Nodo di sangue - Laurell K. Hamilton - copertina

Nodo di sangue

Laurell K. Hamilton

Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Traduttore: Alessandro Zabini
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 marzo 2005
Pagine: 338 p., Brossura
  • EAN: 9788850206889
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 4,81

€ 8,90
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Benché sia una "cacciatrice di vampiri", Anita Blake riceve nel suo ufficio proprio la visita di uno di essi, latore di una singolare richiesta d'aiuto: soltanto lei, infatti, può fermare il serial killer che, da qualche tempo, circola per St. Louis e si accanisce proprio sui vampiri. Anita rifiuta seccamente, ma quella sera stessa incontra un affascinante e potentissimo vampiro, Jean Claude, che, senza mezzi termini, la ricatta: o lei accetta l'incarico oppure la sua migliore amica morirà. E così la caccia comincia.
3,38
di 5
Totale 45
5
12
4
13
3
6
2
8
1
6
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
  • User Icon

    Nenetta1974

    31/05/2019 03:44:42

    sono partita con entusiasmo a leggere il primo capitolo di questa saga ma ho avuto molte difficoltà, in alcuni punti non riuscivo proprio a capire cosa stava succedendo

  • User Icon

    Michelle

    16/02/2019 07:57:26

    Una scrittura non sempre scorrevole e sciolta. Il primo volume di una saga lunghissima e di cui sono arrivata appena a metà. Consigliato a chi è appassionato del genere e vuole immergersi nel viscerale mondo dei vampiri visto da una prospettiva un po' diversa dal solito.

  • User Icon

    Grazia

    21/09/2018 14:09:44

    Primo capitolo della saga di Anita Blake, risvegliante e cacciatrice di vampiri autorizzata. Da qualche tempo, i vampiri sono stati riconosciuti legalmente, ma, se qualcuno sgarra, ci pensa lei a sistemarlo, infatti i vampiri la chiamano la Sterminatrice. Eppure è proprio un vampiro che vuole ingaggiarla per trovare il serial killer che sta uccidendo i vampiri della città. Anita rifiuta, ma dovrà accettare se non vuole che la sua amica muoia. La storia è molto interessante, coinvolgente, piena di colpi di scena. L’autrice delinea un mondo molto variegato e interessante, i personaggi son ben tratteggiati e, alcuni, anche spaventosi e crudeli. La storia è incentrata sulla protagonista, una ragazza forte e caparbia, coraggiosa e determinata, pronta a superare tutti gli ostacoli. Lo stile dell’autrice è scorrevole e gli intrighi vengono svelati piano piano, tenendo viva l’attenzione del lettore. Consigliato a chi predilige il genere thriller-horror!

  • User Icon

    Veronica

    15/01/2013 17:37:11

    Allora, iniziamo dicendo che metto 3 al racconto solo per il fatto che, essendo il primo libro, è sempre difficile riuscire a centrare tutti i campi argomentativi e spesso si cade nel piattume. La protagonista secondo me è troppo poco definita, si marca di una durezza innaturale e trovo difficile immedesimarmi in lei come lettrice, visto che riuscire a vedersi attraverso il protagonista è la cosa fondamentale, non è giustificato neanche questo suo rancore veso i vampiri.Si sa solo che uccide fa perchè viene pagata ma senza ricorrere a flashback o esperienze che possono in qualche modo collegarsi alla natura della protagonista. E poi, a mio parere, una non accetta un mestiere del genere (Sterminatrice poi eh, con 14 uccisioni) così per soldi... comunque. Anche secondo me l'introduzione così improvvisa senza nemmeno presentare Anita o il mondo in cui vive è un punto a sfavore perche il lettore avverte comunque un senso di inadeguatezza (io mi sono sempre sentita un pò tagliata fuori). Poi... si i troppi personaggi che a volte acquistano e altre perdono importanza non è da sottovalutare. Si va da una cattiva Nikolaos(che nome dai, una ragazza!!) che salta fuori all'improvviso e non è ben definita (a volte manca di convinzione, oppure appare in scene vuote in cui la sua presenza non è necessaria). I personagi del brivido sono introdotti male (lupi mannari citati si e no due volte, ce n'era bisogno? Il vampiro citato all'inizio che non dice niente a livello personale se non che è uno stronzo, e i necrofagi che a mio parere prendono troppo dai vampiri). Poi il personaggio di Edward che non si comprende bene, il lettore quasi se ne dimentica come anche le amiche di Anita nel Guilty Plesaurs. Un'insalatona a volte amara e messa lì per accontentare il lettore e togliere qualche spazio vuoto. Spero di leggerne di più interessanti, il primo ha una buona azione ok ma i personaggi a volte sono piatti, Ripeto, metto 3 perchè il primo romanzo è sempre il più difficile!

