Categorie
Traduttore: L. Noulian
Editore: Feltrinelli
Collana: I canguri
Anno edizione: 2004
Pagine: 238 p., Brossura
  • EAN: 9788807701597
Usato su Libraccio.it - € 8,64

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Opera prima ma già venduta in tutto il mondo di una scrittrice ventottenne, questo romanzo è ambientato in Punjab, ad Amritsar, centro della comunità sikh. Ramchand, ventisei anni, un passato e un presente di grande solitudine, vive in una stanza d'affitto e lavora insieme a molti altri commessi alla Casa del Sari, il cui ambiente soffocante e rigidamente gerarchico è descritto con efficacia. Le clienti, invidiose, competitive, conservatrici donne della borghesia, affollano il negozio toccando i sari con mani esperte, spettegolando, interessate solo all'esibizione del numero di figli, della posizione del marito, dei segni esteriori del loro benessere. Per contrasto Ramchand, cercando di elevarsi spiritualmente e intellettualmente, impiega il suo scarso denaro nell'acquisto di libri per imparare l'inglese. Appare davvero un po' troppo ingenuo quando all'improvviso scopre la violenza e l'ingiustizia attraverso l'incontro con la sventurata moglie di un collega, perdendo innocenza e illusioni. L'autrice è abile nel delineare una società in bilico fra tradizione e consumismo, mentre è schematica la contrapposizione fra la vacuità e l'ipocrisia delle opulente clienti e la serena operosità delle donne del popolo. Non mancano un'abbondante spruzzata di termini hindi non sempre indispensabili (ma opportunamente riuniti in un glossario), colore locale sparso a piene mani, qualche cenno frettoloso ai gravi disordini seguiti all'uccisione di Indira Gandhi e persino una brillante e ricca giovane sposa che scrive un romanzo sul commesso di un negozio di sari. Un prodotto da esportazione, di scorrevolissima lettura ma piuttosto acerbo.

Consolata Lanza

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lara

    17/10/2008 18.51.04

    Molto scorrevole, ironico e fa pensare allo stesso tempo. Io lo consiglio, a chi piace pensare che ci sono diversi modi di vedere la realtà.

  • User Icon

    luigi

    22/07/2008 09.22.53

    inferiore alle aspettative..

  • User Icon

    silvia

    19/06/2006 11.24.46

    scoordinato, banale e insulso; peccato sprecare un titolo così pieno di promesse con un testo che sembra scritto da una bambina delle medie

  • User Icon

    Fabio

    15/09/2005 16.59.47

    Se non scoraggiante, quanto meno avvilente. Un testo scoordinato, con inserti che poco c'entrano nell'economia di un titolo che lasciava immaginare ben altro. Nessun colore, nessun sapore, nessuna foto di un paese che ha ben altre potenzialità. Un sari molto povero, più che un affresco ambizioso come viene presentato. Conservate i vostri soldi...

  • User Icon

    Chiara

    11/07/2005 09.09.33

    Una storia che si dipana tra l'India della classe agiata con le proprie frivolezze e l'India delle stradine e dei sobborghi dove pullula l'esistenza straziante di tante persone ferite dalla vita. Un ragazzo che, grazie alla sua sensibilità, riesce a vederne queste due sfaccettature così agli antipodi. Centro del racconto, un negozio di sari, con le miriadi di stoffe indiane dalle mille sfumature: l'India dei colori!

  • User Icon

    silvia

    27/06/2005 18.56.31

    scoraggiante...

  • User Icon

    Fede

    18/12/2004 15.41.14

    noioso e deprimente. Troppe parole in lingua indiana per fare un effetto esotico!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione