Categorie
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Hyperion
Data di pubblicazione: 28 aprile 2014
  • EAN: 0034571280400

€ 19,90

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

La Hyperion è orgogliosa di dare il benvenuto nel proprio prestigioso catalogo allo straordinario violinista Jack Liebeck e alla pianista Katya Apekisheva, con la quale collabora regolarmente da parecchi anni. In questo splendido disco Liebeck presenta una vasta silloge di opere di Fritz Kreisler, universalmente conosciuto come «uno degli interpreti più rivoluzionari della sua epoca e il portabandiera della scuola violinistica viennese». Alcune delle opere di Kreisler hanno un’origine alquanto dubbia. Per tutto l’arco della sua carriera Kreisler eseguì nei suoi applauditissimi recital opere di sua composizione, ma intorno al 1905 iniziò a far passare alcuni suoi lavori come se fossero stati scritti da autori del passato e giunse addirittura al punto di comporre un concerto in un perfetto stile vivaldiano. Dopo i primi fortunati esperimenti, Kreisler portò avanti questa pratica con sempre maggiore convinzione. Nel 1934 Kreisler chiese al suo editore americano Carl Fischer di citare nel nuovo catalogo del 1935 i suoi cosiddetti “manoscritti classici” come opere sue, ma questo vero e proprio scoop venne anticipato dal critico del New York Times Olin Downes, che – incaricato di tenere una conferenza-concerto con Yehudi Menuhin – iniziò a fare ricerche approfondite sulle origini del Preludio e Allegro. Messo alle strette, Kreisler ammise che quell’opera era farina del suo sacco, una rivelazione clamorosa che finì sulle prime pagine di tutti i principali giornali del mondo. Il Preludio e Fuga (Classical Manuscript n. 5, attribuito a Gaetano Pugnani) è di gran lunga l’opera più bella di Kreisler. Quando eseguì questo lavoro all’Opéra di Parigi nel 1923, Kreisler vide Vincent d’Indy alzare l’indice contro di lui da una poltrona di prima di fila, un gesto che fece credere al grande virtuoso austriaco di essere stato scoperto. In seguito d’Indy dichiarò: «Pugnani non avrebbe mai eseguito l’Allegro con quella velocità». Questa splendida antologia comprende anche l’arrangiamento incredibilmente virtuosistico del Trillo del diavolo di Tartini, che nell’edizione di Kreisler comprende anche la realizzazione del basso continuo e presenta l’indicazione precisa sia della diteggiatura sia del fraseggio e una impressionante cadenza con passaggi a tre e quattro corde e trilli con due e tre note.