Categorie

Neil Gaiman

Traduttore: E. Villa
Editore: Fanucci
Anno edizione: 2006
Pagine: 287 p., Rilegato
  • EAN: 9788834711767
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonella

    03/02/2016 11.02.04

    Non mi è piaciuto per niente.L'ho trovato infantile,noioso e confusionario

  • User Icon

    Giusy

    16/05/2013 01.03.41

    Voglio bene a Gaiman, come sceneggiatore e scrittore. Neverwhere è il libro che mi ha fatto -in maniera semplice ed accattivante- decidere di prendere la serie della BBc e seguire sulla radio BBC4 l'avventura della Londra di Sotto. Ne convengo, si perde un pò con la traduzione per i vari giochi di parole sapientemente dosati. Questo è un libro che consiglio sempre.

  • User Icon

    roberto

    31/01/2013 12.57.19

    Originale, brillante e fantasioso. Uno dei migliori romanzi di Gaiman insieme ad American Gods.

  • User Icon

    Manuela

    30/03/2012 20.54.25

    Un romanzo ironico, surreale, immaginifico. Pur non rientrando nei canoni dei libri che di solito apprezzo, e pur virando troppo nel fantasy, è un libro che coinvolge e "acchiappa", grazie alla variegata carrellata di personaggi che incontriamo, e grazie all'affascinante ambientazione. Peccato solo che non conoscendo Londra, non ho potuto apprezzare a pieno i vari riferimenti territoriali, e soprattutto è un peccato che alcuni geniali giochi di parole vadano persi nella traduzione.

  • User Icon

    nico

    05/10/2010 14.33.11

    Si è trattato di uno splendido momento di evasione dalla realtà. Ora sto leggendo American Gods e lo stile narrativo di Gaiman, così come le sue intuizioni, continuano a piacermi! Se chi legge può consigliarmi autori "similari" sarò ben felice di testarli!

  • User Icon

    Luca Stringara

    23/09/2010 14.26.19

    Non essendo amante, e credo che mai lo sarò, del genere fantasy, questo libro aspettava il proprio turno da molto tempo, mogio nella fila delle letture, sebbene io conosca e apprezzi Gaiman da vent'anni, dall'epoca della prima pubblicazione italiana di Sandman sulle pagine di Horror - da tempi non sospetti, quindi. "Nessun dove" è carino, niente più. La scrittura è così così. Il ritmo è buono. La trama banale. 6+. I personaggi tagliati con l'accetta. Alcuni momenti ridondanti. Alcune idee riciclate. No, dai. Tolgo il +.

  • User Icon

    Dario

    26/08/2009 18.35.58

    MI.aspettavo.qualcosina.di.piu...visto.che.e'.il.suo.primo.libro.che.leggo. Adesso.leggero...IL.FIGLIO.DEL.CIMITERO. speriamo.nn.mi.deluda GRAZIE!!!

  • User Icon

    maurizio .mau. codogno

    04/04/2009 16.15.24

    Londra è Londra, non c'è che dire. Ma siamo sicuri che sia solo Londra? Neil Gaiman nelle varie versioni di questo libro - secondo l'autore il libro che ho tra le mani è diverso da quello che lui aveva scritto inizialmente - racconta la "Londra di sotto", la città di chi è in un certo senso stato buttato fuori dalla città "di sopra", i dropout insomma. Il tutto però è un modo per raccontare della città in modo diverso dal solito; il libro è pieno di minuzie storiche e geografiche, tanto che lo si può quasi leggere come una sorta di guida turistica della città. La trama sta più o meno tra il fantasy e il noir: ho trovato personalmente pesante l'inizio, e mi ci sono volute quasi cento pagine prima che la storia mi prendesse; forse vedere il povero protagonista che rapidamente spariva dalla vista degli altri. La povera traduttrice ha dovuto (vittoriosamente) lottare per rendere comprensibili i nomi delle parti di Londra che nella storia sono presi alla lettera, come i Frati Neri che stanno a Blackfriars: direi che ci è riuscita abbastanza bene.

  • User Icon

    SaraValentina

    27/02/2009 17.02.41

    Londra di Sotto è un terrificante luogo dove tutti vorrebbero andare... Anche in questo romanzo i personaggi usciti dalla penna di Gaiman sono familiari e rimangono con noi come vecchi amici usciti da un sogno. Accattivante e coinvolgente dalla prima all'ultima pagina. Ora sono proprio curiosa di vedere lo sceneggiato...

  • User Icon

    Moreno Colaiacovo

    07/01/2009 13.36.49

    Ho preferito American Gods, ma anche in questo romanzo Gaiman fornisce una grande prova soprattutto per la sua sconfinata fantasia. Si legge d'un fiato, forse potevano essere meglio caratterizzati i personaggi. Comunque un urban fantasy di qualità, divertente e mai noioso. Ho sentito che stanno realizzando il film: spero sia all'altezza del libro, almeno dal punto di vista scenografico.

