Musiche ribelli

Artisti: Luca Carboni
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Sony Music
Data di pubblicazione: 16 gennaio 2009
  • EAN: 0886974149224
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,50

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Disco 1
  • 1 Ho Visto Anche Degli Zingari Felici
  • 2 Raggio Di Sole
  • 3 Venderò
  • 4 Eppure Soffia
  • 5 Vincenzina E La Fabbrica
  • 6 Musica Ribelle
  • 7 La Casa Di Hilde
  • 8 Up Patriots to Arms
  • 9 Quale Allegria
  • 10 L'Avvelenata

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    anticonemico

    22/03/2009 12:47:31

    Oddio! Riconosco che Carboni e' stato un valido cantautore e sicuramente e' una persona notevole anche al di fuori del campo musicale, ma sinceramente trovo certe critiche mosse a Luca da alcuni suoi fans di vecchia data un po' troppo presuntuose. Carboni non e' ne' Guccini, ne' De gregori ne' tantomeno De' andre'e quindi chi considera le canzoni di questo disco inadatte o addirittura indegne del valore del musicista secondo me vola alto almeno un paio di km da terra. Canzoni come "quale allegria" "raggio di sole" o "vendero'" sono delle gemme del periodo d'oro del cantautorato italiano ed e' stato abile Carboni, sia nello scovarlo e sia nell'interpretarle....Pero' per favore andiamoci piano.....Pirlo sara' anche un buon giocatore ma con Maradona e Pele' ha solo da spartire la maglia numero 10 e poco altro.....

  • User Icon

    Gianmario

    04/03/2009 22:24:51

    Ottimo disco che segue il cambiamento di Carboni negli anni. Un Luca sempre più flemmatico che penso non tornerà più ai fasti di "mare mare" "Silvia lo sai", facciamocene una ragione.

  • User Icon

    Fabio

    14/02/2009 17:38:16

    Un album coraggioso: canzoni con testi "forti" (altro livello rispetto alle attuali banalità da hit parade), ma nessuna vera "hit". Ed il risultato, a mio avviso, è ottimo. Mi son piaciute le riletture in chiave moderna di canzoni che già conoscevo come HO VISTO ANCHE DEGLI ZINGARI FELICI, VENDERO', MUSICA RIBELLE e L'AVVELENATA (è vero: a tratti sembra a CI VUOLE UN FISICO BESTIALE, ma secondo me non è un difetto... anzi!). Ed ho scoperto dei piccoli capolavori come RAGGIO DI SOLE, EPPURE SOFFIA e QUALE ALLEGRIA. Il tutto supportato dalla gran voce di Carboni e da arrangiamenti di ottimo livello. E' un album che va ascoltato più e più volte per apprezzarlo pienamente. Questa non è musica usa e getta.

  • User Icon

    manuel broccardo

    09/02/2009 12:10:21

    Stimo molto Luca e lo seguo di continuo ma pur ascoltando più volte questo album mi ha lasciato parecchie perplessità. Sarà forse la nostalgie di certe voci storiche e ribelli che accompagnano queste canzoni storiche e ribelli al tempo stesso, sarà che amo quel Luca cantautore nella sua immensa intimità sia nel linguaggio, sia nell'interpretazione. Un disco che vuole urlare contro, un disco contro, un disco coraggioso senz'altro e per alcuni la possibilità di ascoltare certe canzoni importanti del panorama musicale italiano per la prima volta, soprattutto per i più giovani. Ma personalmente mi lascia una strana perplessità.

  • User Icon

    matteo

    02/02/2009 15:47:34

    il seguente giudizio personale riguarda il disco tutto, a parte il pezzo di lolli che ritengo all'altezza del miglior carboni. Per il resto,il disco è clamorosamente incongruo con la classe e il talento di luca carboni che conosco e amo dai primissimi tempi. il disco è scarso sia come qualità dei pezzi scelti che come ricerca degli stessi; non c'è neanche il gusto di scoprire nuovi brani dimenticati, per esempio. una grande delusione, una grande amarezza per un disco scontato e banale. Oltre a non aver scritto nuove canzoni che di per sè è cosa già deludente perchè dimostra una sorta di dormiveglia creativo, inerpicarsi su cover bruttine, seppur famose, è oltremodo insopportabile. A salvare la barca che va nei pali c'è la voce di luca che è sempre bella, evocativa. A farla affondare arenata su uno spiaggione è la produzione di sinigallia che appiattisce, abbruttisce rendendo le sonorità fiacche e soporifere (vedi raggio di sole o l'avvelenata che a un certo punto ha il ritmo del Fisico bestiale: tragico collegamento della memoria e anche nei ritmi percepisce che svanisce la fantasia). La malinconia diventa poi tristezza inenarrabile con vincenzina. Stucchevole. Luca Carboni è il più grande cantautore degli ultimi tempi, il più autentico insieme a Paolo Benvegnù. Ma vorrei che tornasse a scrivere i capolavori che sa, quei dischi come Persone Silenziose che sono miniere di emozioni. Se amate luca e avete nostalgia dei suoi brani e siete tentati di prenderlo, fatelo. Ve ne pentirete profondamente ma in fondo costa poco e "Ho visto anche gli zingari volare" è bellissimo e farà il suo lavoro di (magra) consolazione.

  • User Icon

    Luigi

    29/01/2009 16:03:09

    Che bel disco. Complimenti Luca. Tutti le perplessità si sono dissolte dopo qualche ascolto.

  • User Icon

    FULVIO

    22/01/2009 12:55:44

    Arrangiamenti ottimi, il risultato è discreto. Speriamo non prosegua però con questo filone e si rimetta presto al lavoro con nuove canzoni sue. Cmq bravo..

  • User Icon

    fabio j.

    20/01/2009 22:28:11

    Una vera sorpresa: ottimo album. Carboni reinterpreta al meglio dei "cult" musicali ben selezionati. Splendida "L'avvelenata", anche senza il vocione del grande Guccini.

  • User Icon

    Marta,Sandra,Ciccio e Andrea

    17/01/2009 14:52:14

    Vincenzina e la fabbrica da brivido... e che arrangiamento straordinario!!! Grazie... per Quale allegria!

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione