La musa inquietante. Il computer e l'immaginario contemporaneo - Luca Scarlini - copertina

La musa inquietante. Il computer e l'immaginario contemporaneo

Luca Scarlini

Scrivi una recensione
Collana: Minima
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 1 luglio 2001
Pagine: 120 p.
  • EAN: 9788870787214
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,22

€ 8,50
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il computer, fedele compagno dell'uomo o riottoso tiranno della nostra vita quotidiana, ha segnato e segna il nostro immaginario in modo irreversibile. Dalle prime prefigurazioni degli anni Trenta a oggi, l'autore ripercorre l'avvento dell'era informatica attraverso i movimenti dell'immaginario nei confronti delle invenzioni che hanno rivoluzionato la nostra esistenza. Una storia che passa dalla nostra paura latente - il computer come totem minaccioso e invasivo - fino a toccare la banalità della condizione di elettrodomestico. Un percorso tra narrativa, cinema, poesia, pubblicità, arti figurative, con numerose sorprese e varie conferme.
2
di 5
Totale 2
5
0
4
0
3
0
2
2
1
0
  • User Icon

    NATTA

    19/12/2010 22:41:46

    Come già detto in precedenza, il libro presenta l'argomento come un fiume in piena che ci travolge e ci trasforma. Andando poi avanti con la lettura ci si accorge che invece si perde in mille rivoli non necessari e citazioni da ricercatore, più che da lettore che vuole una vera e concreta panoramica sul fenomeno. Lo spunto è quindi buono per chi volesse poi leggere, vedere e ricercare le decine di testi citati e consigliati dall'autore, ma fornisce una visione d'insieme scarna dal punto di vista del contenuto. Per chi come me, è appassionato d'informatica, il libro risulta estremamente pesante nella prima parte, diventa più interessante poi con la lettura. Resta comunque un libro poco consigliato.

  • User Icon

    Francesco Mazzetta

    21/02/2002 11:50:23

    Benché il tema, come introdotto dal titolo, sia estremamente interessante, il libro si perde in una storia della tecnologia dall'industrializzazione ad oggi e relativi rapporti con l'arte e la cultura. Si trasforma così in una sorta di bigino di interesse molto minore (anche per citazioni poco accurate che indispongono il lettore). L'unico tema non banale è allora l'influenza sul teatro della tecnologia, che mi pare poco trattato in altri testi simili.

  • Luca Scarlini Cover

    Luca Scarlini è nato a Firenze nel 1966, si occupa di drammaturgia contemporanea e di letteratura comparata. Saggista e storyteller, insegna allo IED di Firenze, alla Scuola Holden di Torino, all’Università Ca’ Foscari di Venezia e in altre istituzioni italiane e straniere. Voce storica di Radio 3, scrive regolarmente su «Alias», sulla rivista «Il giornale dell’arte» e su «L’indice» come recensore di libri di teatro e spettacolo; collabora inoltre con istituzioni teatrali italiane, tra cui la Biennale di Venezia e, all’estero, con il progetto Connections del National Theatre di Londra e con il Festival Lift; con il Teatro Stabile di Parma, il Festival della Letteratura di Mantova, TTV – Videoteatro di... Approfondisci
Note legali