I morti viventi sono tra noi

Thomas Plischke

Traduttore: R. Zuppet
Editore: Armenia
Anno edizione: 2011
Pagine: 509 p., Brossura
  • EAN: 9788834427040
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
La giovane Lily, studentessa inglese di antropologia, sta scrivendo una tesi di dottorato sugli zombie, ma non sa che questa sua passione sarà irrimediabilmente la causa della sua discesa nel mondo delle tenebre. Al funerale del nonno, la giovane conosce infatti Victor, uomo affascinante e ambiguo che, con il pretesto di darle importanti informazioni per la tesi, la accompagna a una festa dove, nel corso di uno strano gioco, un uomo travestito da zombie la morde. Da quel momento inizia una metamorfosi che conduce Lily a trasformarsi, lentamente ma inesorabilmente, in una morta vivente e a sfuggire a se stessa e agli altri abitanti del villaggio di Manger, regno degli zombie. Una zombie, tuttavia, non può amare né rifugiarsi nell'inferno in cui è stata trascinata senza fare del male a chi le sta accanto... ma, forse, un giorno, spinta dall'amore, potrà essere in grado di frenare i suoi impulsi omicidi. In questa speranza il destino di Lily... e la sua maledizione.

€ 8,75

€ 17,50

Risparmi € 8,75 (50%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 17,50 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    max

    02/05/2012 09:39:25

    Ci troviamo di fronte ad un goffo e mal riuscito tentativo di riscrivere la tematica zombi sotto un punto di vista differente, purtroppo senza riuscire minimamente nell'impresa. zombi senzienti, che si innamorano, che si organizzano in caste, tutto sotto gli occhi ciechi del mondo, non fosse per una sorta di socità segreta (una specie di cia\swat) che li perseguita da generazioni. ho voluto attivare alla fine, ma la speranza è stata vanificata. mezzo thriller, mezzo fantasy, zero horror, e soprattutto zero zombie. per carità, il colpo alla testa funziona sempre, ma ci voleva qualcosa di più. bocciato

Scrivi una recensione