Categorie

La natura esposta

Erri De Luca

Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2016
Pagine: 123 p., Brossura
  • EAN: 9788807031991
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

La recensione di IBS

La storia che leggiamo in queste pagine è rimasta sospesa nella testa di Erri De Luca per circa un anno, l’anno che ha dovuto trascorrere in tribunale a difendersi dall’accusa di istigazione al sabotaggio, in relazione alla vicenda dei NoTav. Come uno scalatore davanti alla parete di roccia, Erri De Luca ha atteso la fine della vicenda processuale per rimettersi a scrivere. Riaffiora in questo modo il racconto ascoltato una sera in Val Badia dalla voce di due suoi amici, lo scultore Lois Anvidalfarei e la poetessa Roberta Dapunt.
Si tratta di un “racconto teologico”, ovvero, secondo la definizione dell’autore - che ama trovare il senso profondo delle parole - un racconto che nasce dall’ascolto.

“Se il mondo e le creature viventi sono opera di una divinità, ogni racconto lo è necessariamente”.

La storia si svolge in montagna, terra di confine, e ha come protagonista un anziano scultore, collezionista di sassi e legnetti, scalatore di montagne, che tra quelle cime ha trascorso tutta la vita, e altri due suoi amici, entrambi sessantenni ed entrambi ex artigiani. I tre amici hanno messo in piedi un servizio di attraversamento confini, destinato a tutti i migranti che capitano da quelle parti con l’indirizzo di una città straniera in mano e che sperano di evitare i controlli.

I tre uomini si fanno pagare molto bene il servizio, anche perché i varchi e i passaggi tra le montagne, attraverso le creste, sono noti solo a chi tra quei monti ci è nato e cresciuto. Fare da soli significa finire in un crepaccio, mangiato dai corvi.

“Per noi che non abbiamo viaggiato, loro sono il mondo venuto a farci visita”

I migranti sono il mondo che arriva, lascia i suoi soldi, e se ne va. Ma Lois ovviamente non è un trafficante di uomini, vuole accertarsi che i ragazzi abbiano delle buone scarpe e dei vestiti pesanti, che le donne e i bambini non rischino la vita sulla parete di roccia. Lois restituisce loro i soldi quando arrivano oltre confine, legge i simboli che la natura e gli uomini si portano addosso.
Lois scolpisce la pietra e il legno lasciando sulla materia i segni del suo passaggio. E non è forse questo un attraversamento, come la Pasqua ebraica?
Il prete della sua chiesa gli ha affidato il restauro di un crocifisso, un’importante opera d’arte, e lo ha assegnato a lui proprio perché conosce la sua attività di accompagnatore oltre confine. Non è un simbolo del sacro quel corpo scolpito nel legno che dovrà ultimare, levigare, limare? Quanta Pasqua, quanto attraversamento, c’è in un corpo agonizzante, in una Natura esposta?

“La montagna è una cassaforte di segreti”

lo scultore Lois Anvidalfarei con il suo racconto ce ne rivelerà uno, sconcertante, che ci riguarda sempre da vicino, che ci tocca ancora nel profondo. Erri De Luca con le sue parole studiate, cadenzate, fortemente simboliche, saprà aprire varchi di comprensione e di immaginazione, nuovi significati per una storia raccolta per caso, come un pezzo di legno nei boschi.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandra

    05/06/2017 12.30.25

    Raffinato cesellatore della frase, straordinario ed originale negli abbinamenti aggettivo e sostantivo, Erri De Luca è tra gli autori che amo di più. In questo libro, un portentoso intrecciarsi di situazioni differenti tra loro e di emozioni intime e universali allo stesso tempo racconta di una storia che è unica e molteplice allo stesso tempo. Intenso, poetico, misterioso e dolce. Graffiante e balsamico. Un piacere per chi ama leggere. Consigliato

  • User Icon

    misselisabethbennet

    01/02/2017 15.57.06

    Bellissimo anche questo ultimo di de luca... tra i migliori anche se la scelta e' dura. Poesia pura..indimenticabile..

