Categorie

Dario Fertilio

Editore: Marsilio
Anno edizione: 2010
Pagine: 172 p. , Brossura

6 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Controllo politico e libertà - Oppressione e persecuzione

  • EAN: 9788831799669

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Neno

    11/08/2016 10.29.29

    Sinceramente, da come viene presentato il libro, mi aspettavo una narrazione molto più cruenta e con dovizia di particolari. Gli episodi forti si limitano a qualche pagina, tra l'altro già rivelati nella trama del volume. Si genera anche un pò di confuzione nel racconto a causa dell'abbondanza di nomi, da continui flashback dei personaggi, danneggiando la fluidità degli eventi. Il pregio attribuibile al libro è svelare alcune delle atrocità del Comunismo, inquadrandolo come sistema fallimentare che si è corroso dall'interno.

  • User Icon

    FW

    03/02/2015 19.41.31

    Se uno non sa assolutamente nulla di cosa sia successo a Pitesti, consiglio prima di cominciarne la lettura di cercare qualcosa su internet tanto per farsi un'idea. Perchè il libro comincia subito col racconto diretto senza una chiara introduzione...Mamma mia che postaccio...

  • User Icon

    carlo

    24/05/2012 09.20.29

    Un libro bello tosto

  • User Icon

    Fabrizio, Ettore

    28/05/2010 14.10.55

    Questo libro è il classico pugno nello stomaco. Fertilio riesce a farci entrare nella "bolgia dantesca" del gulag "non ufficiale" di Pitesti e a narrarci (spesso nei più piccoli particolari) le indicibili torture perpetrate dal "kapò" Turcanu. Ma quello che colpisce di più è l'immedesimarsi totale del lettore nell'opprimente ambiente psicologico della prigione e delle singole storie delle vittime... Un vero incubo kafkiano. Lo definirei una riproposizione letteraria (ma realmente accaduta purtroppo) di film come "Saw" e "Salò o le 120 giornate di Sodoma" (tra l'altro già citato nella sovracopertina dallo stesso autore...). Rigorosamente vietato ai minori, apre gli occhi su una realtà spesso dimenticata e che pochi ancora conoscono...

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione