Nella camera del cuore si nasconde un elefante

Marco Galli

Editore: Coconino Press
Collana: Flaunt it
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 24 settembre 2015
Pagine: 154 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788876182853
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Balhore è una città dove i sogni e le allucinazioni diventano reali. Dove è facile perdersi. Almo Brasil, scrittore in crisi di ispirazione, cerca se stesso, in un viaggio allucinatorio, per scoprire che il mistero più insondabile resta quello del cuore umano. Ipnotico come Moebius, visionario e oltraggioso come Burroughs, lo psichedelico Marco Galli ci conduce in un salto dimensionale. Niente sarà più come prima.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 15,48 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Consigliato..

    23/11/2017 16:03:17

    Questo libro non può mancare nella libreria di chi ama le "graphic novel"..

Scrivi una recensione

Il precedente Oceania Boulevard (pubblicato da Coconino nel 2013) era stato descritto da Marco Galli come un noir esistenzialista con atmosfere alla David Lynch, ed è un definizione che potremmo applicare anche al nuovo Nella camera del cuore si nasconde un elefante. O meglio: più che dalle parti del noir qui siamo in piena fantascienza, o anzi in un futuro molto prossimo, o forse in un presente alternativo, ma molto simile al nostro; e poi a leggere il volume più che a Lynch mi è venuto da pensare a William Burroughs, o anzi al David Cronenberg che rilegge Il Pasto Nudo ma a questo ci arriviamo poi.

La trama: Almo Brasil è uno scrittore in crisi, uno di quelli che hanno perso l'ispirazione e che nemmeno le immortali note di Miles Davis riescono a riacciuffare dal buco nero della pagina bianca. In crisi di idee e pure un po' annoiato, un giorno viene rapito dalla chimera di turno: una certa, provocante Suxi Loca le cui sensuali foto rimbalzano dalle pagine di un social network. In men che non si dica, Almo decide di andare a cercarla nel posto più lontano non del mondo, ma della galassia intera: il pianeta Balhore. Qui incontrerà dapprima Milo Ganz, mitologico scrittore che a diciott'anni fu protagonista di un caso letterario senza precedenti prima di eclissarsi e infine scomparire; e poi Zelda, una cantante con la quale Almo finirà per intrattenere una provvidenziale relazione.

Ma il vero protagonista di Nella camera del cuore si nasconde un elefante è senza dubbio Balhore, un pianeta che sui suoi abitanti sembra esercitare effetti a seconda dei casi rivelatori o terrificanti. Veniamo a sapere che agli inizi si trattava di unisola mineraria colonizzata da operai marocchini fino a quando le multinazionali farmaceutiche scoprirono nelle sue acque rosse una tossina miracolosa, una panacea per ogni male. Il nucleo più antico dell'abitato è una medina i cui vicoli visti dall'alto sembrano dei serpenti, ed è qui che gli echi burroughsiani (o cronenberghiani, fate voi) cominciano a farsi avvertibili: per capirci, a un certo punto a comparire nel fumetto è Burroughs in persona, sebbene sotto le mentite spoglie di un fugacissimo dottor Protozono.

Per Marco Galli, sia il vecchio zio Bill sia Cronenberg sono una dichiarata fonte di ispirazione sin dai tempi di Il Santopremier, il suo romanzo grafico d'esordio. E come la Tangeri di Naked Lunch, la medina in cui atterra Almo è un'Interzona dal fascino torbido e misterioso, che sembra profumare di spezie e che al tempo stesso promana umori vagamente minacciosi, allucinati, strani. Più che un pianeta poi, Balhore sembra un organismo vivo, le sue strade hanno fame e a ogni passo sembrano masticarti, deglutirti e (forse) rigurgitarti, e non bastasse dalle sue acque rosse viene pure estratta una droga (la rufa).

Certo, nell'Interzona di Marco Galli non c'è traccia di creature ributtanti, depravazioni di ogni genere e grado, e tantomeno macchine da scrivere che si trasformano in insetti (i tossicomani invece ogni tanto compaiono): il pianeta al centro di Nella camera del cuore è un posto assai meno violento, disturbante e perverso, e la sua pare più un'atmosfera sospesa tra sense of wonder in salsa esotica e romanticismo puro e semplice. Un pizzico di paranoia qui e là compare, è vero. Ma in fondo, Nella camera del cuore altro non è che la storia di come agli individui, per trovare se stessi, tocchi visitare lande aliene, diverse, e ogni tanto persino ostili.