Categorie

G. Luca Belardi

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2004
Pagine: 153 p. , Brossura
  • EAN: 9788804524199

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pina

    23/02/2012 10.32.59

    C'ero anch'io in quegli anni e Belardi li racconta bene ed ha ragione non è colpa nostra essere cresciuti con delle aspettative che non si sono potute realizzare. Tutti i ricordi raccontati in questo libro sono anche miei, il mitico duplex diviso con una vicina con 5 (cinque) figlie tutte fidanzate (il nostro turno per il telefono era alle 4 del mattino nei mesi con la X), il telecomando di casa (essendo la più piccola ero IO), i gettoni del telefono dati di resto, il mio primo Lanciostory.... Credo che nessuno abbia il diritto di contestare i gusti degli altri, io personalmente leggo Coelio e anche tanti altri autori, ma questo libro mi ha fatto ridere, sorridere, versare qualche lacrimuccia pensando al passato e forse anche fatto un po' incazzare, perchè questi ricordi la generazione del Co.Co.Co. non li potrà vivere mai. Lo consiglio a tutti quelli che hanno voglia di sapere come era un'epoca finita male ma vissuta alla grande

  • User Icon

    Filippo

    20/07/2006 12.38.39

    Tra i tanti libri di riflessione e ipocrita saggezza che ho letto nella mia vita, quello di Gianluca Belardi è stato in assoluto il libro migliore che io abbia mai letto. L'ho comprato per caso tanto tempo fà grazie al titolo attraente e alla voglia di nostalgia che ha suscitato in me. Ad oggi (luglio 2006) l'ho letto 16 volte, di cui la metà mi sono servite per superare il corso di dizione. E' scritto bene, fa ridere nella giusta misura, suscita emozioni che per forza di cose ti ritornano in mente perchè ti sono successe; a meno che non sei stato chiuso in un bunker quando eri bambino. Tipo le anche della compagna di classe che l'autore ha baciato quando era piccolo; oppure la lucidatrice alla domenica mattina; il duplex con la signora di sotto.... Solo chi si dedica SOLO alle letture di (con tutto il rispetto di questo mondo) Coelho, Maraini e tanti altri scrittori-saggi, può giudicare dall'alto in basso il libro in oggetto. Ma che si ricordi che la vita è fatta anche di ricordi colorati. E questo libro ne è, tra tanti, la migliore intepretazione.

  • User Icon

    sergio

    02/11/2004 13.16.05

    Libercolo che si legge in una mattinata scarsa, cose già lette o già sentite. Si è pensato di fare un libro sulla imperante nostalgia degli anni 70-80 ma il risultato è solamente un insieme di luoghi comuni che faticano a trovare un filo logico tra loro. Deludente.

Scrivi una recensione