Categorie

Erri De Luca

Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Edizione: 3
Anno edizione: 2009
Pagine: 100 p. , Brossura
  • EAN: 9788807013898

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Federico

    22/11/2015 18.59.52

    E' il mio primo incontro con lo scrittore e mi ha fatto molto piacere. Tenera biografia scritta alla madre di un infanzia napoletana dove poesia e prosa si fondono in ricordi di lotta fatta di assenze, silenzi, reticenze, balbuzie in una fase di crescita di un personaggio "giusto".

  • User Icon

    virginia pirisi

    15/09/2012 19.38.09

    ho scoperto da poco questo autore ,prediligo quelli stranieri, ma Erri DeLuca mi ha fatto appassionare ai suoi scritti in modo viscerale,non ho grandi capacità d espressione ma ci tenevo a scrivere un mio parere prima di tutto per ringraziare l autore per tutte l emozioni che rivivo nella lettura dei suoi libri ,ne ho comprato e letto dieci in due mesi.Grazie

  • User Icon

    valeria

    08/11/2004 16.24.38

    una saga di ricordi di un povero ragazzino napoletano che mal vive il suo problema di balbuzienza...scritto con un lessico pari a quello di un qualsiasi studente di quinto liceo.Tra l'inconsistenza della storia e la banalità del lessico risulta essere,a parer mio,uno dei classici libri da non consigliare a nessuno!!non sò come si sia meritato l'onorevole titolo di scrittore.

  • User Icon

    Oscar Grimaldi

    14/04/2004 17.24.28

    Il primo libro "importante" di Erri De Luca l'ho letto per ultimo, causa difficoltà a reperirlo. Alla luce dei libri successivi (Aceto, Tu mio, Te cavalli, ecc) "Non ora, non qui" mi pare ancora un attimo acerbo. I temi cari a De Luca ci sono tutti ma mi pare vengano sviluppati in modo meno fluido che nei successivi. Irrinunciabile comunque

  • User Icon

    Francesco

    02/01/2004 13.12.41

    Un personaggio sgradevole (sarà così anche lo scrittore?) racconta la storia di una famiglia che non meritava e che non se lo meritava.

  • User Icon

    Bartolomeo Di Monaco

    15/05/2003 13.52.39

    La resistenza alla povertà opposta dai genitori del protagonista in modo insolito: “Non parlavamo napoletano. I genitori si difendevano dalla povertà e dall’ambiente con l’italiano”, è una sorta di estraniazione ben più complessa e devastante di un dolore fisico. Nonostante i tentativi del protagonista, che si addestra “da straniero”, si avverte subito che i suoi non sono occhi forestieri (e non lo saranno neppure quelli della madre), e che non si può sfuggire alla corposità di Napoli, se vi si è nati: “Conoscevo la febbre di sempre di quelli che non vogliono più essere poveri”, e la sua osservazione nasce dall’interno: “I bambini che ho sentito piangere da bambino, al di là del muro, per strada, avevano pianti di ferite, di colpi presi al volo, appena passavano vicino”, dai vicoli, dai sotterranei, dalle piazze accese di sole, dagli antri bui, dalle persone che si sono conosciute, come la vecchia domestica Filomena: “Vivemmo con persone amate senza saperlo, maltrattate senza accorgercene”, “partecipavo del dolore e del pericolo del mondo intorno dove cadevano colpi che nessuna bravura poteva contrastare” e soprattutto: “non ero testimone di tutto quel male e del mondo, ma responsabile.” Ci si avvale della forza dirompente e vivificatrice del ricordo, si osservano alcune foto, quella della madre, ed esse si animano subito del movimento della città, di rumori, persone, immagini e suoni vivi. De Luca è qui al suo primo romanzo, lo stile è lineare, e manca delle invenzioni stilistiche che verranno più tardi, ma non se ne sente affatto la mancanza, essendo attratti da una tessitura che ha nel passaggio dall’immobilità al movimento il suo punto di forza. Il ricordo nasce come assenza che si trasforma in vita. La foto che ritrae la madre ancora giovane, sui trent’anni (“È bello scendere in una fotografia”), mentre il protagonista ha toccato la sessantina, diventa, per questo, occasione di intensa sorgente di ricordi, segnati da un sentimento tenero e misurato, con espressioni che sono felici creazioni a sé, come queste

  • User Icon

    Melania

    04/11/1999 19.32.19

    E' una lettera accorata alla madre, un grido disperato che nasce da un cuore in parte rimasto bambino. Si tratta di un cammino a ritroso, fatto di piccoli passi, fatto di sensi di colpa, di silenzi che soffocano mille parole nell'anima triste. Si parla di un'infanzia senza domande e quindi senza risposte... Si tratta di uno sguardo al passato, come d'incanto reso immobile da una fotografia. Si tratta di uno splendido libro.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione