Musica per violoncello e orchestra

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Bohuslav Martinu
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: MDG
Data di pubblicazione: 1 novembre 2017
  • EAN: 0760623204123
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 30,50

Punti Premium: 31

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Bohuslav Martinů (1890-1959):
Concerto n. 1 per violoncello e orchestra H.196; Sonata da camera per violoncello e orchestra H.238; Concerto n. 2 per violoncello e orchestra H.304; Concertino in do minore per violoncello, strumenti a fiato, percussioni e pianoforte H.143
Uno sforzo concertato
Anche se è difficile da credere, questo cofanetto doppio della MDG riunisce per la prima volta in un solo titolo le quattro opere per violoncello e orchestra di Bohuslav Martinů. Oltre ai due concerti per violoncello e orchestra, Petr Nouzovský e la Pilsen Philharmonic Orchestra diretta da Tomáš Brauner eseguono anche il Concertino e la Sonata da camera, opere dalla tavolozza timbrica estremamente ricca che tratteggiano un meraviglioso ritratto di un compositore la cui magistrale scrittura continua ad affascinare gli appassionati dei giorni nostri.
Un gusto da gourmet
Profondamente legate alla tradizione musicale boema, le opere di Martinů fanno coesistere armoniosamente una ritmica molto sofisticata, coinvolgenti melodie di derivazione popolare e una magistrale padronanza formale. Per le sue opere concertanti, Martinů si ispirò sia al concerto grosso di matrice barocca sia al concerto virtuosistico di epoca romantica. Ovviamente al centro di queste opere non poteva che esserci Parigi, con il neoclassicismo francese che aveva trovato il suo massimo alfiere in Igor Stravinsky e nel Groupe des Six, che con le loro opere innovative avevano suscitato una grande sensazione nel panorama musicale di quegli anni.
Tempo di viaggi
Quando nel 1940 le truppe naziste invasero la Francia, Martinů fu costretto a lasciare la sua casa lontana da casa, per farvi ritorno solo vent’anni più tardi. In questo periodo si stabilì negli Stati Uniti dove – a differenza di molti altri compositori europei costretti ad andare in esilio – riuscì a ottenere un notevole successo sia artistico sia finanziario, che gli consentì anche dopo la fine della seconda guerra mondiale di fare la spola tra l’Europa e gli Stati Uniti, ottenendo cattedre molto prestigiose a Tanglewood, Princeton, Roma, Nizza e Philadelphia.
Un artista consumato Partendo dal Concertino giovanile – la prima opera concertante scritta da Martinů – per arrivare al Concerto n. 2 per violoncello e orchestra, la cui prima esecuzione si tenne dopo la morte del compositore, il violoncellista Petr Nouzovský e la Pilsen Philharmonic Orchestra diretta da Tomáš Brauner tratteggiano un quadro molto affascinante della ricca e produttiva carriera del compositore boemo, spaziando da toni lirici, a una delicata atmosfera pastorale e a una coinvolgente vitalità intrisa di ritmi di danza, in grado di garantire un ascolto di scintillante brillantezza.
Disco 1
1
Nouzovsky, Petr - Konzert Fuer Violoncello Und Orc
2
1. Allegro Moderato
3
2. Andante Moderato
4
3. Allegro
5
Nouzovsky, Petr - Kammersonate Fuer Violoncello Un
6
1. Poco Allegro
7
2. Andante Poco Moderato
8
3. Allegro
Disco 2
1
Nouzovsky, Petr - Konzert Fuer Violoncello Und Orc
2
1. Moderato
3
2. Andante Poco Moderato
4
3. Allegro
5
Nouzovsky, Petr - Concertino C-Moll (Allegro Fuer
  • Bohuslav Martinu Cover

    Compositore ceco. Compiuti gli studi a Praga, dove fino al 1923 fu violinista dell'Orchestra filarmonica, si perfezionò a Parigi con Roussel. Dopo vari soggiorni negli Stati Uniti e un periodo di insegnamento a Praga (1946-48), nel 1957 si stabilì in Svizzera. Nella sua produzione confluiscono influssi eterogenei, dalla musica nazionale all'impressionismo francese e al neoclassicismo stravinskiano, dalle danze e dai canti negro-americani alla tecnica e alla sintassi del jazz. Il suo linguaggio risulta pertanto eclettico, con una marcata tendenza a un contrappuntismo denso e vigoroso di segno neobarocco. La sua folta produzione comprende, fra l'altro, una decina di opere teatrali, tra cui Julietta (1938), La commedia sul ponte (originariamente per la radio, 1937), Il matrimonio (per la televisione,... Approfondisci
Note legali