Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 51 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Muro di casse
13,30 € 14,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+130 punti Effe
-5% 14,00 € 13,30 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
La Leoniana
13,33 € + 3,80 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
13,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Emozioni Media Store
13,20 € + 5,75 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
13,30 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
14,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRIAMO
14,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
14,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
14,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
14,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
14,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
14,00 € + 8,10 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
La Leoniana
13,33 € + 3,80 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
OCCHIO AL FILM
13,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Emozioni Media Store
13,20 € + 5,75 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
13,30 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
14,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRIAMO
14,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
14,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
14,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
14,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
14,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
14,00 € + 8,10 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Muro di casse - Vanni Santoni - copertina
Chiudi

Descrizione


Cosa è stata questa "cosa" sfuggente, multiforme ed entusiasmante avvenuta in Europa tra il 1989 e oggi - una cosa lunga dunque un quarto di secolo? Proprio dalla consapevolezza che nessun dato potrà mai avvicinarsi al significato profondo del rave, del trovarsi lì, a ballare davanti a un muro di casse fino al mattino (e sovente fino a quello ancora successivo) in quelle industrie abbandonate, in quei capannoni, in quei boschi, in quelle ex basi militari, fiere del tessile, ballatoi, vetrerie, depositi ferroviari, rifugi montani, bunker, uffici smessi, pratoni, centrali elettriche, campi, cave, rovine di cascinali, finanche strade di metropoli quando venne il momento della rivendicazione, è nato questo libro - perché, sia pure con una forte impronta documentale, in casi come questo il romanzo è il più potente strumento di analisi e rappresentazione della realtà.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2015
7 maggio 2015
VIII-135 p., Brossura
9788858116180

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(9)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(4)
3
(1)
2
(1)
1
(0)
Simone Tribuzio
Recensioni: 5/5

Chiacchierando con gli amici viene fuori che hai intenzione di documentarti sul movimento dei free party, per essere più precisi sulla tekno. Vuoi davvero sviscerare e sfatare miti di un genere musicale che unisce milioni e milioni di persone in tutto il mondo. Il desiderio di indagare su una passione che ti accomuna con tanti altri ragazzi provenienti da tutta Europa è davvero forte. Questa esigenza ha portato lo scrittore fiorentino a stendere un romanzo mascherato da saggio sulla cultura rave a trecentosessanta gradi. Un progetto che teneva nel cassetto sin dai primi anni di attività letteraria. Vanni Santoni tiene per mano il lettore con una capacità eccelsa, brani di imperitura bellezza raccontano dei riti, delle amicizie, dei bivacchi, del costume che gravitano attorno a questo microcosmo popolato da persone qualunque e non da reietti come i mass media vogliono far credere. Un documentario magico che raccoglie diverse testimonianze chiaramente romanzate all'occasione. Oltre che a rendere giustizia a tutta la cultura rave, il realismo magico di Santoni si presta volentieri per raccontare qualcosa che va oltre il solito "festino" e le solite "droghe da festa". Dopo Se una notte d'inverno un viaggiatore, un'altra forma preziosissima di metanarrativa da cui imparare e ammirare attoniti. Una magia su carta. Il romanzo italiano più bello del 2015.

Leggi di più Leggi di meno
Tea
Recensioni: 4/5

un bel tuffo negli anni '90 e nel movimento underground, con storie incredibili di cui sarebbe bello sapere la % di verità e finzione....consigliato.

Leggi di più Leggi di meno
Laura Scarlet
Recensioni: 4/5

Come prosatore Santoni è tra i migliori in assoluto, dei passaggi iniziali o alcuni nelle scene a Sarajevo sembrano scritti da Cormac McCarthy. Il tema apparentemente non è del massimo interesse per chi non ha vissuto quel mondo, ma in realtà dentro a questo libro ci sono storie e vicende umane incredibili di cui è bello leggere. Solo la seconda parte, più tecnica, è effettivamente da addetti ai lavori, sebbene anche lì ci siano delle cose affascinanti, come la questione del ''razzismo musicale'' o quella del rapporto tra induzione e regolazione della trance.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(4)
3
(1)
2
(1)
1
(0)

Voce della critica

La nostalgia è diventata una faccenda molto ambigua da quando si è capito che può essere estremamente redditizia. Negli ultimi tempi abbiamo assistito a ripescaggi e revival di ogni tipo, dagli anni ’70 agli ’80, ai ’90. Un’intera industria culturale costruita intorno al nostro bisogno di ricordare. O, meglio ancora, di inventare i ricordi, di ricamare sul passato per ritrovare un’identità che ci sembri più autentica e affascinante (o semplicemente sopportabile) di quella attuale. Tutto ciò che eravamo. Tutto ciò che si è perso. Il mito di ciò che non può più tornare e che – nella sua impossibilità – acquista nuovo splendore, un confortante lustro vintage. Potrebbe apparire un libro scritto sulla scia del rimpianto Muro di casse di Vanni Santoni, ricostruzione insieme personale e corale della “più importante avanguardia culturale e giovanile degli ultimi 25 anni”, ovvero: la cultura rave, free tekno. Ma a ben vedere è proprio il contrario. E questo perché parlare dei free party col sentimento nostalgico e invecchiato che si genera attraverso la disillusione, e si coccola nella distanza, sarebbe un tradimento non solo verso se stessi, ma anche verso questo strano oggetto che si cerca di raccontare, questa “cosa” – come la chiama Vanni – “esplosiva, multiforme, sfuggente ed entusiasmante” che ha avuto luogo in Europa tra il 1989 e oggi.
“Potevamo creare ovunque la bellezza”, scrive, “in ogni angolaccio, sotto a ogni cavalcavia, poteva sgorgare una fonte di meraviglia. Ogni periferia, ogni cittadina di provincia senza più guizzi poteva tornare a splendere e ribollire per una notte”. Una psico-geografia collettiva, che faceva gioiosamente saltare i confini. Eppure – proprio in virtù della sua natura situazionista e inafferrabile – più di qualsiasi altro fenomeno giovanile, la “cosa” ha subito una mistificazione mediatica, violenta e denigratoria. Un accanimento che neanche la scena hippy e la scena punk sono riuscite a guadagnarsi con un tale carico di livore. Il giornalismo (sia di sinistra che di destra) negli anni ha solo sparato a zero contro la cultura rave, l’ha liquidata come il Male, risparmiandosi persino l’odioso afflato paternalista di chi è pronto a farti una ramanzina e rimetterti in carreggiata. Ma forse, per queste stesse ragioni, la free tekno è riuscita a non trasformarsi in una versione al bromuro – moralmente e politicamente accettabile – di ciò che è stata. Insomma, quella da guardare con gli occhi malinconici del rimpianto. Quella della pacca sulla spalla dopo la ramanzina. I grossi festival tekno a pagamento, le serate di elettronica con i dj superstar che se la tirano, non sono l’attualizzazione contemporanea dei free party, sono proprio un’altra cosa.
I rave sono sempre stati gratis. Orizzontali. Autogestiti. Antigerarchici. Questo non per dire che non esistano contraddizioni all’interno della scena, o di nuovo per rimpiangere una purezza perduta. Vanni ci mette bene in guardia da questa seduzione. Non esiste nessuna purezza. La purezza è un altro tranello al pari della nostalgia, con il rischio di “una continua e futile sacralizzazione dell’autenticità”. La stessa utopia situazionista, l’ideologia intorno alla quale si è creata la scena rave, le TAZ (le zone temporaneamente autonome) di Hakim Bey, sono strutturalmente contradditorie. Qualsiasi sottocultura nasce nella contraddizione del sistema in cui vive, e molto spesso i media si divertono da matti a fare le pulci a questi inciampi di incoerenza, a sgamare le magagne, a sottolineare i conti che non tornano, con il gusto di buttare all’aria interi movimenti. Ma ognuno ha le sue forme di divertimento. Chi ama fare le pulci, chi ballare per giorni interi. “E se fosse solo una forma molto avanzata di svago?”, ci si chiede nel libro. “Lo è. Anzi, proprio perché lo è, perché non c’è dottrina se non quanto viene dimostrato attraverso la pratica, il culto che officiavamo era qualcosa di vero. Perché sognare un quarto d’ora di celebrità se potevi prenderti dieci o venti ore al centro dell’universo? Vaffanculo a tutto e tutti, no?”. Muro di casse cerca di restituire la complessità che è stata sottratta alla scena rave, con tutte le contraddizioni e persino le mancate rivendicazioni che ne hanno decretato la condanna: “Sai cosa ti dico, ci è mancata la forza di rivendicare le droghe, abbiamo messo su un pudore che ci ha impedito di dire chiaro e tondo che cosa voglia dire sentire un’energia nuova e strutturata attraversarci come se arrivasse a noi da chissà dove, ballare nel caos stellante, godere dei sensi esplosi, farsi baciare all’alba dal sole”. Con la sua forma ibrida di romanzo pastiche – le voci che si riconcorrono nei ricordi, gli inserti saggistici o quelli in versi – Muro di casse riflette il sincretismo instabile della free tekno (antagonismo punk, visionarietà hippy, derivazioni musicali della club culture, sound system da reggae giamaicano) e mette in scena tre personaggi: ognuno con un approccio differente all’universo magmatico dei free-party. Abbiamo Iacopo – la dimensione sensuale; Cleo – la dimensione intellettuale e teorica e Viridiana – la dimensione più olistica e spirituale. E poi c’è la voce narrante che prova a tenere le fila – molto aggrovigliate – delle loro storie, e di tutte le altre. Restituire complessità è solo una parte dell’ambizione di Santoni, perché ciò che vuole fare nel suo romanzo è restituire qualcosa di più difficile e scandaloso – la bellezza dei rave, lo splendore estemporaneo, ma oscenamente intenso degli incontri e della fratellanza: “Il battito è quello del cuore di una mamma gigantesca e un po’ mostruosa, e la mano che mi prende il polso quella di una sorellina, e sì, andiamo, andiamo, chiunque tu sia nel ricordo”. Voto 4/5

Recensione di Veronica Raimo

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Vanni Santoni

1974, Montevarchi

Dal 2004 porta avanti una intensa attività come scrittore e giornalista fino a che, nel 2006, vince il concorso "Scrittomisto" della editrice RGB ed esordisce con la prima versione del libro Personaggi precari.Nel 2007 fonda il progetto SIC, Scrittura Industriale Collettiva che lo porterà a pubblicare, nel 2013, il romanzo storico In territorio nemico (Minimum Fax). Nel 2008 pubblica Gli interessi in comune (Feltrinelli) e nel 2011 Se fossi fuoco arderei Firenze (Laterza). Sempre nel 2011 esce L'ascensione di Roberto Baggio (Mattioli 1885), scritto a quattro mani col drammaturgo Matteo Salimbeni e nel 2012 pubblica il romanzo breve Tutti i ragni (:duepunti).Nel 2013, dopo aver pubblicato la versione definitiva di Personaggi precari (Voland), si cimenta nella scrittura di Terra...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore