Topone PDP Libri
Salvato in 14 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Non ho risposte semplici. Il genio del cinema si racconta
13,78 € 14,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+140 punti Effe
-5% 14,50 € 13,78 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,78 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,78 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Non ho risposte semplici. Il genio del cinema si racconta - Stanley Kubrick - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Non ho risposte semplici. Il genio del cinema si racconta Stanley Kubrick
€ 14,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

In tutto l'arco del Novecento pochi cineasti sono riusciti ad attraversare i decenni e i generi mantenendo una cifra stilistica propria e riconoscibile così come ha fatto Stanley Kubrick. In questo nuovo volume della collana dedicata al grande cinema, minimum fax presenta una raccolta di interviste che delineano con grande precisione il suo genio allucinato e metodico al tempo stesso, che ha accompagnato (e in molti casi creato) l'immaginario visivo degli ultimi quarant'anni. Da Orizzonti di gloria a Full Metal Jacket, passando per 2001 - Odissea nello spazio, Arancia meccanica e Shining, quest'opera ripercorre le tappe della carriera di un cineasta spesso discusso, talvolta incompreso ma sempre indipendente fino all'ostinazione, che ci ha regalato alcune delle visioni più belle e profonde della storia del cinema.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2007
2 maggio 2007
291 p., Brossura
9788875211257

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Gabriele
Recensioni: 5/5

Bellissimo libro. Lo consiglio vivamente a tutti quelli che voglio comprendere meglio i film e il pensiero di S.Kubrick.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Il volume presenta una raccolta di interviste rilasciate da Stanley Kubrick dagli inizi della sua carriera sino al 1987, anno di uscita del suo penultimo film, Full Metal Jacket. Non riuscì infatti a lasciare testimonianza dell'ultima sua opera, Eyes Wide Shut (1999), in quanto morì quattro giorni dopo aver consegnato la versione definitiva del film alla Warner Brothers. Schivo, riservato, restio a parlare del proprio lavoro, il regista americano in verità concedeva puntualmente interviste per pubblicizzare l'uscita delle sue opere: tredici pellicole, prodotte tra il 1953 e il 1999, che hanno profondamente segnato la storia del cinema e l'immaginario degli ultimi cinquanta anni del Novecento. Quando Kubrick iniziò a rilasciare interviste, come annota nella sua introduzione Gene D. Philips (padre gesuita, amico e studioso dell'opera del regista), il suo metodo di lavoro era già ampiamente consolidato: completo controllo artistico dei propri film – dalle primissime fasi di progettazione e sceneggiatura, sino alla postproduzione – e dunque una totale indipendenza, pur lavorando nello studio system dell'industria cinematografica americana. Nelle prime conversazioni con il cineasta, gli interlocutori spesso sottolineano l'unicità del "caso Kubrick" che, con una formazione da autodidatta, divenne ben presto un esempio per i giovani aspiranti colleghi, in quanto cineasta indipendente già a trent'anni.
Emiliano Morreale, che ha curato la prefazione alla pubblicazione, rileva come i primi passi di Kubrick siano stati seguiti da una critica in qualche modo spiazzata da un autore che è apparso sin da subito molto diverso e distante dagli altri: "L'oggetto Kubrick, nella penna dei vari giornalisti, si forma a poco a poco, per approssimazioni successive". In America circola molto interesse riguardo al suo modo di farsi strada autonomo; in Italia viene percepito come autore "di sinistra", antimilitarista, interessato alle tematiche sociali. Che queste interpretazioni fossero fuorvianti, appare chiaro dopo l'uscita di 2001, ma ancor prima, con Lolita, quando si inizia a costruire una diversa percezione del personaggio-Kubrick, "che è stato in vita – scrive Morreale – il regista mondiale più circondato dal mito. Un mito giornalistico costruitosi nei decenni con gli ingredienti classici dell'invisibilità, del mistero, della leggenda vera e propria".
Nelle diverse interviste emerge la radicalità di un autore visionario e apocalittico, di un "regista terminale, che ha lavorato alla conclusione della storia del cinema" (Sandro Bernardi). Come Kubrick stesso sottolinea ironicamente nell'intervista che chiude il volume, rilasciata a Tim Cahill e pubblicata su "Rolling Stones" nel 1987, "certi critici assistono ai miei film aspettandosi di vedere l'ultimo film" – e quell'"ultimo", annota Morreale, si può interpretare in molti modi. Questa percezione si diffondeva infatti in occasione dell'uscita di ogni sua nuova pellicola, dato che essa rappresentava in qualche modo una riflessione definitiva sul genere cinematografico di volta in volta affrontato. Non a caso, quindi, "già a qualche anno dalla sua morte – scrive Morreale – Kubrick è cominciato a sembrare un regista lontanissimo, un unicum nel cinema mondiale, l'ultimo regista del cinema".
  Sara Cortellazzo

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore