Categorie

William Gibson

Traduttore: G. Cossato, S. Sandrelli
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 278 p.

21 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Fantascienza - Fantascienza

  • EAN: 9788804516446

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    JushinThunderLiger

    16/11/2014 20.05.29

    Neuromante è un romanzo tutt'altro che scorrevole. Il motivo principale (o l'unico) che rende difficoltosa la lettura non è tanto la trama o il gergo utlizzato ma è lo stile narrativo. La trama all'inizio del libro è semplice da capire ma addentrandosi di più nella lettura diventa incomprensibile per via della scrittura e di descrizioni piene di dettagli che non fanno comprendere eventi che saranno fondamentali alla fine del libro.

  • User Icon

    incaro

    04/05/2010 20.08.23

    questo romanzo è un condensato di idee fulminanti, che verranno letteralmente saccheggiate nei successivi decenni, soprattutto in ambito cinematografico. sicuramente le premesse visionarie ed ipertecnologiche alla base dello sviluppo vengono tradite da uno stile pedante; è molto strano che un'opera tanto innovativa possa risultare oggi datata, ma tant'è. Noioso.

  • User Icon

    neuromancer

    10/04/2010 18.45.30

    ....beh, che vi posso dire .... l'ho letto anni fa eppoi ...... basta guardare il mio pseudonimo !! Romanzo - manifesto della letteratura cyberpunk !! Che dire d'altro ?? Stupendo !!!

  • User Icon

    ric

    08/03/2010 16.24.36

    Indubbiamente è un capolavoro, magari non alla Stieg Laarson per quanto concerne il giallo noir dove lì si ha un compendio, qui si ha cmq un capolavoro perchè è fortemente innovatore nella scrittura come stile e nel genere come fantascienza. Questo emerge anche perchè a 26 anni di distanza, pur essendo a tratti al limite del comprensibile, il romanzo appare alla testa di molti lavori e idee degli anni "90 e 2000. A mio parere ne è debitore pure avatar3D. Ovviamente assieme a sterling e dick, che viene prima però e infatti lui è meno fantascienza e più filosofia, gibson rappresenta uno spartiacque tra il prima di lui ed il dopo di lui, non solo nella cyberpunk, ma anche nella fiction science, come linguaggio. Molti ci hanno visto e non a torto un'anticipazione di un movimento ecologista anti ipertecnologia. Certo è che gibson è un postmoderno, che a me piacciono tanto, ma che cmq usano il mischiaggio per non dire melange, di generi, di stili, di sintassi, prendendo qualcosina dal cinema, dalla letteretaura noir alla chandler-hammett, dalla narrativa classica, dalla biochimica, dalla droga sintetica e non, per farne alla fine soprattutto un esperimento. Che questo riesca oppure no, a willie gibson, quando scrisse neuromante a circa 36 anni di età, non interessava granchè.

  • User Icon

    Clifford

    25/09/2009 19.19.31

    Idee e trama geniali e innovative, purtroppo la lettura non è per niente scorrevole. L'ho trovato a tratti molto ostico, e dire che sono abituato a leggere i "deliri" di Dick! Avrebbe potuto essere un libro imprescindibile, peccato per lo stile.

  • User Icon

    CronenBORG

    24/07/2007 12.01.06

    Uno dei primi libri cyberpunk che abbia mai letto. Uno dei miei preferiti. Ricordiamoci che è stato scritto molto prima dell'avvento di internet. Il cyberspazio era già tutto nella mente di Gibson nel 1980... Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    N3m0X

    05/07/2007 13.55.34

    C A P O L A V O R O

  • User Icon

    eug

    13/11/2005 13.02.25

    non sono un grande appassionato di fantascienza ma il manifesto del cyberpunk è un romanzo eccellente. matrix è debitore dello stupendo ghost in the shell che a sua volta deve molto a neuromante...tutto è partito da qui: la matrice, il cyberspazio, i simstim, le intelligenze artificiali. l'intreccio e lo stile hard-boiled sono in grado di appassionare fino all'ultima pagina e la storia prosegue tra affascinanti e futuristiche ambientazioni e colpi di scena, tra potentissime multinazionali e zaibatsu, attacchi hacker, conti orbitali, realtà virtuali, spietati killer della yakuza, personaggi che non sono quello che sembrano. il cyberpunk è questo, un futuro prossimo e inquietante, dove l'informatica, la tecnologia e le megacorporazioni hanno invaso ogni aspetto del vivere quotidiano. da leggere assolutamente, ripeto, anche da parte di un non appassionato di fantascienza. è un grande romanzo e basta.

  • User Icon

    pippobla

    01/07/2005 21.09.53

    da leggere e rileggere. Inesauribile

  • User Icon

    Pauline

    01/03/2005 00.01.33

    Capolavoro è la parola più indicata per esprimere cos'è questo libro. Fantastico, mi sono innamorata del cyberpunk dopo averlo letto. A volte le sue parole sono un groviglio di impulsi elettrici che ti coinvolgono e ti immergono totalmente in questo mondo straordinario del cyberspazio. Si fa fatica ad uscirne e quando ci riesci ne senti già la mancanza.

  • User Icon

    Pierino

    24/01/2005 12.11.59

    Emblema della letteratura cyberpunk, geniale ed intrigante. Sono un appassionato di Informatica e più in generale della cultura "underground" e lo consiglio a tutti coloro che condividono con me questa passione. Leggendolo sono evidenti gli spunti che molti registi hanno preso per film come Blade Runner,Nirvana,Matrix...

  • User Icon

    ste3957

    17/09/2004 16.46.40

    L'essenza cyberpunk, capostipite e capolavoro!

  • User Icon

    Mose'

    26/07/2004 01.00.45

    Semplicemente un capolavoro.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione