Categorie

Paolo Volponi

Editore: Einaudi
Collana: Letture Einaudi
Anno edizione: 2010
Pagine: 383 p. , Brossura
  • EAN: 9788806204174
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco

    29/10/2009 18.36.55

    Il messaggio che voleva lasciare al mondo il signor Volponi poteva essere tranquillamente e chiaramente espresso in non piu di 10 pagine. Il libro è,secondo il mio modesto parere di studente universitario di lettere, un "minestrone di parole" troppo caldo e pieno di ingredienti per essere digerito senza conseguenze. I concetti di base, se pur forti e quantomai attuali, risultano annegati in questo miscuglio insipido. La lettura provocherà forti mal di testa anche al piu convinto "comunista".Troppo prolisso.

  • User Icon

    mendacio

    04/09/2007 18.35.10

    sicuramente vero tutto quello che è stato scritto e detto..ma rimane un libro faticoso e troppo denso per risultare un'opera ispirata, e sulla società dell'oggi funziona meglio la saggistica. mi dispiace ma mi hanno convinto poco le soggettive di poltrone e borse e innervosito parecchio le riflessioni sulla società postindustriale. non lo consiglio

  • User Icon

    luca82

    04/12/2004 11.12.42

    Nella loro antologia, Segre e Martignoni lo definiscono il più importante romanzo italiano degli anni Ottanta. Non so se abbiano ragione, certo è che si tratta di un'opera grandiosa. Da sconsigliare fortemente a chi cerca una trama solida e uno sviluppo narrativo appassionante. Imperdibile per chi voglia penetrare nelle profondità della società e della cultura contemporanea, indagarne la complessità e scoprirne la vacuità e le contraddizioni, la disumanità e la violenza nascosta. Volponi moltiplica i punti di vista e non si limita a dar voce alle persone e agli animali ma chiama in causa ogni elemento, dai ficus alle valigette dei superdirigenti aziendali...E' un'opera allegorica stupenda, tanto quanto "Conversazione in Sicilia" di Vittorini. E' un traboccare di continue scoperte, che l'immaginazione fervida dell'autore fa sconfinare nell'inverosimile, soprattutto nello splendido e truculento finale.

Scrivi una recensione