  • User Icon

    Alessia Peragine

    08/01/2017 01.30.56

    "La natura esposta" e' la storia della fine di uno ( o più ) calvari .La rappresentazione e' il restauro di un massiccio crocifisso marmoreo cui si dedica anima e corpo( nel vero senso della parola) un artigiano di sessant'anni venuto da montagne lontane. L' uomo si e' allontanato dai luoghi natii dove oltre alle sue sculture si dedicava ad accompagnare oltre confine gli immigrati. Son poi così diverse le tragiche fughe sui barconi, costantemente richiamate nel corso del romanzo, dal calvario del Cristo morente?La storia scorre in maniera fluida tra scenari marini e passaggi montani descritti senza nome. Solo Napoli , parentesi nella ricerca certosina della ricostruzione dell' artigiano che non vuole essere chiamato artista , appare con il suo nome e la sua vivacità .Il resto e' un intreccio casuale ma rispettoso di tre religioni ( cattolica, ebraica e musulmana) che fanno da sfondo alle vicende, e' arte, bellezza, pietas dinanzi alla morte e punizione della cupidigia umana. La storia scorre con la genuinità delle chiacchere dinanzi ad un bicchiere di vino.La Natura e' indubbia protagonista ( intesa come paesaggi che riusciamo a percepire nei suoni e negli odori oltre che nei colori; come condizione umana raccontata ; come quel dettaglio da restaurare ).Lo scrupolo del protagonista e' la dedizione con cui lavora e i sentimenti di pentimento nei suoi dialoghi interiori , insolita condizione per chi ha vissuto in maniera defilata sacrificando anche l' amore della sua donna ( ormai andata).E' una storia delicata raccontata attraverso mani ruvide che la toccano con la premura di chi ha quasi paura di rovinarla . E' una storia che emoziona, commuove, fa riflettere.

  • User Icon

    Mauro C.

    17/10/2016 15.30.30

    Altro bellissimo lavoro di De Luca dove la sua solita scrittura raffinata, densa, poetica trova la giusta espressione al cospetto delle vicissitudini del protagonista, in questo caso chiamato a svolgere un lavoro di restauro molto delicato. È l'ennesima riprova dell'incredibile capacità dello scrittore di erigere una prosa di altissimo livello, imbevendola di poesia.

  • User Icon

    Umberto Mottola

    08/10/2016 14.31.57

    Romanzo breve intenso, profondo, scritto nel personalissimo stile fluido e conciso dell'autore. In esso anche uno scorcio di una Napoli che sa sempre sorprendere e l'amore per la natura e l'arte. Tuttavia mi sembra che il personaggio della donna non viene delineato fino in fondo.

  • User Icon

    Venerando

    15/09/2016 19.58.41

    Il romanzo La Natura Esposta è proprio un libro tattile. Nella narrazione, davvero notevole, oltre la trasmissione, sinestetica, di odori, sapori, viste dettagliate, ciò che prevale è la rappresentazione, tangibile, del contatto fisico tra corpi: una immedesimazione che trapassando il protagonista giunge ed avvolge il lettore, che riesce a toccare, con la stessa intensità e trasporto, ciò che tocca il protagonista. Un artigiano o forse un artista che ha un altissimo sentimento di misericordia nei confronti dell'uomo. Occupato ad aiutare poveri clandestini ad attraversare la sua valle di frontiera, si immedesima tanto fino a sovrapporsi ad essi. Chiamato, lui non credente, in un impegnativo restauro di un crocefisso di una bellezza assoluta, per riuscire nella difficile impresa non può far altro che immedesimarsi fisicamente nel Cristo morente. L'opera era stata scolpita da un artista che aveva conosciuto la trincea della grande guerra che aveva immortalato negli spasmi del crocifisso quelli dei corpi distrutti dei tanti giovani soldati. Quel dolore trasmesso di mano in mano ora arriva al lettore spingendolo al sublime atto di misericordia che impone di vestire gli ignudi. Nello scritto, ho visto non tanto la parola spezzata di Giuseppe Ungaretti, poeta e soldato, che comunque è presente, quanto la mano amica e compassionevole di Giuseppe D'Arimatea.

  • User Icon

    marcello

    06/09/2016 09.13.49

    Racconto per certi versi leggero,quasi prosaico,per certi versi su di una umanità lacerante che più non si può. La lealtà degli umili, la fede dei fuggitivi, l'altezza della profondità dei saggi : ma in fondo la terribile umanità del Cristo da cui parte ogni via che dal credo nel figlio uomo potrebbe arrivare alla fede pura nel Dio creatore. Se poi il tutto passa per una ...natura ...umana da ricostruire ciò mi sembra irrilevante. Molto carino è questo incontro di tre fedi diverse sullo sfondo del concetto di dover farsi umano-sofferente anche nella foggia del corpo per tradurre l'umanità sofferente di Cristo per l'uomo nuovo.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione