Categorie

Vanni Santoni

Editore: Laterza
Collana: Solaris
Edizione: 2
Anno edizione: 2015
Pagine: VIII-135 p. , Brossura
  • EAN: 9788858116180

La nostalgia è diventata una faccenda molto ambigua da quando si è capito che può essere estremamente redditizia. Negli ultimi tempi abbiamo assistito a ripescaggi e revival di ogni tipo, dagli anni ’70 agli ’80, ai ’90. Un’intera industria culturale costruita intorno al nostro bisogno di ricordare. O, meglio ancora, di inventare i ricordi, di ricamare sul passato per ritrovare un’identità che ci sembri più autentica e affascinante (o semplicemente sopportabile) di quella attuale. Tutto ciò che eravamo. Tutto ciò che si è perso. Il mito di ciò che non può più tornare e che – nella sua impossibilità – acquista nuovo splendore, un confortante lustro vintage. Potrebbe apparire un libro scritto sulla scia del rimpianto Muro di casse di Vanni Santoni, ricostruzione insieme personale e corale della “più importante avanguardia culturale e giovanile degli ultimi 25 anni”, ovvero: la cultura rave, free tekno. Ma a ben vedere è proprio il contrario. E questo perché parlare dei free party col sentimento nostalgico e invecchiato che si genera attraverso la disillusione, e si coccola nella distanza, sarebbe un tradimento non solo verso se stessi, ma anche verso questo strano oggetto che si cerca di raccontare, questa “cosa” – come la chiama Vanni – “esplosiva, multiforme, sfuggente ed entusiasmante” che ha avuto luogo in Europa tra il 1989 e oggi.
“Potevamo creare ovunque la bellezza”, scrive, “in ogni angolaccio, sotto a ogni cavalcavia, poteva sgorgare una fonte di meraviglia. Ogni periferia, ogni cittadina di provincia senza più guizzi poteva tornare a splendere e ribollire per una notte”. Una psico-geografia collettiva, che faceva gioiosamente saltare i confini. Eppure – proprio in virtù della sua natura situazionista e inafferrabile – più di qualsiasi altro fenomeno giovanile, la “cosa” ha subito una mistificazione mediatica, violenta e denigratoria. Un accanimento che neanche la scena hippy e la scena punk sono riuscite a guadagnarsi con un tale carico di livore. Il giornalismo (sia di sinistra che di destra) negli anni ha solo sparato a zero contro la cultura rave, l’ha liquidata come il Male, risparmiandosi persino l’odioso afflato paternalista di chi è pronto a farti una ramanzina e rimetterti in carreggiata. Ma forse, per queste stesse ragioni, la free tekno è riuscita a non trasformarsi in una versione al bromuro – moralmente e politicamente accettabile – di ciò che è stata. Insomma, quella da guardare con gli occhi malinconici del rimpianto. Quella della pacca sulla spalla dopo la ramanzina. I grossi festival tekno a pagamento, le serate di elettronica con i dj superstar che se la tirano, non sono l’attualizzazione contemporanea dei free party, sono proprio un’altra cosa.
I rave sono sempre stati gratis. Orizzontali. Autogestiti. Antigerarchici. Questo non per dire che non esistano contraddizioni all’interno della scena, o di nuovo per rimpiangere una purezza perduta. Vanni ci mette bene in guardia da questa seduzione. Non esiste nessuna purezza. La purezza è un altro tranello al pari della nostalgia, con il rischio di “una continua e futile sacralizzazione dell’autenticità”. La stessa utopia situazionista, l’ideologia intorno alla quale si è creata la scena rave, le TAZ (le zone temporaneamente autonome) di Hakim Bey, sono strutturalmente contradditorie. Qualsiasi sottocultura nasce nella contraddizione del sistema in cui vive, e molto spesso i media si divertono da matti a fare le pulci a questi inciampi di incoerenza, a sgamare le magagne, a sottolineare i conti che non tornano, con il gusto di buttare all’aria interi movimenti. Ma ognuno ha le sue forme di divertimento. Chi ama fare le pulci, chi ballare per giorni interi. “E se fosse solo una forma molto avanzata di svago?”, ci si chiede nel libro. “Lo è. Anzi, proprio perché lo è, perché non c’è dottrina se non quanto viene dimostrato attraverso la pratica, il culto che officiavamo era qualcosa di vero. Perché sognare un quarto d’ora di celebrità se potevi prenderti dieci o venti ore al centro dell’universo? Vaffanculo a tutto e tutti, no?”. Muro di casse cerca di restituire la complessità che è stata sottratta alla scena rave, con tutte le contraddizioni e persino le mancate rivendicazioni che ne hanno decretato la condanna: “Sai cosa ti dico, ci è mancata la forza di rivendicare le droghe, abbiamo messo su un pudore che ci ha impedito di dire chiaro e tondo che cosa voglia dire sentire un’energia nuova e strutturata attraversarci come se arrivasse a noi da chissà dove, ballare nel caos stellante, godere dei sensi esplosi, farsi baciare all’alba dal sole”. Con la sua forma ibrida di romanzo pastiche – le voci che si riconcorrono nei ricordi, gli inserti saggistici o quelli in versi – Muro di casse riflette il sincretismo instabile della free tekno (antagonismo punk, visionarietà hippy, derivazioni musicali della club culture, sound system da reggae giamaicano) e mette in scena tre personaggi: ognuno con un approccio differente all’universo magmatico dei free-party. Abbiamo Iacopo – la dimensione sensuale; Cleo – la dimensione intellettuale e teorica e Viridiana – la dimensione più olistica e spirituale. E poi c’è la voce narrante che prova a tenere le fila – molto aggrovigliate – delle loro storie, e di tutte le altre. Restituire complessità è solo una parte dell’ambizione di Santoni, perché ciò che vuole fare nel suo romanzo è restituire qualcosa di più difficile e scandaloso – la bellezza dei rave, lo splendore estemporaneo, ma oscenamente intenso degli incontri e della fratellanza: “Il battito è quello del cuore di una mamma gigantesca e un po’ mostruosa, e la mano che mi prende il polso quella di una sorellina, e sì, andiamo, andiamo, chiunque tu sia nel ricordo”. Voto 4/5

