Categorie

Barry Eichengreen

Traduttore: L. Fantacci
Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Anno edizione: 2009
Pagine: XII-421 p. , Brossura
  • EAN: 9788842814825

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonio Romano

    18/04/2012 17.08.22

    Il lavoro di divulgazione dell'opera di ricerca del professor Eichengreen è molto interessante e pieno di dati statistici, dotato inoltre di una bibliografia sterminata e dettagliata. Partendo da una visione liberal ma comunque molto America-centrica, l'autore fornisce una certa interpretazione della storia economica europea, tenendo poco conto ad esempio delle influenze dell'Asia sulla ristrutturazione dell'economia europea stessa, e delle ragioni dell'integrazione di molte economie europee nell'UE, successivamente alla fine di molte dittature (Spagna, Portogallo, Grecia). Molto bella l'analisi dell'evoluzione dei paesi dell'ex blocco sovietico verso l'economia di mercato. L'impostazione del lavoro è quasi esclusivamente economica, con non molti riferimenti alle dinamiche politiche che hanno potuto spingere alla definizione degli attuali rapporti fra le diverse nazioni europee, ad eccezione della storia della nascita dell'asse Franco- Tedesco. Un testo per capire le ragioni del declino economico del Regno Unito, potenza vincitrice della seconda guerra mondiale, dallo scenario europeo a tutto vantaggio della potenza tedesca che, pur essendo stata sconfitta, è diventata la leader sia da un punto di vista economico industriale che da un punto di vista monetario. La Germania, diventata elemento di stabilizzazione dell'area grazie al rigore della Politica Monetaria della Bundesbank, si è rivelata traino dell'intera economia europea nonché una delle prime economie esportatrici del mondo. Ai governi democratici della Germania è riuscito quel che non è riuscito al Terzo Reich. Poco si dice nel testo della contrapposizione fra Nord e Sud dell'Europa e delle relazioni con l'altra sponda del Mediterraneo.

Scrivi una recensione