Non dimenticare l'Olocausto

Frediano Sessi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Collana: Superbur saggi
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 giugno 2002
Pagine: XIII-428 p.
  • EAN: 9788817129411

€ 5,72

€ 10,60
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una sorta di alfabeto della memoria che ricostruisce in modo semplice ed essenziale le tappe del sorgere del fascismo e del nazismo, le ragioni e i modi con cui Hitler e i suoi alleati si propongono di realizzare un Nuovo ordine europeo, fondato sulla razza superiore, attraverso lo sterminio degli ebrei, degli zingari, degli slavi e di tutte quelle razze o quei nemici del popolo germanico che, per il solo fatto di esistere, si pongono come ostacolo alla realizzazione del disegno del Führer.

Opera singolare nella sua struttura per un tema, ancora una volta definito impropriamente "Olocausto", che oramai affolla le scaffalature delle nostre librerie, il volume di Sessi, studioso di riconosciuta qualità del fenomeno storico delle deportazioni e dello sterminio degli ebrei per mano nazista, si rivolge al grande pubblico, ad esempio quello delle scuole, con intendimento dichiaratamente didattico. Diviso in cinque parti principali (il quadro generale di riferimento, i nodi storici e storiografici, i luoghi della tragedia, i protagonisti e la comparabilità), suddivise a loro volta in paragrafi concisi e asciutti, affronta in maniera chiara, con dovizia di particolari, la pluralità di aspetti che concernono la Shoah. Ogni sezione si accompagna a una bibliografia di riferimento e può essere letta o addirittura utilizzata come modulo a sé. La vocazione espositiva e divulgativa non fa ombra alla qualità di quanto si va dicendo. Equilibrato e apprezzabile anche lo sforzo comparatistico con le vicende dell'Est staliniano, ineludibile oramai in qualsivoglia comunicazione pubblica, tanto più nel caso del lavoro nelle scuole. Sgradevole invece la copertina. Così come la quarta della stessa, imbarazzante, fuorviante e del tutto forzata nella forma come nei contenuti.

Claudio Vercelli

  • Frediano Sessi Cover

    Frediano Sessi è un saggista, scrittore, traduttore consulente editoriale italiano.Vive a Mantova. Insegna Sociologia generale nel Corso di Laurea in Educazione professionale della Facoltà di Medicina dell’Università di Brescia ed è stato Segretario Generale della Fondazione Università di Mantova dal 2003 al 2013. È stoto docente incaricato di Etica Ambientale presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia, sede di Mantova. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Nome di battaglia: Diavolo (2000), Prigionieri della memoria (2006, due edizioni), Foibe Rosse (2007, due edizioni), Il segreto di Barbiana (2009), Il lungo viaggio di Primo Levi (2013) e con Carlo Saletti Visitare Auschwitz (2011, due edizioni) e Auschwitz... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali