My Favorite Things

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: John Coltrane
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Atlantic
Data di pubblicazione: 9 settembre 2014
  • EAN: 0081227957704

nella classifica Bestseller di IBS Cd musicali CD - Musica Jazz - Jazz internazionale

Salvato in 21 liste dei desideri

€ 5,99

€ 7,50
(-20%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,50 €)

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Luni

    11/05/2020 15:22:12

    Diciamolo subito la foto dell'Album non è delle migliori, ma se un libro non si giudica dalla copertina esportiamo il concetto anche all'ambito musicale. Questa è l'unica critica da potermi permettere perchè probabilmente questo è uno dei migliori lavori di John Coltrane in tutta la sua lunga carriera. Prima registrazione con la Atlantic, prima del quartetto con Tyner McCoy, Steve Davis e Elvin Jones. L'album che ne esce è armonico, piacevole e scorre via che è una bellezza. Se vi piace il genere non potete non averlo.

  • User Icon

    Claudio Ti

    29/04/2019 07:43:25

    Le incisioni contenute in questo album sono tra l migliori realizzate da Coltrane con la sua band. Il brano che dà il titolo al disco è da ascoltare e riascoltare, per comprendere l'estetica di questa parte della vita musicale del grande sassofonista ed apprezzare la creatività dei suoi accompagnatori, che quì sono co-protagonisti. Imperdibile!

  • User Icon

    Davide

    21/03/2019 20:50:28

    Capolavoro

  • John Coltrane Cover

    Sassofonista statunitense di jazz (sax tenore e sax soprano). Impresse una svolta decisiva al jazz successivo al bop di Charlie Parker. Dopo avere suonato l'alto nel '49 nell'orchestra di Dizzy Gillespie, nel '51 fu al sax tenore nel piccolo complesso di Gillespie, rivelando già quella sonorità urlata e risonante che aveva maturato in precedenti esperienze nel rhythm and blues. Nel '53 suonò con Johnny Hodges e dal '55 con Miles Davis: e qui, dopo un'ossessiva esplorazione delle possibilità armoniche e attraverso le «sheets of sound» o «strisce sonore» costituite da brevissime note, trovò nella modalità la chiave risolutiva per la trasformazione sonora del materiale di base, liberando l'improvvisazione (anche seguendo le indicazioni offerte da George Russell e Ornette Coleman) dai limiti strutturali... Approfondisci
Note legali