Naufragio in alta quota

Lucia Pozzo

Anno edizione: 2013
In commercio dal: 28 aprile 2013
Pagine: 232 p., Brossura
  • EAN: 9788896322192
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Dopo anni di navigazioni a vela in giro per il mondo, una donna comandante decide di dare domicilio fisso a tutti i suoi oggetti personali e ai souvenir esotici. Tra le varie offerte delle agenzie immobiliari, un luogo risponde alle aspettative della signora del mare, che nel frattempo si è anche fatta una singolare famigliola. Così, senza rinnegare l'amore per le barche a vela e per il mare, la skipper, il marito navigatore e un bimbo già grandicello, decidono di stabilirsi a quota 1200 metri, nella cornice delle Alpi Occidentali. Restaurano una baita ottocentesca nelle valli di Lanzo, dove la corrente va e viene secondo i capricci del vento. Quello stesso vento che gonfia le vele bianche in rotta sull'oceano e, dopo aver scavalcato le montagne, agita il frutteto dei navigatori. Una storia di vita vissuta tutta al femminile, e raccontata con umorismo e sensibilità.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Amedeo Candelli

    20/09/2013 13:38:13

    Libro apparentemente leggero, si legge tutto d'un fiato seguendo le quotidiane avventure e disavventure di una famiglia divisa tra gli oceani e le vette alpine. In realtà lo spessore del libro sta nella distanza che riesce piano piano a insinuare tra il lettore e la sua urbana routine. Sullo sfondo di una vita dettata e riempita dalle stagioni con i loro disagi ed i loro doni, di un rapporto mai banalmente idilliaco ma concreto e faticoso con la natura, di relazioni umane anch'esse scarne ma sincere, di affetti familiari connotati dalla massima semplicità e sincerità, infatti, appare lontano e goffo il mondo tutto artificiale che noi gente di città confondiamo troppo spesso con la realtà.

Scrivi una recensione