Nessuna verità - David Ignatius,Silvia Levato - ebook

Nessuna verità

David Ignatius

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Silvia Levato
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 432,86 KB
  • EAN: 9788854125193

€ 4,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Da questo romanzo il film di Ridley Scott con Leonardo Di Caprio e Russel Crowe

Roger Ferris è un agente della CIA impegnato nella lotta al terrorismo. Reduce da una missione in Iraq che gli ha procurato una grave ferita alla gamba, viene incaricato di infiltrarsi nella rete di Suleiman, un pericoloso terrorista attivo in Medio Oriente e pronto a colpire obiettivi americani. Il piano di Ferris per stanare Suleiman si ispira a un capolavoro di intelligence messo in atto dagli inglesi durante la seconda guerra mondiale: Ferris utilizza come esca un cadavere, attribuendogli un falso nome e un falso passato. Spera così di seminare la confusione tra i terroristi, di istillare dubbi e sospetti, fino a costringere Suleiman a venire allo scoperto nel tentativo di identificare i traditori. Ma anche Hani Salaam, il capo dell’intelligence giordana, ha i suoi piani segreti per catturare il terrorista, e la collaborazione con la CIA diventa di ora in ora più spinosa. Nel frattempo, Ferris intreccia una relazione con Alice Melville, un’americana che lavora per una ONG palestinese. Ma il loro amore esporrà entrambi a mortali pericoli.
Nessuna verità è un thriller ricco d’azione e di colpi di scena, in cui ogni dettaglio della situazione internazionale è riprodotto con inquietante realismo, ogni mossa, anche la più piccola, è gravida di temibili conseguenze e la tensione è una bomba a orologeria pronta a scoppiare da un momento all’altro.


David Ignatius

è un editorialista del «Washington Post», su cui tiene una rubrica di politica globale, economia e affari internazionali. Si è occupato della copertura giornalistica dell’invasione del Kuwait da parte dell’Iraq, un lavoro che ha fatto vincere al giornale il Premio Pulitzer. Ignatius ha ricevuto due volte l’Edward Weintal Prize per il giornalismo diplomatico nonché il Gerald Loeb Award per la cronaca. È autore di diversi romanzi di successo, tra cui Nessuna verità, pubblicato in Italia dalla Newton Compton, e definito uno dei libri migliori del 2007 dal «Publishers Weekly». Il regista Ridley Scott ne ha tratto un film interpretato da Leonardo DiCaprio e Russell Crowe. Anche Attacco a Teheran diventerà presto un film.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Carlo

    13/10/2018 07:40:38

    Lo ammetto: posso recensire solo le prime venti pagine. Perché non sono riuscito ad andare oltre. Detesto gli autori di romanzi "tecnici" quando commettono errori banali, chiaramente dovuti ad insufficiente documentazione o, peggio, a puro desiderio di "fare effetto" sul lettore. "Sul lato della strada, una vecchia Trabant arrugginita." Mio caro Ignatius, le Trabant erano un disastro di auto... ma non arrugginivano perché erano di plastica. Evidentemente l'autore avrà chiesto ai suoi "consulenti" "Ditemi una marca di vecchie auto comuniste" e gli avranno risposto "Trabant" e lui l'ha usata così. Avrebbe potuto dire "una vecchia auto" o "una vecchia Ford/Opel/Volkswagen" ma evidentemente non facevano abbastanza colore locale. Poi, un'operazione alla periferia di Berlino, fatta dai Servizi segreti giordani... condotta dal gran capo dei Servizi in persona! Assurdo. E quasi senza copertura. Inverosimile. Il protagonista viene descritto come se fosse uscito da un romanzo di 007: aitante, dallo sguardo penetrante, con un leggerissimo e temporaneo difetto fisico – zoppìa – naturalmente non congenito bensì dovuto ad un eroico incidente del mestiere. Last but not least, il romanzo s'imposta – almeno in partenza, non so più in là – sulla copiatura dell'operazione Mincemeat fatta dagli Inglesi nel '43. Non un gran volo di fantasia, quindi. Ogni volta che becco un romanzo/autore così, mi viene voglia di rileggermi LeCarré per l'ennesima volta.

  • David Ignatius Cover

    Editorialista del «Washington Post» con una rubrica di politica globale, economia e affari internazionali,  Ignatius si è occupato della copertura giornalistica dell'invasione del Kuwait da parte dell'Iraq, un lavoro che ha fatto vincere al giornale il Premio Pulitzer. Ha ricevuto due volte l'Edward Weintal Prize per il giornalismo diplomatico nonché il Gerald Loeb Award per la cronaca. È autore di diversi romanzi di successo, tra gli altri L'amico fidato (Mondadori 1997); Nessuna verità (Mondadori 2008 e 2010) da cui il regista Ridley Scott ha tratto un film interpretato da Leonardo DiCaprio e Russell Crowe; Attacco a Teheran (Mondadori 2010); Il direttore (Mondadori 2016). Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali