Categorie

Sophie Hannah

Traduttore: S. Lauzi
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 387 p. , Brossura
  • EAN: 9788811681267

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Emily Ross

    22/07/2016 19.34.50

    Dalla trama mi aspettavo molto di più. Uno di quei thriller psicologici in cui fanno passare per pazza una che pazza non è, con ricatti psicologici e gente incredula. Invece ho trovato una specie di libricino rosa con questo misero di fondo: la bambina è o non è figlia della protagonista? Non mi è piaciuto il finale e nemmeno particolarmente lo svolgimento della trama. A mio parere una bella trama (sono un'appassionata di questo tipo di misteri) non sviluppata bene.

  • User Icon

    Claudio

    11/11/2015 16.20.34

    In teoria doveva essere un giallo alla Agatha Christie, in realtà è un'accozzaglia di avvenimenti che seguono una specie di filo logico. L'idea è si originale, ma la trama è talmente complicata e insensata che se all'inizio poteva sembrare una storia interessante, alla fine diventa un'insalata di circostanze che a stento si capiscono. Non aiuta il modo di scrivere dell'autrice (che tra l'altro scrive solo libri il cui titolo inizia con l'avverbio di negazione "Non"), con continui salti temporali tra un paragrafo e l'altro. I personaggi poi sono da commedia dell'assurdo con personalità fuori dal normale. La questione in breve nasce da un fatto che riapre un altro delitto passato che con quel fatto ha poco a che vedere. E tra l'altro viene risolto per un ritrovamento causale (dopo anni) ad opera di altre persone che con la storia non c'entrano niente. Il finale, che rende tutto il libro inutile, è talmente inconcepibile che l'autrice è stata costretta a farlo spiegare (male) dai protagonisti che parlano tra di loro. Una frase alla penultima pagina rende bene l'idea: "Sarà un'impresa difficile, sistemare in una narrazione coerente questa faccenda". Ecco questa è la recensione migliore del libro. Non oso immaginare gli altri romanzi. "Non" consigliato nel modo più assoluto.

  • User Icon

    rosemary b.

    19/03/2015 12.58.31

    Un ottimo giallo. Piacevolissimo e scorrevole, impossibile intuirne il finale. Un libro per trascorrere alcune ore senza impegno, senza stanchezza o noia. Da leggere subito.

  • User Icon

    Luca Varrese

    12/11/2013 17.57.48

    Inizio folgorante, un poliziotto che ha intuito per le donne nel lavoro ma non nel privato, psicologia in genere interessante. Ma il finale è orribile....

  • User Icon

    ferruccio

    07/09/2013 16.39.15

    Il sospetto, la paura, il timore di perdere ciò che di più caro abbiamo al mondo sono sentimenti che possono indurre a compiere azioni tali da non poter essere riproposti in un clima di normalità di vita quotidiana; una situazione agghiacciante, al limite del paradossale, innesca meccanismi di difesa spesso al di sopra delle nostre intrinseche capacità.

  • User Icon

    Silvia

    20/03/2013 10.03.31

    questo libro merita un voto basso solo perchè ha la fortuna almeno di essere scorrevole ...altrimenti sarebbe stato ancora più basso...dall'inizio si capisce chi è il colpevole, zero suspance e colpi di scena...senza contare che la protagonista è insopportabile e lo diventa sempre di più mano a mano che la storia si sviluppa...per non parlare del finale, assurdo e improbabile...decisamente una delusione!

  • User Icon

    katia

    11/03/2013 22.46.44

    A me è piaciuto. Ho fatto fatica all'inizio ma entrata nella trama mi sono fatta appassionare e ho iniziato a vivere e sentire la stessa urgenza della protagonista. Bello anche il finale meno scontato di quel che sembra

  • User Icon

    Franci

    13/09/2012 23.25.37

    E' un libro che a me è piaciuto molto,perchè non è per niente scontato....devi arrivare fino alla fine per scoprire la verità! Lettura scorrevole,ansia,sorpresa....

  • User Icon

    RobyPozz

    19/07/2012 13.12.31

    Bel romanzo, un po' strana la trama, ma si è fatto leggere.

  • User Icon

    elisanetta

    29/06/2012 07.58.50

    La prima parte è molto interessante, poi finalmente si arriva alla fine e le ultime 80 pagine di finale sono assurde, manca il filo logico e tutto sconclusionato, rovinando tutto il libro. Buone premesse per una pessima conclusione. Che delusione!!!

  • User Icon

    anna

    31/05/2012 10.52.40

    mi aspettavo qualcosa di piu, ma si legge bene.

  • User Icon

    Icaya

    05/03/2012 19.05.20

    Lo si legge perchè è un thriller...ma come è fatto male!! Scontato e a volte veramente poco convincente. La protagonista data l'antipatia e l'irritazione che suscita per la sua apatia è l'anti eroina per eccellenza!Non consigliato

  • User Icon

    dale

    10/03/2011 10.18.59

    Mi sono fidata dei commenti clamorosamente negativi degli altri lettori ed ho quindi aspettato, per comprare il libro, la sua edizione più economica possibile, pochi euro. Beh, sprecati anche quelli, però: perchè quanti esortavano a non darsi la pena di leggerlo avevano ragione. Pessima opera! Per commentarla come si merita avrei tanto voluto parlare chiaro della stolida soluzione ma non è nelle regole di questi commenti e non lo farò. Hai visto mai che c'è qualcun altro, come me, che si incuriosisce e lo vuol leggere.Dirò solo che il responsabile (maschio o femmina che sia) di tutto ciò che avviene rischia di complicare ancor più le cose di quanto non lo siano già, invece di semplificarle come era sua intenzione. Chi mai ricorrerebbe a un mezzo come quello escogitato da lui, per volgere a suo favore una situazione giudicata insostenibile e che invece poteva essere risolta con un po' di buon senso e di fermezza magari con l'ausilio di un buon avvocato? Così se alla fine, come ha detto un lettore, il risultato è che il colpo di scena consiste nel fatto che non c'è nessun colpo di scena, dobbiamo prenderne atto senza lamentarci. Una considerazione generale: ma perchè si pubblica tanta spazzatura solo per il fatto che è americana o magari svedese?

  • User Icon

    luca

    20/04/2010 15.33.07

    L'idea di base non è male, ma poteva e doveva essere sviluppata meglio. Ma gli editor esistono ancora??

  • User Icon

    fausto

    05/04/2010 20.45.58

    uno dei libri piu' inutili e assurdi che ho letto da anni a questa parte. Provate a ripensare un attimo alla trama e vi accorgerete che non regge assolutamene,penso semplicemente che l'autrice non sapesse piu' in che direzione andare.Una autrice da perdere di vista,se proprio volete leggerlo fatevelo prestare o prendetelo in biblioteca,non spendete un cent. per un simile obbrobrio...

  • User Icon

    arianna

    03/08/2009 13.26.11

    Un libro inutile. Mi ha annoiata. Non lo consiglio.

  • User Icon

    sara^ss^

    03/07/2009 13.48.46

    ostico e poco lineare. uno di quei libri che si riesce a terminare solo perchè ormai l'hai comprato. l'idea della narrazione su due piani temporali ritengo abbia contribuito fortemente alla sensazioni di divago mentale che ho provato leggendo questo libro: pensavo a tutto meno che alla trama del romanzo.

  • User Icon

    kalimera

    18/05/2009 13.10.16

    Non posso fare altro che associarmi ai lettori che mi hanno preceduto: ha la pretesa di essere un giallo ma è completamente privo di suspence e di colpo di scena; i personaggi sono a dir poco improbabili; se è possibile, il finale è ancora più deludente di tutto il libro. Soldi e tempo buttati. Uno dei libri peggiori che abbia mai letto.

  • User Icon

    Roberto

    25/03/2009 17.00.58

    Non e' male. Scritto in modo originale, due piani temporali con solo alcuni giorni di differenza, uno scritto in prima persona, uno in terza. Adesso le critiche: il colpo di scena del romanzo e'.....che non c'e' alcun colpo di scena. A pagina 25 (piu' o meno) avevo capito praticamente tutto. Speravo in una sorpresa finale. I personaggi sembrano usciti da un romanzone vittoriano (leggere per credere) e sono "leggermente" stereotipati (sopratutto il marito e sua madre). Si legge molto rapidamente. Tutto questo considerato il voto e' 2.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione