Nicola Hicks: Keep Dark

Will Self, Candia McWilliam, David Mamet

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno: 2018
Rilegatura: Paperback / softback
Pagine: 160 p.
Testo in English
Dimensioni: 257 x 191 mm
Peso: 590 gr.
  • EAN: 9781786272188
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 22,44

€ 26,40
(-15%)

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO INGLESE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nicola Hicks's sculpture and drawing practice has focused upon heroic, humanized animals and mythic, beast-like humans. From the moment she burst upon the wider public stage, there has been no doubting her remarkable talent. Picked out while still at the Royal College of Art by the late Elisabeth Frink as a fellow spirit, she quickly established an immediate presence among the artists of her generation as a serious and substantial figure. She was remarkable on every count, for she flew in the face of the critical expectations of those days not just in the nature of the actual imagery she celebrated-figurative, romantic and expressive-but also in the direct and gleeful joy she took in the physical making of these things. This book is a visual celebration of her work and features essays written by Will Self, Max Porter, Candia McWilliam and David Mamet. Published by Elephant, in association with Flowers Gallery
  • Will Self Cover

    (Londra 1961) scrittore inglese. Fin dalla raccolta d’esordio, Cordiali saluti da un mondo insano (The quantity theory of insanity, 1991), i suoi racconti, comicamente «neri», si offrono come squarci bizzarri sulla realtà contemporanea. Con Misto maschio (Cock & Bull, 1992) ha proposto una irriverente e surreale riflessione sugli incerti confini della identità sessuale. In La mia idea del divertimento (My idea of fun, 1993, nt) il protagonista indulge nel visualizzare se stesso mentre compie atti violenti e immorali. Tra le altre opere si ricordano i racconti di Zona grigia (Grey zone, 1994, nt), la raccolta di interventi giornalistici di Stampa spazzatura (Junk Mail, 1995, nt), il romanzo Grandi scimmie (Great apes, 1997), Dorian (Dorian, an imitation, 2002), remake del romanzo di O. Wilde,... Approfondisci
  • David Mamet Cover

    (Flossmore, Illinois, 1947) drammaturgo, sceneggiatore e regista statunitense. Affermatosi con Variazioni sull’anatra (Duck variations, 1972, nt) e, soprattutto, con il successo, a Broadway, di American Buffalo (nt) caustica radiografia della crisi dei valori americani dal punto di vista di un reduce del Vietnam, M. eccelle nel tratteggiare lo sviluppo psicologico dei suoi personaggi. Tra le opere successive Il bosco (The woods, 1977), Una vita nel teatro (A life in the theatre, 1977), Glengarry Glen Ross (1983, premio Pulitzer), dura accusa contro la società del denaro, Oleanna (1992), La vecchia religione (The old religion, 1997, nt), il saggio sul movie business Bambi contro Godzilla (2006), November (2007), sul mondo della politica, Race (2009), sui conflitti razziali, The... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali