-70%
Nascita e morte della massaia - Paola Masino - copertina

Nascita e morte della massaia

Paola Masino

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Isbn Edizioni
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 14 maggio 2009
Pagine: 297 p., Brossura
  • EAN: 9788876381317
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 4,20

€ 14,00
(-70%)

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Nascita e morte della massaia

Paola Masino

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Nascita e morte della massaia

Paola Masino

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Nascita e morte della massaia

Paola Masino

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Scritto tra il 1938 e il 1939, il romanzo ha una travagliata storia editoriale: censurato dal fascismo che lo giudica disfattista e cinico, una nuova versione ripulita da ogni riferimento all'Italia e alla sua realtà - in attesa di essere diffusa - brucia nella tipografia colpita da un bombardamento. Nel '45 finalmente il testo vede la luce, in un'edizione ricostruita dalla Masino sulle bozze di stampa nel tentativo di riportarlo alla lezione originaria. È la storia di una diciottenne senza nome che vive distesa in un baule, tra libri, ragnatele e tozzi di pane muffiti, fino a quando non è costretta a uscirne per sposare un vecchio zio e trasformarsi nell'angelo del focolare. Con una scrittura vibrante e inedita, capace di mescolare perfettamente registri diversi, Paola Masino traccia il profilo metafisico e surreale di un femminismo ante litteram. Una riflessione attuale sull'esistenza vana e superficiale a cui è costretta la donna e sul ruolo che le è riservato dalla società e dalla famiglia.
Titolo e copertina non traggano in inganno. Nascita e morte della massaia non è una prefigurazione delle desperate housewives di Wisteria Lane e ha poco a che vedere anche con i referti dell'infelicità domestica femminile nella middle class americana tra anni cinquanta e sessanta, alla maniera del Diario di una casalinga disperata di Sue Kaufman recentemente riproposto da Einaudi. È una romanzesca macchina celibe, un coacervo di invenzioni e di provocazioni, una scheggia impazzita staccatasi da una stagione letteraria di cui è al tempo stesso l'epitome e l'epicedio. È, anche, uno dei quei libri-cometa che appaiono, scompaiono e riappaiono nel firmamento editoriale riverberando ogni volta la luce del tempo, senza riuscire a diventare stelle fisse.
Paola Masino amava ricondurre la genesi del suo romanzo a una privata nevrosi domestica, che a Venezia, dove viveva con Massimo Bontempelli, monopolizzava i suoi giorni in un'incessante crociata contro la polvere. Ma, più che l'occasione autobiografica, contano le date di stesura: 1938-1940, gli anni più tetri del regime fascista e insieme del tramonto di quel clima culturale, all'incrocio tra surrealismo, metafisica e realismo magico, nel quale Masino era nata come scrittrice. La censura prima, poi la guerra, ritardarono l'uscita del romanzo al 1945, e si capisce come quel frutto tardivo di un'avanguardia a sua volta fuori tempo massimo non potesse acclimatarsi nell'habitat neorealista. La ristampa del 1970 cadde in un contesto più favorevole agli sperimentalismi, ma neanche allora Masino, a differenza di Gadda, ebbe i suoi nipotini; semmai delle nipoti adottive, le lettrici che dodici anni dopo, complice il marchio militante della Tartaruga, la elessero ad antesignana della liberazione delle donne, senza scorgere nel suo femminismo ante litteram le tracce di un rapporto tutt'altro che pacificato con la femminilità.
La quarta vita del romanzo si deve oggi alla casa editrice Isbn, che proprio con Nascita e morte della massaia inaugura la collana "Novecento italiano", diretta da Guido Davico Bonino con l'intento dichiarato di "rileggere alla luce dell'oggi opere della letteratura del secolo scorso che, per le più disparate ragioni, sono state dimenticate dagli editori e dagli studiosi e che perciò restano sconosciute o poco note all'ultima generazione di lettori". Insieme al libro di Masino, escono per ora dal limbo del Novecento Zebio Còtal di Guido Cavani (cfr. "L'Indice", 2009) e Facile da usare di Oreste del Buono, mentre si attendono a breve Il campo 29 di Sergio Antonielli e La vita intensa di Bontempelli.
Accompagnato da una postfazione e una nota biografica di Marina Zancan, Nascita e morte della massaia va dunque incontro a una nuova generazione di lettori: postmoderni, a loro modo "postumi", orfani di avanguardie come di ideologie, forse i più adatti ad attraversare senza preconcetti questo inquietante monolito narrativo, che si apre sul bordo di un baule pieno di croste di pane, libri e relitti di funerali, stupefacente incarnazione di quel mito dell'infanzia che per Masino è innanzitutto il vagheggiamento di una condizione di spietata chiaroveggenza e di fatata, fatale contiguità con la morte. L'essere torvo e maleodorante che lo abita non è una bambina che non vuole crescere, ma una creatura indifferenziata che non vuole nascere. Resiste, si barrica in quel surrogato di utero, commercia con il mistero dell'origine, recalcitra di fronte alla necessità dell'individuazione. Fino al giorno in cui cede, convinta dalle insistenze materne e da un'oscura vocazione al martirio.
Ma entrare nel mondo è più difficile che uscirne. È una fatica biblica: e infatti ci vogliono sei giorni, non a Dio bensì a uno stuolo di cameriere, parrucchiere, estetiste e manicure, per estrarre la donna da quel "grumo di pensiero". Così la massaia si libera della sua spoglia, come Pinocchio della carcassa del burattino, e durante una festa che l'autrice orchestra con furore avanguardistico, facendone un po' un ballet mécanique un po' una parodia del giudizio universale, fa il suo ingresso trionfale nell'inautentico: rinuncia all'amore, sposa un zio anziano di inossidabile ottusità e prende possesso della casa di cui diventerà la padrona e la schiava, portando nel suo nuovo ruolo l'antico vizio del pensiero.
Nella "carriera" della massaia, promossa a perfetta padrona di casa e infine a benefattrice ed esempio nazionale, si può leggere il diagramma di una nevrosi femminile di cui Masino registra ogni tappa: la sublimazione delle pulsioni sessuali in un perfezionismo senza scopo, la giovanile aspirazione all'assoluto deviata su incombenze meschine, la vita ridotta al suo involucro sociale e alla miseria delle necessità materiali. Ma Nascita e morte della massaia non è un pamphlet protofemminista. È un romanzo massimalista in cui la sua autrice ha cercato di far entrare tutto, anche a costo di incepparne l'ingranaggio narrativo: la satira dei cerimoniali e dei falsi valori borghesi; il virtuosismo allegorico e le divagazioni filosofeggianti; gli splendori e le miserie della letteratura, tradotti in un fuoco d'artificio di generi e di stili dove il siparietto di teatro dell'assurdo si alterna alla pagina di diario, il registro onirico alla parodia dei classici, la citazione biblica al nonsense. Infine, e soprattutto, un senso quasi nichilistico della vanità dell'esistenza che, constatata l'impossibilità della tragedia, si vendica vestendo i panni della farsa.
Beatrice Manetti
  • Paola Masino Cover

    Nasce a Pisa ma la famiglia si trasferisce ben presto a Roma. Nel 1924 scrive Le tre Marie, un dramma che il padre di Paola fa conoscere a Pirandello, ricevendone segni di incoraggiamento. Nel '27 incontra Massimo Bontempelli, con cui inizia una relazione professionale e sentimentale fortemente contrastata dal partito fascista e dalla famiglia. Collabora alla rivista «900», diretta da Bontempelli con cui scrive il dramma (mai pubblicato) Il naufragio del Titanic. Si trasferisce nel 1929, essendo ormai maggiorenne, prima a Firenze e poi a Parigi con Bontempelli. Nel 1931 torna a Roma e ottiene il Premio Viareggio con il romanzo Monte Ignoso. Sia lei che Bontempelli entrano in rotta con il fascismo che impedirà la pubblicazione di Nascita e morte della massaia e... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali