Nazisti in fuga. Intrighi spionistici, tesori nascosti, vendette e tradimenti all'ombra dell'Olocausto

Arrigo Petacco

Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16/02/2016
Pagine: 179 p., Brossura
  • EAN: 9788804660422
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    02/02/2018 19:59:41

    Ottimo testo letto tutto d'un fiato appassionante... fa bene se si vuole pensare

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    04/07/2016 08:38:14

    L'attempato signore della foto di copertina, dall'aria mite e che sembra un contabile, è invece uno dei più famigerati criminali nazisti, responsabile dei trasporti che hanno consentito la "soluzione finale". È troppo noto perchè non abbiate potuto riconoscerlo, se non altro per l'ardita operazione che consentì ai servizi segreti israeliani di prelevarlo in Argentina, di portarlo in Israele, dove subì un processo conclusosi con la sua condanna a morte, regolarmente eseguita. Sì, è proprio lui, l'ex colonnello delle SS Adolf Eichmann. Come era riuscito alla fine della guerra a scampare alla cattura, rifugiandosi nella compiacente Argentina? E in che modo tanti altri criminali nazisti poterono fuggire, per approdare nell'America del Sud, o in Egitto, o in Siria o in Libano? Di questa fuga, per nulla disorganizzata, parla questo libro di Arrigo Petacco. E Se è vero che grazie a una scrittura snella e a una struttura ben equilibrata il libro si legge come un thriller, anche se invece è un saggio storico, è ancor più vero che aiuterà non poco l'attuale generazione a comprendere come l'aberrante teoria della razza superiore possa portare solo a infamie e lutti, nonché a sapere che se il crimine dell'Olocausto è il più grande di tutti, non deve essere considerato da meno di quello commesso da chi aiutò e ospitò i nazisti in fuga.

Scrivi una recensione