Negli occhi di chi guarda

Marco Malvaldi

Collana: La memoria
Anno edizione: 2017
Pagine: 274 p., Brossura
  • EAN: 9788838936845

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Gialli - Narrativa gialla

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    francesco

    07/12/2017 15:12:18

    Ho letto tutto di Malvaldi: questa è l'opera peggiore. Buona l'ambientazione e l'atmosfera anche se un po' descritti prolissamente. Inverosimile la storia. Reiterata gigioneria nell'espressione di termini professionali dell'autore. Viva i vecchietti del Bar Lume.

  • User Icon

    fiorella

    05/12/2017 10:47:44

    La prima parte è di una noia mortale. Tra descrizione dei personaggi e spiegazioni astruse di chimica (lo sappiamo che Malvaldi é laureato in chimica) é illegibile. Poi migliora e si trasforma in romanzo giallo ma niente di speciale. Sconsigliato.

  • User Icon

    manocciola

    30/11/2017 08:39:08

    Un giallo molto scorrevole, semplice e divertente. Mi ha rallegrato spesso. Finale particolare che non poteva essere altrimenti, perfettamente in linea con la storia. Adatto dopo aver letto libri impegnativi o per rilassarsi un po'.

  • User Icon

    luca bidoli

    30/11/2017 07:36:59

    Mi dispiace, ma è talmente. a mio avviso, un libro mal concepito, scritto, con personaggi e situazioni assurde e intrise di noia e prevedibilità, che lo considero uno dei più brutti libri che ho letto quest'anno. Pensavo, , male, che l'autore, abbandonati a loro stessi i vecchi pensionati da bar ( che già mi convincevano poco o nulla), avesse qualcosa di originale da dire ( o meglio, da scrivere). Ripeto: pagine stanche con personaggi al lumicino, che hanno lo spessore della carta e che di carta sono fatti. Una storia che si dilunga per pagine e pagine di assoluta e colpevole noia. Meglio andare a vedere o rivedere, con altro spirito e motivazione, un vecchio, ma gradevole film, non un capolavoro ( si vede che è proprio il tema in sé ad essere fiacco...) interpretato da Louis de Funès e Jean Gabin, " Nemici ...per la pelle". Non ci saranno miseri misteri da svelare ma almeno un sorriso ci scappa.

  • User Icon

    Elisabetta

    26/11/2017 06:28:47

    Sono arrivata a pagina 38 e non ci ho ancora capito niente. Quanto deve ancora durare questa estenuante presentazione di nuovi personaggi, che apparentemente non hanno niente in comune, prima che succeda qualcosa ? Dubito che avrò la pazienza necessaria per arrivare a scoprirlo

  • User Icon

    Fabio

    20/11/2017 10:38:52

    Sono rimasto un po' deluso,perchè la storia è simpatica e anche ben strutturata ma l'Autore vuole fare troppo il piacione a tutti i costi,con una continua ricerca della battuta spiritosa anche quando francamente se ne potrebbe fare a meno. Insomma il lettore si sente obbligato a sbellicarsi dalle risate ogni due righe,magari nel bel mezzo di una situazione che vorrebbe essere drammatica.Poco equilibrio nel condurre la narrazione,con una comicità che diventa anche irritante e fastidiosa,perchè quasi sempre artificiale. Si fa qualche sorriso(per forza),anche qualche riflessione (leggera per carità),ma non è il solito Malvaldi e i personaggi sono tutti un po' fasulli.

  • User Icon

    RossaMina

    20/11/2017 08:50:30

    E' sempre un piacere leggere Malvadi. Questa volta ci ha fatto conoscere anche qualcosa inerente alla sua laurea, però secondo me è cresciuto per infilare sempre qualche parola un pò troppo colorita, che risulta fuori luogo.

  • User Icon

    chicca

    15/11/2017 12:03:44

    Un libro grazioso, ben scritto, con un intreccio perfettamente incastrato. In una grande tenuta in Toscana, dove vivono da anni alcuni stagionati condomini e in cui vengono ospitati due giovani scienziati, viene commesso un delitto. Un romanzo che deve moltissimo ad Agatha Christie. Per una lettura d'evasione ma di qualità.

  • User Icon

    Ritochka

    01/11/2017 08:03:10

    Malvaldi non delude ma, in questo romanzo, fino a pagina 100, a mio avviso, si insiste troppo su concetti di neurologia che appesantiscono il testo. Dopo le prime 100 pagine, però, la narrazione si fa più vivace. Numerosi commentini sessisti sulla bella, perspicace e intelligente filologa Margherita. Finale assolutamente originale e giustamente corredato dalla spiegazione posta alla fine del volume.

  • User Icon

    giorgio g

    29/10/2017 08:59:09

    Leggere un libro di Malvaldi è sempre un piacere. Lasciati in disparte, per una volta, i vecchietti del BarLume, la scena si sposta in un'amena tenuta della Toscana. I protagonisti, tutti simpatici, della storia sono: Alfredo e Zeno Cavalcanti proprietari della tenuta Poggio alle Ghiande, architetto Marco Giorgetti, ingegner Giorgio de Finetti, interessati alla vendita della tenuta per conto della immobiliare cinese SeaNese, Piotr Kucharski, uomo delle pulizie, Raimondo del Moretto custode della tenuta, e gli ospiti Giancarla Bernardeschi, Riccardo Maria Torregrossa, Anna Maria Marangoni, Enrico Della Rosa e Cristina Salitutti in Della Rosa, Margherita Castelli e, per finire, la coppia innamoratissima Piergiorgio Pazzi e Margherita dagli occhi verdi che contribuiranno non poco alla soluzione del duplice omicidio, insieme al colonnello Valente della Forestale (sic!). Una lettura molto piacevole, infiorata da frasi come: “Se non fosse stato un ingegnere, si sarebbe potuta avere l’impressione che stesse pensando", "turisti che essendo in vacanza non avevano tempo da perdere", che è purtroppo finita.

  • User Icon

    angelo

    22/10/2017 16:46:08

    Ingredienti: un residence da sogno disteso tra mare e colline toscane, un incontro casuale di chimici-genetisti-umanisti-musicisti sulla scena del delitto, due cadaveri che appaiono in rapida successione, tante digressioni scientifiche-letterarie-artistiche a rendere più saporiti trama e dialoghi. Consigliato: a chi vuol vedere all’opera la stessa coppia di detective improvvisati di “Milioni di milioni”, a chi vuole scoprire la cultura poliedrica di un chimico prestato alla letteratura.

  • User Icon

    Sergio

    17/10/2017 13:10:51

    Che dire di Malvaldi? Ironico, originale, intelligente. Uno scrittore davvero speciale. E ancora una volta ci stupisce e non ci lascia orfani dei vecchietti del Bar Lume... anzi, viene quasi voglia di fermarsi ancora nella tenuta dei gemelli Cavalcanti!

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione