pochi) da me trovati all'altezza dei migliori stranieri contemporanei. Permane il dubbio che la narrativa di qualità sia davvero difficile da scoprire se non ci si aiuta fra lettori non condizionati da pressioni commerciali. Lettura non sempre facile, come si conviene ad una storia che ha più elementi, anche intenzionali, da rivelare.

  • User Icon

    alberto

    17/02/2011 16.51.43

    Una magistrale fusione di un italiano di rara eleganza con pagine di appassionante erudizione; una sapiente combinazione di agro realismo metropolitano con la dolente riflessione sull'invincibile solitudine dell'esistenza; un amalgama delicato di incisivi ritratti di personaggi con l'avvincente dipanarsi degli avvenimenti. Ben più di un giallo: una metafora color seppia sul doppio e sull'ambiguità del vero. Tuzzi non capitola dinanzi all'avanzare delle loffie legioni dei cicisbei della scrittura; non si arrende al nichilismo del narrare in sé, ma lotta e vive insieme ai lettori per guadagnare un senso alla letteratura. Assediato dai minimalisti del dialogo, accerchiato dai mestieranti di debole pensiero, uniti entrambi nell'intimargli di deporre le armi del tormento e di desistere dalla ricerca di un possibile noumeno, mi pare di udire i suoi personaggi apostrofare i vili con l'orgoglioso "m...e" del generale Cambronne a Waterloo. Eccellente: in assoluto uno dei migliori libri di autore italiano che mi sia capitato di leggere negli ultimi anni.

  • User Icon

    jane

    16/02/2011 21.29.55

    All'inizio i continui cambi di scena e le tante digressioni rendono un po' faticosa la lettura. Con il procedere della storia aumenta il piacere intellettualistico : l'ambientazione raffinata, i personaggi ben caratterizzati e i riferimenti neanche tanto velati a personaggi reali stimolano la curiosità. La lingua è impastata di termini colti, latini, inglesi,dialettali, gergali e anche inventati, ma l'eccesso di citazioni e il palese compiacimento per la propria elitaria cultura rallentano il ritmo e creano un effetto saturazione.

  • User Icon

    claudia

    08/12/2010 20.07.36

    Concordo con Paolo e Marco: alcune digressioni scadono nel tecnicismo e peccano certamente di erudizione pretenziosa, fine a se stessa. Un peccato, perchè così si finisce per diluire una bella trama, dei bei personaggi, delle belle atmosfere. Insomma: un romanzo molto buono, ma che forse potrebbe essere ottimo.

  • User Icon

    Marco

    23/09/2010 08.32.11

    Buona la trama del giallo, i caratteri dei personaggi, ma eccede in digressioni e incisi, con alcuni paragrafi assolutamente inutili. Tra citazioni colte talvolta piacevoli, talvolta compaciute, si inciampa anche in pensieri più consoni a un bacio perugina. Inviterei poi l'autore a curare maggiormente la definizione del soggetto delle azioni e a preoccuparsi più del lettore e meno del proprio ego. Un libro forse non velleitario, ma che pecca di pretenziosità sì.

  • User Icon

    paolo57

    14/12/2009 12.02.50

    La trama è abbastanza intelligente, dove si incrociano esperti d'arte, faccendieri ignoranti e presuntuosi e nobili decaduti; forse un po' troppo triste e lento il percorso del racconto che si sofferma troppo in dettagli tecnici non sempre interessanti.

  • User Icon

    francesca

    22/11/2009 15.08.49

    libro molto interessante, ci sono espressioni e frasi bellissime..di quelle da scrivere nel diario e rileggere ogni tanto

  • User Icon

    michele

    16/11/2009 00.38.57

    Una bella scoperta. Libro appassionante con una scrittura ricercata in ogni frase ma mai pesante. Ben congegnata la trama del giallo, piacevoli le vicende dei personaggi, assolutamente non noiose le digressioni tecniche. Da leggere (e possibilmente commentare).

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione