Non chiedermi quando. Romanzo per Dacia - Concita De Gregorio - copertina

Non chiedermi quando. Romanzo per Dacia

Concita De Gregorio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Collana: Scala italiani
Anno edizione: 2016
Pagine: 160 p., Rilegato
  • EAN: 9788817089975
Salvato in 30 liste dei desideri

€ 19,70

€ 20,70
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Concita De Gregorio ci conduce per mano nelle luminose stanze della memoria di una delle autrici più amate dei nostri giorni: Dacia Maraini.

«Più che un’autobiografia è un poemetto in cui le parole assumono un’intensità lirica.»Melania Mazzucco, La Repubblica

«Io sono sempre qui. Adesso è tutto sempre ora»

Ci sono scrittrici che hanno fatto delle storie la propria vita, trasformando la propria vita in una storia irripetibile. Dacia Maraini è una di queste. Davanti all’inconfondibile azzurro dei suoi occhi ha sfilato una folla di personaggi straordinari, che tra le pagine di questo romanzo di rara e felice libertà narrativa prendono corpo e voce per farsi fotografia mobile di un’Italia che non c’è più. Lo sguardo intimo e acuto di Concita De Gregorio fa emergere dallo sfondo, come istantanee senza tempo, le figure di Fosco e Topazia, genitori ribelli e coraggiosi, gli amici intellettuali e artisti, da Pasolini a Maria Callas fino a Visconti, e poi Moravia e le passioni che hanno abitato l’esistenza di Dacia: il femminismo, il teatro, i viaggi. E la scrittura, infine, sempre e solo la scrittura, compagna fedele e termometro di una vita che solo come romanzo potevaConcita De Gregorio ci conduce per mano nelle luminose stanze della memoria di una delle autrici più amate dei nostri giorni essere raccontata. Intrecciando e mettendo a nudo i ricordi con il pudore e il coraggio del vero scrittore, . Dove l’eccezionalità diventa la regola e il mondo la nostra libertà. Un libro uguale a nessun altro.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rosetta

    10/11/2016 15:15:57

    Amo molto Dacia Maraini e ho letto quasi tutti i suoi libri. Penso che una storia come questa nessuno meglio di lei potesse scriverla e non capisco perché invece lo faccia Concita De Gregorio. Io continuerò a seguire la sua produzione narrativa, comunque lascio a questo libro il beneficio del dubbio.

100 Pagine, una vita. Due giorni per viverla, infinite emozioni per assaporarla.

Non è un romanzo, non è una biografia. Non è un’intervista, né un racconto come siamo abituati a conoscerlo.

“Non chiedermi quando” è un preziosissimo mezzo che ci permette di conoscere Dacia Maraini attraverso i suoi ricordi, uno strumento per entrare in contatto con lei. Nel libro Concita De Gregorio ci racconta una persona, attraverso una scrittura, che tutto è tranne che cronologica. Per questo non parliamo di biografia, ma di un’opera inedita nel suo genere, che ripercorre la vita della Maraini attraverso ricordi, sparsi, e vivi, pieni di dettagli e sfumature che fanno immedesimare il lettore.

Da Pier Paolo Pasolini a Maria Callas, cita anche Luisa Spagnoli, ed Elsa Morante; senza dimenticare ovviamente l’affetto di una vita, Alberto Moravia. Ci fa entrare in una vita surreale che però a lei è successa veramente, ricca di personaggi noti, per lei amici di sempre; ci confida anche sensazioni e memorie legate alla sua infanzia, intensa come la guerra, sofferta ma sopravvissuta. Un’estrema alternanza di situazioni ambientate tra il Giappone, la Sicilia, Roma.

I capitoli sono veri e propri spot, ricordi lampo alcuni, più approfonditi altri. La scrittura di Concita De Gregorio è il legame perfetto per queste storie di vita che trasportano, tralasciando la variante decisiva delle nostre vite quotidiane: il tempo.

Recensione di Veronica Lempi

 

  • Concita De Gregorio Cover

    Laureata all'Università di Pisa in Scienze Politiche, ha iniziato la professione nelle radio e tv locali toscane passando poi a «il Tirreno» dove, per otto anni, ha lavorato nelle redazioni di Piombino, Livorno, Lucca e Pistoia. Nel 1990 è passata al quotidiano la Repubblica, dove si è occupata di cronaca e di politica interna. Dal 2008 al 2011 è stata direttore de «l'Unità».Tra le sue pubblicazioni si ricordano Non lavate questo sangue (Laterza, 2001); Una madre lo sa. Tutte le ombre dell'amore perfetto (Mondadori, 2006); Malamore. Esercizi di resistenza al dolore (Mondadori, 2008); Così è la vita (Einaudi, 2011); Un giorno sull'isola (Einaudi, 2014); Mi sa che fuori è primavera (Feltrinelli,... Approfondisci
Note legali