  • User Icon

    pint74

    21/09/2008 21.11.40

    Un'eccezionale fantasy che si legge tutto di un fiato.Pieno zeppo di personaggi molto interessanti e ben caratterizzati,con una storia unica nel suo genere che catturerà il lettore fin dalla prima pagina. Indescrivibile,eccellente,visionario. Da leggere senza ombra di dubbio.

  • User Icon

    giacomo

    23/05/2008 23.57.05

    Mi venga un colpo se questo non e' uno dei piu' bei libri che ho letto. Gaiman ti fa affezionare anche ai personaggi cattivi del suo romanzo.Figurarsi quelli buoni. Splendido nel raccontare la Londra"sotto"come un fantastico incubo a cui non si puo' far a meno,nonostante tutto. Il finale lascia molte cose in sospeso.Peccato non ci sia un continuo a questa affascinante storia.

  • User Icon

    Federico

    19/05/2008 17.00.59

    Il capolavoro di Gaiman. Nessun altro suo libro (tutti bellissimi comunque) per me è così bello.

  • User Icon

    Allanon Stark of Winterfell

    07/03/2008 21.43.11

    E' il primo libro che leggo di quest'autore, e devo ammettere che mi è piaciuto molto, probabilmente comprerò altri libri di neil gaiman! Ho particolarmente apprezzato la capacità dell'autore di descrivere la Londra sotto e farmi immaginare un mondo diverso... un libro per certi versi surreale che però non cade mai nel banale... lo consiglio a chiunque voglia provare un po' di fantasy diverso dai canoni classici!

  • User Icon

    Ruggero Giannelli

    14/12/2007 21.56.21

    Ma che scherziamo? Questo è il capolavoro assoluto di Neil Gaiman!!!! Non è un libro, è di più: una volta letto questa meraviglia non si ha più il coraggio di andare per strada, perchè questo non è un libro... è la vita!

  • User Icon

    Chiara

    03/11/2007 10.45.01

    “Nessun dove" è fra i libri di Gaiman ( leggeteli tutti, meritano) il più “sfuggente” ad ogni classificazione, forse è per questo che lo reputo il migliore. A tratti ricorda molto una sceneggiatura, è stato appunto uno sceneggiato molto seguito in Inghilterra, poi trasformato in libro… La storia in sé rischia a tratti di essere molto “normale” (per chi ama il fantasy come me), nonostante decisamente non lo siano le ambientazioni, i personaggi, i tempi narrativi. Ma Gaiman, forse proprio in virtù di quello stile veloce e asciutto che me lo fa amare, riesce ad essere credibile, profondo, “crudele” (in senso buono, lo scoprirete leggendo...) Ho scelto un posto privilegiato nella mia libreria per questo libro, per due motivi: pperché il protagonista, ingenuo e antieroico in modo quasi surreale, mi ricorda in qualche modo l'Arthur Dent di "guida galattica per gli autostoppisti", e poi perché il libro mi ricorda molto “Il Maestro e Margherita”,un capolavoro, secondo me, dello scorso secolo. In entrambi non ci sono solo politici corrotti, delinquenti e pioggia, ma anche gatti parlanti, topi saggi, il Diavolo, folli, bestie, streghe e fate. Sarà difficile che non lasci il segno...

  • User Icon

    Ada

    09/09/2007 11.15.40

    Nessun dove è uno di quei libri che non ti stanchi mai di leggere perchè ti piacciono così tanto che sembra di entrare nella storia stessa. Una londra di sotto piena di misteri e pericoli che sembra di vivere mentre leggi il libro.

  • User Icon

    chance76

    03/07/2007 17.05.44

    Il lettore viene trascinato nel mondo invisibile della "Londra Sotto" assieme a Richard, protagonista suo malgrado di questo viaggio incredibile, con strani compagni di avventura che... beh, leggerete! E' uno dei più bei libri che abbia mai letto!!! Mi mancano perfino Mr. Croup e Mr. Vandemar...

  • User Icon

    GAX

    06/06/2007 14.37.47

    Brutto, infantile, dallo stile piatto, povero di immaginazione. Che nessuno osi dire "ma è stato scritto nel '96". ci sono libri il quale potere immaginifico sconfina nei secoli tanta è la loro forza. Troppo comodo è anche difenderlo dicendo: "è solo un fantasy". che poi a mio avviso molti fantasy si sono dimostrati totalmente privi di fantasia.

  • User Icon

    simona

    16/03/2007 19.29.44

    dissento dalle opinioni precedenti, il libro è terribilmente soporifero, l'ho mollato prima della metà,invece ho adorato American gods

Vedi tutte le 43 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione