Musica per organo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Robert Schumann
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 1 febbraio 2014
  • EAN: 5028421947211
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sechs Studien für den Pedal-Flügel op.56; Skizzen für den Pedal-Flügel op.58; Sechs Fugen über den Namen BACH op.60
Il nome di Robert Schumann non viene quasi mai associato all’organo, cosa che trova conferma nel fatto che il grande compositore di Zwickau non scrisse opere pensate espressamente per organi liturgici. Eppure la sua sconfinata venerazione per la produzione di Johann Sebastian Bach e il suo grande interesse per il Pedalflügel – un pianoforte dotato di pedaliera di recente invenzione – lo spinsero a comporre tre serie di opere per questo strumento, che in questo disco vengono eseguite da Roberto Martini sull’organo Mascioni dell’Abbazia di San Tommaso Apostolo di Pontevico. Sotto il profilo stilistico, queste opere presentano una scrittura polifonica dai tratti piuttosto austeri (lontana anni luce dalle opere per pianoforte della prima fase della parabola creativa schumanniana, basate su creature mitiche, poesie e sogni), ma – nonostante questo – in ogni battuta si può percepire distintamente lo spirito del compositore tedesco.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Robert Schumann Cover

    Compositore tedesco.Gli anni di formazione. Figlio di un editore umanista, August S., noto per aver pubblicato un'edizione tascabile dei classici di tutto il mondo, crebbe in un ambiente familiare estremamente favorevole allo sviluppo dei suoi vasti interessi letterari e musicali, in un'epoca e in un clima nazionale percorsi dai fermenti del più schietto romanticismo. A sei anni iniziò privatamente la sua istruzione con l'arcidiacono Döhner; fu l'organista di S. Maria, J.G. Kuntsch, ad avviarlo allo studio della musica. Tre anni dopo il padre lo portò a Karlsbad ad ascoltare Moscheles, uno dei più grandi pianisti del tempo: e il piccolo Robert volle diventare pianista; il che non gli impedì di seguire con grande entusiasmo anche la poesia, durante gli studi ginnasiali iniziati nella città... Approfondisci
Note legali