Recensione di Veronica Raimo

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tea

    21/02/2016 16.23.43

    un bel tuffo negli anni '90 e nel movimento underground, con storie incredibili di cui sarebbe bello sapere la % di verità e finzione....consigliato.

  • User Icon

    Laura Scarlet

    15/11/2015 22.49.09

    Come prosatore Santoni è tra i migliori in assoluto, dei passaggi iniziali o alcuni nelle scene a Sarajevo sembrano scritti da Cormac McCarthy. Il tema apparentemente non è del massimo interesse per chi non ha vissuto quel mondo, ma in realtà dentro a questo libro ci sono storie e vicende umane incredibili di cui è bello leggere. Solo la seconda parte, più tecnica, è effettivamente da addetti ai lavori, sebbene anche lì ci siano delle cose affascinanti, come la questione del ''razzismo musicale'' o quella del rapporto tra induzione e regolazione della trance.

  • User Icon

    ilaria

    03/11/2015 22.02.42

    A parte ispirare qualche rada emozione che sbatte le ali a terra appena voltato pagina, ci sono raccontati sketch esistenziali di chi ha vissuto la sua giovinezza a cavallo tra la fine degli anni '90 e l'inizio dei duemila che possono offrire materia di svago e risata ai lettori. Tristemente pero' infarcite di troppe nozioni sociologiche copiate e incollate da saggi(?!) sull'argomento. Poteva fare di meglio. Comunque da leggere anche solo per alcuni passi che "bucano" il cuore raggiungendo momenti di appassionato lirismo nel ricordo del fu. Quindi cercate di leggerlo fino alla fine.

  • User Icon

    Halu

    13/09/2015 15.27.59

    ottimo romanzo che ripercorre la storia del movimento RAVE e FREE TEKNO con tante storie interallacciate e un pizzico di nostalgia... 23 ;')

  • User Icon

    Bug

    10/08/2015 17.23.24

    Con il solito stile eccezionale Santoni esplora il mondo dei cosiddetti rave, o meglio 'free party'. Se ne desume che la realtà è molto diversa da quello che raccontanto i giornali (il che di per sé non stupisce: valore aggiunto del libro è la bellezza della prosa e la capacità di stare su vari registri e stili contemporaneamente).

  • User Icon

    Simone Bachechi

    01/08/2015 11.53.00

    "ma ora se ripenso a quegli anni trovo solo nostalgia per quello che eravamo" (Viridiana), ho dovuto aspettare questa quasi postilla finalmente a pagina 110 per rivalutare il romanzo-saggio da un punto di vista più emotivo che è poi alla fine, credo quello che si chiede ad ogni opera artistica?eh sì niente da dire, un bravo scrittore che mi piace immaginare abbia anche realizzato qui appieno la sua vocazione scrivendo il libro che più avrebbe sempre voluto scrivere. Niente da dire sullo stile, sulla forma, su un linguaggio cosi' pregnante e vissuto con l'empatia dei luoghi vissuti come i miei o che sono e ci siamo solo dati come possibilità mancate nei nostri anni che furono (i free party, le disco?autostrade, svincoli pericolosi) tornando più o meno a passati di maggiori o minori dipendenze. Notevole il magma della tua scrittura, così viva, dissociativa, esiziale, (basta aggettivi) solo per rappresentare il non rappresentabile: Dioniso, la sua eterna lotta con Apollo, l'utopico ed il politico, mi ha portato un po' nel ventre molle e umido della terra dove battono i tamburi, una bella discesa agli inferi, o in paradiso, un pò Celine, un po' Celan (il vuoto oscuro). Complimenti in tutto questo per l autocontrollo da vero bravo scrittore, anche là dove si rischia di cadere nel solito stereotipo della fissa delle essere i più puri di?i più veri di..,come essere i più eletti di? o i più a sinistra di?, la forma spuria saggio-romanzo e la contaminazione di voci aiuta, anche in questo. Si dirà che il racconto è una rappresentazione della realtà, scevro di pregiudizi e coloriture varie, forse è lo stile saggistico, però un mio unico appunto che è poi forse una mia perversione e in ogni caso è quello che ho sentito, è la mancanza di un vero dato emotivo

  • User Icon

    cermia

    06/06/2015 01.49.51

    dopo aver innovato la scrittura collettiva, i blog letterari e libri derivati, addirittura il fantasy, vanni santoni torna al suo filone realistico con un bel romanzo ambientato nel mondo dei 'free party' cioè per noi non iniziati i comunemente detti 'rave'. Grande scrittura, centinaia di storie interconnesse, un tocco di commozione. Appendici forse superflue per chi è interessato al romanzo, ma non fuori luogo.

  • User Icon

    Lisatk

    24/05/2015 17.07.42

    di fronte a cose come questa...romanzo bellissimo ma soprattutto libro che rende giustizia a due generazioni....dici solo grazie

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione