Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Nelle vene dell'America - William Carlos Williams - copertina

Nelle vene dell'America

William Carlos Williams

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: A. Rosselli
Editore: Adelphi
Tipologia: Libro usato vintage
Anno edizione: 1969
Pagine: 307 p., ill.
  • Prodotto usato
  • Condizioni: Usato - In buone condizioni
  • EAN: 2560795094441
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 12,32

€ 14,50
(-15%)

Venduto e spedito da Libreria La Chiave

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO VINTAGE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Adelphi, 1969. Collana Biblioteca Adelphi, 24, 314 pp. naturale ingiallimento dal tempo, leggibilità perfetta.

Adelphi, 1969. Collana Biblioteca Adelphi, 24, 314 pp. naturale ingiallimento dal tempo, leggibilità perfetta.

Avevo cominciato a pensare di scrivere "Nelle vene dell'America", uno studio in cui avrei tentato di scoprire per me stesso che cosa potesse significare la terra dove, più o meno accidentalmente, ero nato... Il progetto era di entrare nella testa di alcuni fondatori o, se volete, "eroi" americani, attraverso l'esame delle loro testimonianze." Così Willliams avrebbe ricordato questo libro: un'opera che costituisce un genere a sé, l'autobiografia di un continente, affidata a chi sa entrare nella testa di vincitori e vinti, puritani e avventurieri, bianchi e indios, e al tempo stesso nella linfa di una natura troppo ricca, "la bellezza di orchidea del Nuovo Mondo", predestinata dal suo eccesso intatto allo stupro e al saccheggio."
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • William Carlos Williams Cover

    (Rutherford, New Jersey, 1883-1963) poeta statunitense. Di padre inglese e di madre di origine caraibica, si laureò in medicina all’università di Pennsylvania, dove conobbe E. Pound e H. Doolittle. Dopo un periodo passato a New York, ritornò a Rutheford, per praticarvi con ugual passione la medicina e la poesia, viste come due modi complementari di conoscenza dell’uomo e del suo linguaggio. Già le sue prime poesie, Gli umori (The tempers, 1913), Primavera e tutto (Spring and all, 1923), sono una testimonianza di quella poetica «americana» che si esprime nel principio «niente idee se non nelle cose». Allontanandosi da E. Pound, pur così influente nella sua formazione, e da T.S. Eliot, W. muove alla ricerca di un linguaggio capace di ospitare materiali nuovi ed eterogenei, oggetti apparentemente... Approfondisci
Note legali