Categorie
Compositore: Johann Sebastian Bach
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 4
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 1 febbraio 2014
  • EAN: 5028421948508

€ 15,90

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Triosonata BWV 525; Triosonata BWV 526; Triosonata BWV 527; Concerto BWV 596; Triosonata BWV 528; Triosonata BWV 529; Concerto BWV 594; Toccata e Fuga BWV 540a; Triosonata BWV 530
Una nuova integrale delle opere organistiche di Johann Sebastian Bach costituisce un evento della massima importanza anche nel mercato discografico attuale, caratterizzato da una offerta quanto mai vasta e stretto nella morsa di una crisi che sembra non voler finire. Questo giudizio trova conferma prima di tutto nella straordinaria bellezza e intensità di queste opere – unanimemente considerate tra i massimi capolavori della storia della musica – e in seconda istanza nel fatto che in esse c’è ancora moltissimo da scoprire e da rivelare al grande pubblico. Questa nuova edizione pone una grande enfasi sulla scelta degli organi; in particolare, Stefano Molardi ha deciso di utilizzare strumenti tedeschi costruiti all’epoca di Bach, gli unici che possono garantire la necessaria autenticità a questo progetto. Il primo cofanetto consente di ascoltare la magnifica tavolozza sonora dell’organo Trost della Stadtkirche Zur Gotteshilfe di Waltershausen, uno strumento costruito nel 1725 e minuziosamente restaurato nel 1998. Molardi è considerato da molti un vero “uomo del Rinascimento” per via della sua straordinaria ecletticità, che gli permette di disimpegnarsi brillantemente come organista, cembalista, musicologo, storico e saggista. Molardi vanta una discografia molto vasta, con parecchie incisioni realizzate per la Divox, la Deutsche Grammophon e altre etichette. Sotto il profilo espressivo, le sue interpretazioni sono chiare, trasparenti, luminose e ritmicamente vibranti. Questi dischi sono stati concepiti secondo la logica dei programmi dei concerti, abbinando opere di generi e stili diversi, in modo da evitare qualsiasi forma di uniformità e di monotonia.