  • User Icon

    Becky

    10/06/2012 22:24:49

    Noioso e difficile da seguire (passi l'incipit in medias res, ma qui sembra di essersi persi dei pezzi fondamentali che non vengono recuperati, non si riesce a capire perché mai la protagonista debba essere così dura). È riuscito a stuzzicare la mia curiosità solo nell'ultima trentina di pagine. Una fatica decisamente troppo grande perché ne valga la pena.

  • User Icon

    Buffy81

    20/12/2010 16:37:54

    Romanzo molto appassionante,grazie anche al linguaggio semplice senza fronzoli,che a volte possono rallentare il ritmo di una storia. Avrei dato un cinque ma non l'ho fatto visto che il finale è tristissimo e mi ha fatto piangere tanto,in seguito alla morte di un personaggio a cui mi ero affezionata e che avrei visto molto bene in coppia con Anita. Lo consiglio ai fan di " Buffy l'ammazzavampiri" ma lo sconsiglio ai sensibili e agli amanti di happy ending.

  • User Icon

    Iole

    08/07/2010 02:00:37

    Che dire io questa saga l'adoro..La HAMILTON ha una scrittura cosi coinvolgente che non riesci a smettere di leggere..La trama del romanzo è affascinante, ti travolge nella lettura. I personaggi con le loro personalità danno al romanzo un qualcosa di unico..tutti i personaggi anche quelli minori hanno il loro fascino..Consiglio a tutti di leggere questa meravigliosa saga..non ne resterete delusi!

  • User Icon

    rosarino

    30/05/2010 14:53:30

    Piacevole, originale in alcuni spunti (la legalizzazione del vampirismo, il resuscitare i morti x risolvere questioni legali, etc), la protagonista non mi è molto simpatica, troppo costruita: dura, rozza, mascolina. Ma il personaggio di Jean-Claude è una piccola perla.

  • User Icon

    Azzurra

    15/04/2010 11:49:53

    A me è piaciuto! Se avessi potuto avrei messo come voto tra il 3 e 4, perchè i personaggi sono intriganti e ci si puù immedesimare in Anita e sentire il fascino di JC, ma la storia a tratti è troppo lunga, confusa e carica di stramberie! Comunque continuerò la saga perchè sono incuriosita dalla successione degli eventi. Il ciclo di Sookie (Harris) rimane in assoluto il mio preferito.

  • User Icon

    Dj

    25/03/2010 18:15:29

    Mah non so bene cosa pensare di questo libro e di questo personaggio...Ci sono buoni spunti, ci sono buone idee ed è scritto in modo scorrevole, ma manca un po' di cuore. La protagonista sembra finta, poco credibile. Proverò ad andare avanti per vedere se le cose migliorano. Per il momento senza infamia e senza lode.

  • User Icon

    chiaraisabella

    16/03/2010 10:32:52

    Nulla di speciale, amo le storie sui vampiri ma la Hamilton farcisce il libro con troppe figure sovrannaturali,e poi in questo libro c'è troppa azione e poco sentimento!!! Ho amato Bella, Sookie e altre protagoniste di saghe sui vampiri ma anita proprio non la reggo.il suo motto potrebbe essere "fare per non pensare". E poi che noia tutte quelle armi... Unica nota positiva Jean Claude...davvero magnifico.solo per lui voto 2 e non 1.

  • User Icon

    Lisael

    20/02/2010 14:41:22

    La scrittura in prima persona coinvolge e lo rende piacevole. Letto in due giorni. E' scritto con semplicità, senza fronzoli, genuino. Consigliato a chi desidera una lettura scorrevole e non troppo impegnativa. Anita, una risvegliante, viene incaricata di scoprire chi impersona il killer dei vampiri e il perchè di queste morti. Affascinante la figura del vampiro Jean-Claude. Lo sconsiglio a chi ricerca i caratteristici vampiri della Rice.

  • User Icon

    ElfollettO***

    02/02/2010 20:50:03

    Questo libro mi è piaciuto abbastanza, anche se non è tra i migliori. Buone vicende d'azione. Vampiri dalle caratteristiche "accettabili". Finale non troppo deludente. Confronto a un altro che ho letto, "Dono di cenere", è meno noioso e non presenta troppa tensione erotica, che alla fine tedia un pò. Un difetto ricorrente è il fatto che la protagonista dimostri di avere più paura delle creature che la circondano e con cui ha a che fare rispetto a quella che ha messo a me.

  • User Icon

    Roberta

    31/08/2009 12:16:43

    Libro molto bello!non vedo l'ora di leggere il resto della saga! Anita Blake è veramente un mito!personaggio ben fatto e tosto al punto giusto, senza troppo esagerare, poichè anche lei in alcuni momenti prova paura, nonostante le sue molteplici armi, se ciò non avverrebbe si distaccherebbe eccessivamente dalla realtà, divenendo così un personaggio in cui risulterebbe più difficile identificarsi!

  • User Icon

    TONI

    13/07/2009 18:42:51

    E' come se il racconto incominciasse a metà. Si legge facilmente ma con l'impressione di essersi sempre persi un pezzo cruciale della vita di Anita. La storia potrebbe avere grandi potenzialità, ma l'accozzaglia di creature introdotte all'improvviso e totalmente a caso, lascia la sensazione di stare leggendo un libro appena abbozzato. I personaggi mancano di spessore, di una storia personale credibile e la loro cattiveria è così estrema e superficiale da risultare quasi un paradosso. Ho trovato poco accurato anche l'intreccio. Aspirerebbe ad essere un giallo, ma non c'è evoluzione né indagine.

  • User Icon

    Roxane

    10/07/2009 18:11:35

    Vampiri spogliarellisti, topi mannari maniaci sessuali e un vampiro dal nome ormai assurdamente comico (ogni volta che veniva nominato Jean Claude mi veniva in mente quello di Mai dire....XD). Insomma, non fa per me questa serie.

  • User Icon

    Maddy

    15/05/2009 14:19:49

    Ho trovato questo libro carino, leggibile nelle lunghe traversate della metropolitana. Un pò ripetitiva e a volte troppo lunga nelle descrizioni (soprattutto quando si fissa su pizzi e merletti). Avrei evitato di mettere insieme necrofagi, ratti mannari e zombie ... i vampiri potevano bastare. Ho letto solo questo libro e sono curiosa di leggere gli altri ... così, giusto per sapere se con JC si arriva al .. "dunque" :-) .

  • User Icon

    alice

    19/04/2009 17:24:34

    libro carino...mi piace il genere e ho letto tutti i libri di anita blake, questo è il primo della saga..serie che si lascia leggere e che presenta due antagonisti maschili interessanti e molto hot! :)

  • User Icon

    giovane_titano

    07/03/2009 15:40:54

    Per fortuna non ho comrpato il libro ma l'ho letto in biblioteca tutto di un fiato in 2 giorni. La storia comincia nel bel mezzo di un'azione che necessiata di un prologo mai descritto ... come se si leggesse un libro a metà. La protagonista è saccente, presuntuosa, sicura di sè, ma è solo una maschera ... legata ai desideri sessuali (quelli dell'autrice) e dalla materialità. vuole dare un'impressione di sè e poi finisce sempre in guai. Mischiate creature fantastiche e anche irreali, così, senza un senso logico e senza motivo. Anita che si libera da tutti i guai sempre per caso o per fortuna (dopo un pò basta ...). Una storia che non regge e delude le aspettative di un riassunto in copertina che è l'unica cosa che si salva del libro ...

  • User Icon

    Micchan

    03/03/2009 14:13:43

    secondo me la saga della hamilton è stupendo e mi prende tantissimo... comunque non è vero che anita blake è senza carattere non è vero ha un carattere ma molto pessimista ma io la adoro.. io consiglio a tutti questo libro

Vedi tutte le 45 recensioni cliente
  • Laurell K. Hamilton Cover

    Laurell K. Hamilton è nata a Heber Springs (Arkansas), ma è cresciuta a Sims, un piccolo villaggio dell'?Indiana. Dopo la morte della madre in un incidente d'?auto, è stata la nonna a curare la sua educazione e a darle da leggere il primo di numerosi romanzi fantasy e horror che l?'hanno appassionata all'?istante, spingendola, in seguito, ad abbandonare l'?idea di diventare una biologa in favore della scrittura. I romanzi dedicati alla cacciatrice di vampiri Anita Blake e quella che racconta le vicende di Meredith Gentyr sono stati pubblicati con enorme successo in tutto il mondo. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali