Musica per organi caldi

Charles Bukowski

Traduttore: S. Viciani
Editore: Feltrinelli
Edizione: 4
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 dicembre 2012
Pagine: 238 p., Brossura
  • EAN: 9788807880544
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Musica per organi caldi" raccoglie trentasei racconti di un Bukowski familiare e nuovo al contempo. Familiare perché, dopo essersi cimentato con le strutture del romanzo, torna al passo narrativo del racconto, che gli è particolarmente congeniale, ma anche nuovo, perché in queste pagine, spregiudicate e anche feroci, crea le sintesi più felici del proprio repertorio formale e contenutistico. Se da una parte, infatti, ci troviamo di fronte ai personaggi che tradizionalmente popolano queste storie di ordinaria follia, a un'umanità sbracata e litigiosa, sfrenata e beona, dall'altra Bukowski mette a fuoco con maggiore intensità ed essenzialità le gesta dei suoi eroi, che diventano tanto più straordinari quanto più si muovono nelle dimensioni di una ostentata banalità. Della musica che accompagna le tragicommedie della vita quotidiana Bukowski sa cogliere in modo impareggiabile i sottofondi umoristici e poetici, le note patetiche e inquietanti.

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,50 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    anna.trtsc@gmail.com

    21/09/2018 10:20:44

    Bukowski in pillole. Certo, pillole amare da ingoiare. Non c'è incanto nei suoi racconti, non c'è illusione. Lo stile ruvido della narrazione fa sì che ognuno possa riflettersi nelle (e riflettere sulle) vicende dei protagonisti, immedesimandosi facilmente in quel cinismo che, in fondo, è il filo rosso che collega tutti noi, in questo mondo moderno fatto di pochi rapporti veri e tanta, tanta rassegnazione.

Scrivi una recensione