Musica per pianoforte - CD Audio di Gian Francesco Malipiero,Sabrina Alberti

Musica per pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 30 ottobre 2015
  • EAN: 8007194105476

€ 15,21

€ 16,90
(-10%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 16,50 €)

Gian Francesco Malipiero (1882-1973), è stato uno dei compositori più creativi del panorama musicale italiano della «Generazione dell’Ottanta». Allievo al Liceo Musicale di Bologna di Marco Enrico Bossi, intraprende da autodidatta, lo studio dei maestri italiani del XVII e XVIII secolo. Nel 1908 si perfeziona alla Hochschule di Berlino e successivamente entra in contatto con l’ambiente culturale di Parigi incontrando Alfredo Casella, Maurice Ravel e Gabriele D’Annunzio. Dedicò i successivi 50 anni di vita alla didattica ed alla composizione. I brani pianistici qui presentati ci danno un’idea del suo grande spirito di rinnovamento creativo, che con le basi ben ancorate nella tradizione (Malipiero curò la pubblicazione degli opera omnia di Claudio Monteverdi e Antonio Vivaldi) riuscì ad infondere nuova linfa vitale alla scrittura cameristica e sinfonica che faticosamente riprendeva la sua strada dopo lo strapotere dilagante del melodramma italiano. Oggi riscopriamo queste bellissime pagine grazie al pianoforte di Sabrina Alberti, interprete preparata e sensibile, altamente specializzata nel repertorio di questo periodo storico.
  • Gian Francesco Malipiero Cover

    Compositore. Figlio e nipote di musicisti (il padre, Luigi, fu pianista e direttore d'orchestra; il nonno, Francesco, un compositore di opere assai stimato da Rossini), studiò al conservatorio di Vienna, al liceo musicale di Venezia e a quello di Bologna, dove si diplomò in composizione con M.E. Bossi nel 1904. Dopo aver insegnato (1921-24) al conservatorio di Parma, si ritirò ad Asolo, dove si dedicò alla composizione. Nel 1936 tornò all'attività didattica, prima tenendo la cattedra di storia della musica all'università di Padova e la direzione del locale istituto musicale (1938-39), poi dirigendo il liceo musicale di Venezia (1939-52). Nel 1913 aveva distrutto gran parte della sua produzione giovanile, che era d'impronta essenzialmente romantica, con predilezioni per il soprannaturale e... Approfondisci
Note legali