Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

The Nice Guys

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Shane Black
Paese: Stati Uniti
Anno: 2016
Supporto: Blu-ray
Salvato in 29 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 8,45 €)

Nella Los Angeles degli anni '70, libertina, stravagante e decisamente trendy, un investigatore privato, Holland March, e un detective senza scrupoli , Jackson Healy, si alleano per risolvere il caso di una ragazza scomparsa e la morte di una porno star che apparentemente non sembrerebbero correlate: scopriranno che un semplice omicidio nasconde il caso del secolo!
3,4
di 5
Totale 5
5
0
4
3
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    fincher

    13/05/2020 09:43:42

    Commedia d'azione divertente, a tratti demenziale. Ambientazioni anni 70 molto ben curate e un Gosling spassosissimo.

  • User Icon

    Nel

    05/12/2018 11:04:07

    Probabilmente mi aspettavo un film diverso ma ho trovato un po' sprecato il grande talento dei due attori protagonisti.

  • User Icon

    bibbi14

    04/12/2018 22:02:36

    tutto sommato una commedia atipica ma divertente, con protagonisti indovinati

  • User Icon

    Matteo

    23/09/2018 20:54:58

    Ambientato nella Los Angeles anni 70, la storia è molto bella e divertente, Russell Crowe e Ryan Gosling, mi hanno fatto ridere per l'intera durata del film, insieme funzionano molto bene. Ottimo per una serata spensierata e ricca di risate.

  • User Icon

    funkyfunkytown

    26/08/2016 17:11:55

    non mi sono annoiato mezzo secondo, che risate! '70s a gogo e ryan gosling, probabilmente uno dei genitori peggiori della storia (uno che non sente neanche l'odore dell'erba poi...)

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

Prima di tutto, bisogna ricordare che Shane Black, il regista e co-autore (insieme a Anthony Bagarozzi) di The Nice Guys, ha il merito imperituro di avere scritto nel 1987 la sceneggiatura di Arma Letale. Nella sua carriera da regista, Black ha diretto per il cinema solo tre film: Kiss Kiss Bang Bang (2005), commedia neo-noir con Val Kilmer e Robert Downey Jr.; Iron Man 3 (2013), decimo film che ha incassato di più nella storia; e adesso The Nice Guys, che è una specie di Kiss Kiss per il nuovo decennio, e forse anche migliore. Il genere di specializzazione di Black è il buddy cop movie – due poliziotti o investigatori privati, spesso improbabili e scalcagnati, che pur non potendosi soffrire sono costretti a indagare insieme su un difficile caso criminale, e alla fine diventano amiconi.

Black applica questa formula a quasi tutti i suoi film: anche The Nice Guys si potrebbe riassumere così, e sarebbe tutto corretto. Invece è anche intelligente, scritto bene e recitato ancora meglio. Come Kiss Kiss, anche The Nice Guys è ambientato nel mondo del cinema di Los Angeles. Qui, però, lo scenario si sposta alla fine degli anni ’70: la città è inquinata, violenta, corrotta, ubriaca, strafatta. La cappa di smog delle auto non permette agli uccelli di respirare, alle api di ronzare; qualche contestatore ha ancora le energie per protestare contro queste atrocità. Si vocifera che le “Big Three”, le principali case automobilistiche di Detroit, abbiano mentito sulle emissioni delle proprie vetture. Una giovane donna, figlia di un pezzo grosso, decide di girare un film “artistico” (un porno, che rispetto agli standard attuali lo sarebbe davvero, artistico) per denunciare questa cospirazione. Qui entra in scena una coppia da commedia su cui forse non avrebbe puntato nessuno: Russell Crowe (Jackson Healy, picchiatore a noleggio) e Ryan Gosling (Holland March, investigatore privato vedovo, con figlia tredicenne al seguito – la bravissima Angourie Rice).

Invece sono perfetti nei panni dei perdenti con un briciolo di fortuna, dei duri che se la fanno sotto. La trama è complicata e inverosimile, ma in qualche modo tutto torna – lo smog, Detroit, il porno e le api (in una fantastica sequenza in cui March, ubriaco alla guida, scivola nel sogno). Perché tutto è tenuto vivo dalla scrittura, non soltanto per i dialoghi e le battute memorabili, ma per come Black riesce costantemente a prendere a ceffoni le aspettative dello spettatore, senza per questo perdere la sua fiducia. Come soltanto i fratelli Coen e Tarantino di solito riescono a fare.

  • Produzione: Warner Home Video, 2016
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 116 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1 HD);Inglese (DTS 5.1 HD)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • AreaB
  • Contenuti: trailers; dietro le quinte (making of)
  • Shane Black Cover

    Sceneggiatore e regista statunitense. Penna tra le più pagate del blockbuster statunitense, esordisce giovanissimo con due script, l'horror teen e rétro Scuola di mostri (1987) di F. Dekker e l'action Arma letale (1987) di R. Donner, il secondo dei quali lo proietta subito nel mondo dei grandi studios. Anche i successivi script (in particolare, L'ultimo boyscout - Missione: sopravvivere, 1991, di T. Scott) confermano una certa verve nell'animare con intelligenza le vicende a base di inseguimenti e sparatorie dei vari B. Willis, A. Schwarzenegger, complice un sottile citazionismo e una vocazione naturale per gli inside jokes che porta al tono metacinematografico di Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (1993) di J. McTiernan. Il flop imprevisto di Spy (1996) di R. Harlin, unito a una certa... Approfondisci
  • Russell Crowe Cover

    "Propr. R. Ira C., attore neozelandese. Trasferitosi bambino in Australia, diventa una star della televisione. Tenta la carriera di cantante con lo pseudonimo di Rus Le Roc e recita a teatro in Grease e The Rocky Horror Picture Show. Al cinema si afferma in patria con Skinheads (1992) di G. Wright, in cui interpreta con brutale realismo il ruolo del capobanda. Negli Stati Uniti viene lanciato con Pronti a morire (1995) di S. Raimi, ma il vero successo internazionale arriva con il ruolo del poliziotto Bud White in L.A. Confidential (1997) di C. Hanson e con The Insider (2000) di M. Mann. Dalle atmosfere ambigue dell’America contemporanea è catapultato nella Roma imperiale buia e decadente di Il gladiatore (2000) di R. Scott, in cui la sua incisiva presenza scenica (premiata con l’Oscar) dà... Approfondisci
Note legali